Net neutrality, brevetti, broadband e radiofrequenze: cosa cambierà con Obama

Net neutrality, brevetti, broadband e radiofrequenze: cosa cambierà con Obama

Obama si prepara a mettere in pratica le numerose innovazioni annunciate in campagna elettorale: ecco come cambierà lo scenario ICT americano

di Alessio Di Domizio pubblicata il , alle 08:37 nel canale Mercato
 

Fra le categorie che si aspettano molto dalla presidenza di Obama ci sono quei molti soggetti, sensibili ai temi più scottanti dell'ICT, le cui speranze sono state disilluse durante gli otto anni della presidenza Bush. Partendo da un approfondimento di eWeek, analizziamo i risvolti più sensibili per il mondo tecnologico emersi dalle dichiarazioni del nuovo presidente USA.

Partiamo dal supporto alla net neutrality: una brutta notizia per i più grandi carrier nazionali quali AT&T, Verizon e Comcast, che attualmente filtrano estensivamente il traffico, prioritizzandolo in base a criteri non sempre del tutto trasparenti.

Un altro punto chiave dell'agenda tecnologica del neoeletto presidente è la revisione della disciplina dei brevetti, in direzione di una riduzione del valore delle richieste di danni da infrazione e una limitazione della brevettabilità a campi chiari e ben definiti. La finalità dichiarata di questo processo è, nelle parole del presidente, "ridurre l'incertezza e il numero di cause insensate che attualmente frenano l'innovazione".

Ulteriori, significative proposte, riguardano investimenti sulla banda larga e una revisione della disciplina sull'uso delle radiofrequenze, che potrebbe condurre ad un ampliamento dell'offerta di servizi wireless distribuiti sul territorio.

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
II ARROWS18 Novembre 2008, 08:55 #1
Obama legge HWUpgrade!
Almeno i commenti.
Mr Resetti18 Novembre 2008, 08:57 #2
bene per gli investimenti su broadband e connessioni wireless.... per quanto riguarda la net neutrality, per quanto io sia fondamentalmente d'accordo, c'è un aspetto non del tutto trascurabile: il P2P incide molto sull'uso della banda di un gestore e trovo in parte giusto che il traffico venga filtrato, ma solo ed esclusivamente per evitare che l'intera infrastruttura collassi. Io stesso per avere la banda libera dai filtri ho fatto un abbonamento che costa di più (Alice, Tiscali, Libero, ecc. filtrano tutti indiscriminatamente il traffico P2P). Ben venga la Net Neutrality, ma ad un prezzo lievemente superiore ai classici abbonamenti "per le mamme" che vengono venduti in massa!
Mr Resetti18 Novembre 2008, 08:59 #3
ah... per quanto riguarda i brevetti, non si può che accogliere la notizia con un applauso, dato che il sistema corrente è semplicemente scandaloso!
Le aziende "patent troll" in questi ultimi anni sono veramente troppe e troppo pedanti!
zago18 Novembre 2008, 09:04 #4
Originariamente inviato da: Mr Resetti
...Io stesso per avere la banda libera dai filtri ho fatto un abbonamento che costa di più (Alice, Tiscali, Libero, ecc. filtrano tutti indiscriminatamente il traffico P2P). ...


veramente ALICE non filtra un bel nulla
non trolliamo inutilmente
Automator18 Novembre 2008, 09:07 #5
beh con i brevetti hanno tirato troppo la corda, era ovvio che prima o poi qualcuno cambiasse le regole.

Speriamo non restino solo parole.

quando si tradurrà in realtà: bravo Obama!
monsterman18 Novembre 2008, 09:44 #6
Chissà speriamo che un presidente relativamente giovane sappia essere un po' più al mondo di quelle cariatidi che hanno governato fin'ora.
AdolfoG18 Novembre 2008, 10:10 #7
D'accordo su tutto... peccato solo che si stia parlando degli Stati Uniti. Se Obama riuscirà a fare anche solo un terzo di quanto si prefigge, ci sarà in quel paese un'ondata di innovazione e di ricerca che noi possiamo solo scordarci.
!fazz18 Novembre 2008, 10:29 #8
Originariamente inviato da: zago
veramente ALICE non filtra un bel nulla
non trolliamo inutilmente


veramente alice filtra, da casa mia alcuni forum contentente link a siti di videosharing (principalmente fansub ma anche altro non proprio legale) vengono filtrati sul dns di alice e per accedervi è necessario usare opendns
peppepz18 Novembre 2008, 10:44 #9
Originariamente inviato da: Mr Resetti
per quanto riguarda la net neutrality, per quanto io sia fondamentalmente d'accordo, c'è un aspetto non del tutto trascurabile: il P2P incide molto sull'uso della banda di un gestore e trovo in parte giusto che il traffico venga filtrato, ma solo ed esclusivamente per evitare che l'intera infrastruttura collassi. Io stesso per avere la banda libera dai filtri ho fatto un abbonamento che costa di più (Alice, Tiscali, Libero, ecc. filtrano tutti indiscriminatamente il traffico P2P). Ben venga la Net Neutrality, ma ad un prezzo lievemente superiore ai classici abbonamenti "per le mamme" che vengono venduti in massa!


La net neutrality è uno dei presupposti base di Internet! Se già solo il fatto che gli ISP analizzino i pacchetti per determinarne il tipo di traffico è un abominio sia dal punto di vista tecnico (viola la separazione degli strati) che dal punto di vista umano (viola il diritto alla riservatezza), la possibilità che addirittura li filtrino apre la porta a un mondo sterminato di comportamenti scorretti da parte degli ISP.
Vale a dire, consentirebbe che siano gli ISP a scegliere quali servizi IP l'utente debba usare - il che è inaccettabile, soprattutto alla luce del fatto che ormai gli ISP sono quasi sempre i gestori delle linee telefoniche, che, come sappiamo, hanno interessi che non coincidono con la connettività globale e gratuita che caratterizza Internet (guardate quanto ci tariffano per un sms o una videochiamata, in confronto agli equivalenti basati su IP).

Internet *è* neutrale per definizione, se gli ISP vogliono vendere un prodotto non neutrale dovranno etichettarlo come tale e distinguerlo, e lasciare per legge agli utenti la possibilità di scegliere fra esso ed Internet (altrimenti semplicemente gli ISP si metterebbero tutti d'accordo e offrirebbero solamente la versione limitata, al prezzo deciso da loro).

Se proprio gli ISP sono così mal messi da non avere introiti sufficienti da investire per migliorare le infrastrutture di rete (a giudicare dalle bollette che ci arrivano ogni mese si fa fatica a capire come sia possibile), secondo me la soluzione più democratica per evitare che i torrentari "monopolizzino le autostrade telematiche" è semplice: istituire un ragionevole tetto mensile di traffico sugli abbonamenti più economici, e dare la possibilità a chi utilizza più traffico di superarlo pagando un extra, che possa essere investito per migliorare la rete. Così sarà l'utente a decidere come spendere il suo traffico, pagando il giusto compenso a chi mantiene i cavi.

Per piacere, compagnie telefoniche, prendete pure i nostri soldi, ma non cambiateci la definizione di Internet.
peppepz18 Novembre 2008, 10:54 #10
Originariamente inviato da: !fazz
da casa mia alcuni forum contentente link a siti di videosharing (principalmente fansub ma anche altro non proprio legale) vengono filtrati sul dns di alice e per accedervi è necessario usare opendns


Per non parlare dell'operazione criminale di catturare a monte i fallimenti di risoluzione DNS per dirottare l'utente verso il proprio motore di ricerca quando sbaglia a digitare il nome di un sito!
Operazione che, fra l'altro, danneggia il corretto funzionamento delle applicazioni IP che non hanno più modo di sapere se un host esiste oppure no.

Se veramente quelli di Alice ritengono che questo sia un "servizio" apprezzabile per il cliente, lo avrebbero dovuto rendere "opt-in".

(fra l'altro, nel contratto firmato con Alice, c'è scritto da qualche parte che li autorizzo ad analizzare i pacchetti in entrata verso la mia macchina per consentire loro di offrirmi servizi alternativi? Questo mi fa riflettere parecchio sul rispetto che Alice ha per la riservatezza dei propri clienti, e, più in generale, sul rispetto che Alice ha per i propri clienti.
Ora, dov'è il mio cappello di carta stagnola ?)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^