Micron riduce del 40% i dipendenti nelle proprie 4 sedi italiane

Micron riduce del 40% i dipendenti nelle proprie 4 sedi italiane

L'azienda americana, con una presenza di circa 1.100 dipendenti in Italia, annuncia un taglio radicale nel numero dei dipendenti. Si cerca, anche attraverso il ministero, un punto d'incontro che per il momento è ancora lontano.

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 15:31 nel canale Mercato
 

Sono trascorsi 10 giorni dall'annuncio di Micron Semiconductor, quarto produttore mondiale di semiconduttori nel 2013, di voler procedere con 419 esuberi di propri dipendenti da 4 sedi produttive italiane. Si tratta di una cifra che incide su circa il 40% dei poco meno di 1.100 dipendenti circa che l'azienda americana vanta in Italia.

Gli esuberi sono 223 nella sede di Agrate, su 507 dipendenti, 127 in quela di Catania (con 324 occupati), 52 ad Arzano su 131 dipendenti e 17 ad Avezzano (92 i dimendenti di questa sede). In considerazione del tipo di attività svolto dall'azienda si tratta di posizioni professionali dalla notevole specializzazione: ingegneri, tecnici e personale impegnato nella ricerca e sviluppo. Le sedi italiane di Micron sono entrate nell'orbita dell'azienda americana negli scorsi anni a seguito di operazioni di acquisizione: con queste Micron ha accresciuto la propria presenza nel mercato delle memorie e con questo contribuito ad ottenere risultati finanziari di rilievo, sfruttando tecnologie, brevetti e pacchetto clienti che negli anni precedenti erano stati sviluppati.

Alla base della riduzione del personale programmato dall'azienda le conseguenze dell'acquisizione della giapponese Elpida, altro player nel settore delle memorie. Con questa operazione Micron Technology ha inglobato circa 6.000 dipendenti provenienti da Elpida ma l'azienda ha scelto di voler mantenere invariato il numero complessivo di dipendenti al numero precedente l'acquisizione di Micron. Da questo la scelta di operare riduzioni del personale di circa il 5% del totale, con una forte incidenza nelle sedi produttive italiane.

La critica che viene da più parti mossa è che dietro questa operazione vi sia la volontà dell'azienda di delocalizzare in altre regioni quella che è la produzione sviluppata nelle proprie filiali italiane, dopo che da queste ultime sono stati presi tecnologie e clienti: contro questo si schierano i dipendenti e le compagini sindacali. Nelle giornate di giovedì e venerdì della scorsa settimana i dipendenti hanno scioperato; un incontro presso il ministero dello Sviluppo Economico tenuto nella giornata di ieri non ha portato ad uno sblocco della situazione e un secondo tentativo di mediazione è previsto per il prossimo 21 Febbraio.

27 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Dumah Brazorf30 Gennaio 2014, 19:02 #1
Tanto questi non sono operai Fiat o della Electrolux, se manifestano non se accorge nessuno.
dobermann7730 Gennaio 2014, 19:15 #2
Originariamente inviato da: Dumah Brazorf
Tanto questi non sono operai Fiat o della Electrolux, se manifestano non se accorge nessuno.


Una delle aziende piu' importanti in Abruzzo :-(
Antonio2330 Gennaio 2014, 19:26 #3
Originariamente inviato da: dobermann77
Una delle aziende piu' importanti in Abruzzo :-(


micron ha venduto la fab di Avezzano a LFoundry. Infatti i dipendenti totali ad avezzano per conto di micron sono solo 92.
Phantom II30 Gennaio 2014, 22:59 #4
Originariamente inviato da: Dumah Brazorf
Tanto questi non sono operai Fiat o della Electrolux, se manifestano non se accorge nessuno.

Se non fai sentire il tuo dissenso nessuno si accorge di te, a prescindere.
euscar30 Gennaio 2014, 23:18 #5
Andando avanti di questo passo che fine faremo?
Molte aziende o chiudono o delocalizzano mentre il governo non riesce a fare una riforma che sia una per diminuire il carico fiscale su chi produce... sono sempre più convinto che la situazione dell'Italia si avvicina a quella della Grecia.
loop58531 Gennaio 2014, 00:46 #6
Se io fossi una potenza simile me ne sarei andato via da un pezzo da sto paese, anzi non avrei proprio aperto sedi in italia. Sono sicuro che la pensano come me milioni di imprenditori.
Antonio2331 Gennaio 2014, 01:23 #7
Originariamente inviato da: loop585
Se io fossi una potenza simile me ne sarei andato via da un pezzo da sto paese, anzi non avrei proprio aperto sedi in italia. Sono sicuro che la pensano come me milioni di imprenditori.


ma non diciamo calzate. una "potenza simile" prima dell'acquisizione di numonyx (la parte di STm che si occupava di memorie, in italia) era in rosso. 3 anni dopo, grazie al know how di ingegneri italiani sviluppato in italia, ha completamente risollevato le proprie sorti. ora, acquisita elpida e dopo aver accaparrato tutto il know how necessario, salutano tutti e lasciano a spasso migliaia di famiglie.
maxmax8031 Gennaio 2014, 02:30 #8
bene, io metterei l' embargo ai prodotti micron in italia.
Phantom II31 Gennaio 2014, 08:46 #9
Originariamente inviato da: euscar
Andando avanti di questo passo che fine faremo?
Molte aziende o chiudono o delocalizzano mentre il governo non riesce a fare una riforma che sia una per diminuire il carico fiscale su chi produce... sono sempre più convinto che la situazione dell'Italia si avvicina a quella della Grecia.


Originariamente inviato da: loop585
Se io fossi una potenza simile me ne sarei andato via da un pezzo da sto paese, anzi non avrei proprio aperto sedi in italia. Sono sicuro che la pensano come me milioni di imprenditori.

Scrivete come se il problema fosse solo italiano e non sistemico, magari vi è sfuggito che proprio in questi giorni la divisione server x86 di IBM e Motorola Mobility sono passate dalla mano statunitense a quella cinese...

Agli imprenditori poi del paese di turno non frega niente, interessa soltanto realizzare il massimo profitto, politica che di solito (giusto per usare un eufemismo) cozza con gli interessi della stragrande maggioranza della popolazione, ma evidentemente qui dentro siete tutti imprenditori...
adario7331 Gennaio 2014, 08:49 #10

poveri noi ...

Sono un impiegato Micron di Catania, e stavolta voglio dire la mia.
L'azienda ha inglobato non solo Numonyx ( joint venture fra i rami memorie di Intel/STMicroelectronics ), ma anche tutti i suoi brevetti,
provenienti dal duro lavoro degli inegneri specializzati ITALIANI.
Inoltre Numonyx aveva beneficiato ( stramite ST ) di incentivi europei, e in cambio si era impegnata a rimanere sul territorio nazionale.
L'acquisto da parte di Micron e' stata un'abile mossa,
ma ancora una volta la prendiamo in quel posto noi lavoratori ...

Il titolo MU ( Micron ) si e' QUADRUPLICATO nell'ultimo anno.

Ultimamente la politica e' "sembrata" interessata alla situazione.
Giorno 28 c.m. e' fissato l'incontro al MISE,
saranno presenti i rappresentanti delle regioni in cui Micron e' presente ( Lombardia, Campania, Abruzzo, Sicilia ),
le parti sociali e il presidente di Micron Italia ( relegato al ruolo di passacarte dalla direzione Americana di Boise ).

Dei miei colleghi stanno rinunciando a sposarsi, altri stanno cercando lavoro all'estero.
Chi rimane ( non toccato, per il momento, dalla procedura di mobilita' ), non sta di sicuro meglio degli altri,
in quanto e' palese la volonta' dell'azienda di abbandonare l'Italia.
Scusate lo sfogo !
GRAZIE Micron !

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^