Microsoft si rifocalizza sui servizi cloud, possibili licenziamenti in vista

Microsoft si rifocalizza sui servizi cloud, possibili licenziamenti in vista

La società si concentra maggiormente sulla vendita di servizi cloud e riorganizza la propria forza vendite. Possibili licenziamenti che andranno a colpire tutti gli uffici attorno al mondo

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:41 nel canale Mercato
MicrosoftAzure
 

Microsoft ha disposto una riorganizzazione della forza vendite globale per intensificare l'attenzione sulla vendita di servizi cloud invece che su pacchetti software standalone. A riportare la notizia è il Wall Street Journal il quale, sebbene non vi sia stata almeno per ora alcuna indicazione ufficiale da parte di Microsoft, ipotizza un possibile rimaneggiamento della forza lavoro e l'eventualità di una campagna di licenziamenti.

La riorganizzazione è solamente l'ultima di una serie di cambiamenti strutturali che l'azienda di Redmond ha portato avanti dal 2014, cioè da quando l'ex-CEO Steve Ballmer ha lasciato il timone nelle mani di Satya Nadella, in precedenza responsabile della divisione cloud di Microsoft. La società ha da allora orientato una parte consistente delle risorse nella costruzione e diffusione della piattaforma di cloud computing Azure e nella vendita di pacchetti software ad abbonamento ad aziende e professionisti. Si tratta di un cambiamento radicale rispetto all'originario modello di business di Microsoft, incentrato sulla vendita delle licenze "one-shot" di Windows e Office.

L'azienda di Redmond sta cercando di raggiungere Amazon, che nell'ambito cloud ha saputo riscuotere un consistente successo con Amazon Web Services, e di contrastare Google che sta registrando una soddisfacente crescita dalla divisione cloud. Microsoft ha dichiarato che ora si concentrerà su due aree distinte: i clienti big enterprise e le aziende piccole e medie. Non è chiaro esattamente quali possano essere le variazioni nella composizione dell'offerta futura. Un memo circolato internamente afferma che la riorganizzazione è stata pensata per "allineare le giuste risorse per il giusto cliente al momento giusto".

Attualmente non è chiaro quale possa essere la portata dei licenziamenti, ma il Wall Street Journal afferma che verosimilmente andranno ad interessare le sedi e i distaccamenti nei Paesi dove Microsoft è presente. Si attendono conferme o smentite dalla società.

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
s-y04 Luglio 2017, 09:59 #1
ass a service
Axios200604 Luglio 2017, 10:08 #2
Solita storia: la dirigenza fa casini, i dipendenti pagano le conseguenze.

Windows Mobile docet.
TheZioFede04 Luglio 2017, 10:17 #3
Beh mi pare evidente che puntano tutto su quello ormai, d'altronde rispetto a google e apple mi pare che abbiano ancora molti più dipendenti in proporzione se ben ricordo...
chissà che dopo il mobile non facciano fuori altri rami se continuano così

Originariamente inviato da: s-y
ass a service


qualcosa mi dice che non ti piace il cloud , purtroppo sembra che il mondo vada in quella direzione

@Axios2006
battuto di nuovo per qualche minuto
GTKM04 Luglio 2017, 10:18 #4
Originariamente inviato da: TheZioFede
Beh mi pare evidente che puntano tutto su quello ormai, d'altronde rispetto a google e apple mi pare che abbiano ancora molti più dipendenti in proporzione se ben ricordo...
chissà che dopo il mobile non facciano fuori altri rami se continuano così



qualcosa mi dice che non ti piace il cloud , purtroppo sembra che il mondo vada in quella direzione

@battuto di nuovo per qualche minuto


E io sono dalla sua parte in questa logorante guerra contro il claud!
LucaLindholm04 Luglio 2017, 10:18 #5

Ehhhh...

Nella fonte originaria non si parla affatto di licenziamenti (né a maggior ragione, in larga scala), ma soltanto di modifiche nelle varie divisioni e nelle varie unità organizzative.

Ovviamente, però, la tentazione di mettere la parola "licenziamenti" in un articolo su MS era troppo forte ed ecco fatto: Astios ha già abboccato all'amo.

TheZioFede04 Luglio 2017, 10:20 #6
Originariamente inviato da: GTKM
E io sono dalla sua parte in questa logorante guerra contro il claud!


eh già, ma alla fine è il mercato a dettare le regole
s-y04 Luglio 2017, 10:20 #7
Originariamente inviato da: TheZioFede
qualcosa mi dice che non ti piace il cloud , purtroppo sembra che il mondo vada in quella direzione


non posso dire che mi piaccia, tuttavia era (soprattutto) un semplice gioco di parole legato strettamente alla possibilità paventata nel rumor (e in senso generico, tanto è una regola universale)

e si, il dado è tratto ormai (anche se delle 'sacche di resistenza' imho resteranno per forza)
GTKM04 Luglio 2017, 10:21 #8
Originariamente inviato da: TheZioFede
eh già, ma alla fine è il mercato a dettare le regole


Già

Tornando un attimo in tema, ovviamente tutte le aziende del settore subiranno ristrutturazioni per focalizzarsi su questo "nuovo" settore.
LMCH04 Luglio 2017, 10:52 #9
Originariamente inviato da: LucaLindholm
Nella fonte originaria non si parla affatto di licenziamenti (né a maggior ragione, in larga scala), ma soltanto di modifiche nelle varie divisioni e nelle varie unità organizzative.

Ovviamente, però, la tentazione di mettere la parola "licenziamenti" in un articolo su MS era troppo forte ed ecco fatto: Astios ha già abboccato all'amo.



Nell'articolo del WJS c'e' scritto esplicitamente:
Microsoft Corp. reorganized its global sales group Monday to focus on cloud services, and a person familiar with the plans said the move will lead to layoffs in the thousands.
s0nnyd3marco04 Luglio 2017, 11:04 #10
Originariamente inviato da: LMCH
Nell'articolo del WJS c'e' scritto esplicitamente:


Potresti anche mandargli a casa una stampa dell'articolo, ma negherebbe comunque.


Polemiche a parte purtroppo MS ha cambiato direzione, e' evidente. Personalmente non amo ne il cloud ne i servizi su abonamento (office 365). Purtroppo per giocare e per alcuni software specifici, windows e' ancora l'unica scelta.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^