Microsoft sotto inchiesta per presunte tangenti in Russia e Pakistan

Microsoft sotto inchiesta per presunte tangenti in Russia e Pakistan

Microsoft è sotto inchiesta in Russia e Pakistan per un caso di presunte tangenti incanalate a dirigenti per vincere gare contro la concorrenza

di Nino Grasso pubblicata il , alle 15:05 nel canale Mercato
Microsoft
 

Microsoft è sotto inchiesta per alcuni casi di corruzione che questa volta giungono lontano dalla Cina. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sta ampliando le indagini sulla società di Redmond, che avrebbe apparentemente lavorato con società affinché queste corrompessero funzionari di governi stranieri in modo da accettare i contratti software della società.

Il caso è scoppiato in Russia e Pakistan ed è stato riportato in un primo momento dal Wall Street Journal, che scrive fra le altre cose: "In Pakistan un informatore sostiene che Microsoft abbia autorizzato una società di consulenza a sostenere le spese di un viaggio in Egitto di cinque giorni a favore di un funzionario del governo e la rispettiva consorte, per aggiudicarsi una gara." Discorso simile in Russia, altre fonti sostengono che "per portare a termine un accordo, rivenditori autorizzati di software Microsoft hanno incanalato tangenti a dirigenti di alcune aziende di proprietà dello Stato."

La notizia arriva in seguito ad un caso simile scoppiato in Cina che ha obbligato la Giustizia americana e la Securities and Exchange Commission ad indagare sulle mosse compiute in Estremo Oriente, esaminando anche alcuni rapporti con rivenditori e consulenti in Romania e Italia.

Proprio Microsoft aveva riportato in passato che avrebbe preso tutte le accuse di corruzione e tangenti molto seriamente. Al momento la società sembra cooperare con le autorità statunitensi in modo da aiutarle nelle indagini e portare alla luce la verità. Il Governo Americano non ha ancora mosso accuse nei confronti di Microsoft né dei partner commerciali e le indagini potrebbero concludersi con un nulla di fatto.

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
s0nnyd3marco23 Agosto 2013, 15:52 #1
Microsoft che ostacola la concorrenza... wow che novita'...

Comunque la big news e' questa:

http://www.microsoft.com/en-us/news...tatementPR.aspx
san80d23 Agosto 2013, 16:07 #2
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco


ho visto schizzare il titolo microsoft e mi chiedevo il perché, poi ho letto la notizia... evidentemente stava antipatico a molti
emiliano8423 Agosto 2013, 16:23 #3
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Microsoft che ostacola la concorrenza... wow che novita'...

Comunque la big news e' questa:

http://www.microsoft.com/en-us/news...tatementPR.aspx


Caro STEVE ci mancherai

vogliamo ricordarlo cosi:

http://www.youtube.com/watch?v=wvsboPUjrGc
http://www.youtube.com/watch?v=hMLcKtVwF-A
http://www.youtube.com/watch?v=IY2j_GPIqRA
san80d23 Agosto 2013, 16:25 #4
Originariamente inviato da: emiliano84
Caro STEVE ci mancherai


da quel punto di vista sicuro
maumau13823 Agosto 2013, 20:12 #5
Davveeeero? In Russia ed in Pakistan accettano tangenti? Non l'avrei mai detto.

P.S. Ce ne sono un'altra ventina di paesi in cui le scelte vengono fatte in base a chi paga di più, e non sarei tanto sicuro del fatto che anche da noi non avvenga così.
san80d23 Agosto 2013, 20:18 #6
Originariamente inviato da: maumau138
Ce ne sono un'altra ventina di paesi in cui le scelte vengono fatte in base a chi paga di più, e non sarei tanto sicuro del fatto che anche da noi non avvenga così.


solo una ventina... magari
barzokk24 Agosto 2013, 14:14 #7
Originariamente inviato da: maumau138
Davveeeero? In Russia ed in Pakistan accettano tangenti? Non l'avrei mai detto.

P.S. Ce ne sono un'altra ventina di paesi in cui le scelte vengono fatte in base a chi paga di più, e non sarei tanto sicuro del fatto che anche da noi non avvenga così.

Infatti c'è anche l'Italia, questa notizia è di marzo 2013:
[I]Le autorità federali statunitensi stanno indagando su possibili tangenti pagate da Microsoft a funzionari governativi stranieri in cambio della sottoscrizione di contratti software. Italia, Romania e Cina sarebbero, secondo quanto riferito da Wall Street Journal, al centro dei casi di corruzione.[/I]
http://www.tomshw.it/cont/news/tang...so/44067/1.html

Che bravi alla Microsoft

Ma intanto sappiamo che già finirà così come anticipato dall'autore:
Il Governo Americano non ha ancora mosso accuse nei confronti di Microsoft né dei partner commerciali e le indagini potrebbero concludersi con un nulla di fatto.

Purtroppo [S]quando si tratta di favorire le proprie aziende,[/S] gli americani non si fanno scrupoli di nessun tipo.
WarDuck24 Agosto 2013, 14:26 #8
Tutto il mondo è paese, oserei dire... non ci si può stupire più di tanto.

Basti ricordare il caso indiano degli Elicotteri Finmeccanica.

@barzokk: gli americani sono di sicuro un popolo pieno di contraddizioni, ma forse dovremmo guardarci in casa nostra.
barzokk24 Agosto 2013, 14:36 #9
Originariamente inviato da: WarDuck
Tutto il mondo è paese, oserei dire... non ci si può stupire più di tanto.

Basti ricordare il caso indiano degli Elicotteri Finmeccanica.

@barzokk: gli americani sono di sicuro un popolo pieno di contraddizioni, ma forse dovremmo guardarci in casa nostra.

Sì, ma in casa nostra ci guardiamo già tutti i giorni, invece è ora di smettere di pensare che l'erba del vicino è sempre più verde. I governi di Germania ed USA avranno il potere ma sono farabutti come gli altri, se non anche più degli altri, come la storia ha già dimostrato.

Per Finmeccanica non mi meraviglierei se ci fosse di mezzo la NSA e PRISM per fregare le commesse internazionali all'Italia. Echelon insegna.
Eress24 Agosto 2013, 14:39 #10
Originariamente inviato da: san80d
da quel punto di vista sicuro

Può sempre trovare un posto in qualche spettacolo di guitti di provincia
Nacchio, questo era il testone pensante di MS, da cui è uscita la genialata W8 e anche le tangenti a quanto pare

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^