Mercato smartphone, Apple e Samsung insieme fanno più del 35% del mercato

Mercato smartphone, Apple e Samsung insieme fanno più del 35% del mercato

Il secondo trimestre 2015 mostra un mercato smartphone in eccezionale salute, specie grazie ai mercati emergenti e ai terminali di fascia media e bassa che vanno a sostituire i feature phone

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:07 nel canale Mercato
SamsungAppleXiaomiHuaweiLenovo
 

La società di analisi di mercato IDC ha pubblicato i dati preliminari relativi all'andamento del mercato smartphone nel secondo trimestre del 2015. Il periodo in esame mostra un volume di consegne di 337,2 milioni di pezzi, in crescita dell'11,6% rispetto allo stesso trimestre di un anno fa.

Il secondo trimestre del 2015 si configura così come il secondo più alto di sempre in termini di volumi grazie anche ad una robusta crescita in molti mercati emergenti. Se si guarda, invece, all'intero mercato della telefonia mobile i volumi di vendita sono di 464,6 milioni di unità, in lievissimo calo dello 0,4% rispetto ai 466,3 milioni di pezzi consegnati nel secondo trimestre dello scorso anno.

"La crescita complessiva del mercato smartphone non è stata trainata solamente dal successo dei modelli di punta da Samsung, Apple e altri, ma in modo più significativo dall'abbondanza di terminali accessibili che continuano a spingere le consegne in molti mercati chiave. Con la continua contrazione delle consegne dei feature phone, i vendor continueranno ad attaccare sia i mercati emergenti sia i mercati sviluppati con smartphone competitivi che abbiano molte funzionalità e prezzo basso" ha affermato Anthony Scarsella, Research Manager per IDC.

"Sebbene una gran parte dell'attenzione sia rivolta ad Apple e Samsung nella fascia alta del mercato, il mercato smartphone continua a diversificare con nuove realtà che approdano in questo mercato molto competitivo. Mentre i player cinesi stanno chiaramente guadagnando in questo trimestre, ogni tre mesi vi sono nuovi brand che arrivano sul mercato. IDC monitora oltre 200 brand di smartphone a livello globale, molti dei quali focalizzati su modelli di fascia bassa e media, e la maggior parte con un'attenzione geografica circoscritta, a volte anche su un solo Paese" ha osservato Melissa Chau, Senior Research Manager per IDC.

Samsung continua a guidare il mercato ma è stata l'unica realtà, nella top-5, a registrare una flessione dei volumi di vendita nel confronto con l'anno precedente. I nuovi Galaxy S6 ed S6 Edge sono giunti sul mercato con risposte contrastanti e con una disponibilità limitata dei modelli Edge che non ha potuto tenere il passo con la domanda. I precedenti modelli Galaxy sono stati velocemente venduti grazie a forti sconti e promozioni durante tutto il trimestre. Tutta l'attenzione è ora posta verso l'imminente rilascio di Note 5 e di un presunto S6 Edge Plus.

Il secondo trimestre di Apple ha visto 47,5 milioni di unità consegnate, con iPhone che continua ancora a dominare nel territorio cinese dove le consegne sono rimaste positive anche dopo un forte primo trimestre. Gli iPhone di maggiori dimensioni, assieme alla rapida espansione delle reti 4G in Cina, hanno permesso di proseguire la spinta per Apple nella regione Asia/Pacific. Ma con la saturazione del mercato che si fa sempre più pressante in molti mercati sviluppati come la Cina, Apple dovrà cercare di spingere ora sugli aggiornamenti con i nuovi modelli "S" nel prossimo trimestre.

Huawei ha conquistato il gradino più basso del podio grazie a forti vendite in Europa così come in Cina che le hanno regalato una crescita del 48,1% anno su anno. I modelli di fascia media e alta continuano ad avere successo, con l'ammiraglia P8, la serie Honor e Mate 7 che portano una crescita robusta nel segmento commercial e in quello consumer. Huawei cercherà ora di spostarsi oltre i mercati dell'Europa e dell'Asia/pacific e l'ultimo terminale lanciato negli Stati Uniti, P8 Lite, è proposto a soli 250 dollari.

Xiaomi continua a trovare successo in terra natìa grazie sia ai dispositivi premium ed entry-level come il Mi Note e il Redmi 2 che ha aiutato l'azienda ad ottenere il 29,7% di crescita anno su anno. Con una significativa presenza in India e nel sud-est asiatico, Xiaomi sta ora cercando di rafforzare il suo catalogo di proprietà intellettuale per espandere la propria presenza al di fuori della ziona Asia/Pacific, a partire dal Brasile.

Lenovo, il terzo OEM cinese presente in classifica, ha agguantato l'ultimo posto nella top-five nonostante la forte competizione con Xiaomi e Huawei. Al di fuori della Cina, Lenovo ha continuato a testimoniare successo nei mercati emergenti come l'India, con i modelli entry-level e di fascia media come A600 e A7000 venduti tramite canali retail su Internet. Il brand Motorola in America ed Europa continua a prosperare con la seconda generazione di Moto E e i terminali Moto G. Inoltre la terza generazione di Moto X e Moto G dovrebbe arrivare nel corso della seconda metà del 2015.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^