Microsoft-Lenovo: accordo cross-licensing e app MS preinstallate negli smartphone

Microsoft-Lenovo: accordo cross-licensing e app MS preinstallate negli smartphone

Microsoft e Lenovo intensificano la partnership annunciando un accordo cross-licensing per il reciproco utilizzo dei brevetti. Il nuovo accordo prevede inoltre la preinstallazione delle app di produttività personale della casa di Redmond negli smartphone di Lenovo.

di Salvatore Carrozzini pubblicata il , alle 15:31 nel canale Mercato
MicrosoftLenovo
 

Microsoft e Lenovo intensificano il rapporto di collaborazione annunciando un accordo cross-licensing in base al quale le due aziende potranno utilizzare reciprocamente le licenze d'uso dei rispettivi portfolio brevetti, comprendenti anche quelli impiegati nei dispositivi Lenovo e Motorola (il comunicato stampa non entra più nel merito per tratteggiare in maniera dettagliata l'estensione dell'accordo cross-licensing). 

Il secondo nucleo attorno al quale si snoda la rinnovata alleanza tra Microsoft e Lenovo passa per la scelta di preinstallare le app di produttività personali della casa di Redmond, comprendenti tra le altre Office, OneDrive e Skype, sui dispositivi Lenovo basati sul sistema operativo Android. Nik Parker, VP Corporate Divisione OEM di Microsoft ha commentato in questi termini la decisione:

Siamo entusiasti del fatto che le nostre app di produttività personale saranno pre-installate nei dispositivi premium di Lenovo. L'unione delle app Microsoft con i dispositivi di Lenovo basati su Android consentirà ai consumatori in tutto il mondo di essere più produttivi, più connessi e di realizzare ancor di più

Christian Eigen, Leader of Corporate Alliances di Lenovo, ha aggiunto: 

La nostra collaborazione con Microsoft creerà nuove opportunità per i nostri clienti di trarre vantaggio da alcune delle applicazioni più popolari di Microsofte. L'installazione delle applicazioni e dei servizi di Microsoft sui nostri dispositivi offrirà ulteriore valore aggiunto per i consumatori di tutto il mondo.

Non trascurabili gli effetti del nuovo accordo cross-licensing che si colloca in una serie di accordi analoghi stipulati da Microsoft nell'ambito del programma attivato alla fine del 2013 e che, ad oggi, può annoverare oltre 1,200 accordi di licenza. Ulteriori informazioni sul programma sono reperibili a questo indirizzo

Nemmeno la strategia per la diffusione delle app e dei servizi della casa di Redmond, mediante la preinstallazione in dispositivi molto diffusi nel mercato smartphone appare isolata. Accordi analoghi sono stati stipulati da Microsoft nei mesi scorsi con altri importanti produttori di terminali Android, come Acer, Asus, LG, Sony e Samsung. Nel comunicare il recente accordo con Lenovo, si fa riferimento alla previsione di milioni di dispositivi Android del produttore consegnati nei prossimi anni, un ulteriore ed ampio bacino di potenziali utenti dei servizi e delle app di Microsoft.

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Axios200623 Agosto 2016, 17:38 #1
Immagino che MS ritenga l'utente medio incapace di scaricare una app ed installarla. Ben 2 click....

Ah, no. Pensavo male. È solo per fornire roba pre installata, magari non disinstallabile (ne sarebbero capaci eccome), stile Internet Explorer.

Se fossero sicuri della qualità dei loro prodotti, vedrebbero che la gente li installerebbe spontaneamente.

Vedi OneDrive da Windows 8 in poi...

Già sui Samsung non bastava il bloatware di fabbrica stile Blurb... O la app di Expo rifilata con un upgrade di pseudo sicurezza.

Però alla fine posso capire MS... Dopo 20 anni di politiche mobile fallimentari, ben lo 0,6% di market share, almeno pre installano app qui e lì per mantenere visibile il loro marchio.

Sviluppare dei loro telefoni capaci di raggiungere almeno il 25% di market share è chiaramente al di fuori delle loro capacità...
calabar23 Agosto 2016, 18:31 #2
@Axios2006
Mi sembra che tu stia ampiamente sottovalutando l'importanza del preinstallato.
Se Microsoft vuole promuovere i propri servizi, questo è uno dei principali mezzi che ha a disposizione. Non è questione di qualità o di avere fiducia nel proprio prodotto, il software in dotazione e da sempre uno dei più importanti mezzi di conoscenza e diffusione.
Per Microsoft questa è tra l'altro un'arma a doppio taglio, dato che il proprio software preinstallato su Windows da una parte l'ha aiutata e dall'altra le ha creato diversi grattacapi con l'antitrust.
Axios200624 Agosto 2016, 00:37 #3
Originariamente inviato da: calabar
@Axios2006
Mi sembra che tu stia ampiamente sottovalutando l'importanza del preinstallato.
Se Microsoft vuole promuovere i propri servizi, questo è uno dei principali mezzi che ha a disposizione. Non è questione di qualità o di avere fiducia nel proprio prodotto, il software in dotazione e da sempre uno dei più importanti mezzi di conoscenza e diffusione.
Per Microsoft questa è tra l'altro un'arma a doppio taglio, dato che il proprio software preinstallato su Windows da una parte l'ha aiutata e dall'altra le ha creato diversi grattacapi con l'antitrust.


Mi sa che è perchè appena ho sottomano un pc o smartphone, faccio saltare via tutto l'eliminabile... E quindi il preinstallato manco lo vedo...

Comunque citavo proprio l'integrazione di IE in Windows...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^