Non-concorrenza sui dipendenti: i big della Silicon Valley patteggiano per 415 milioni di dollari

Non-concorrenza sui dipendenti: i big della Silicon Valley patteggiano per 415 milioni di dollari

L'offerta di Intel, Apple, Adobe e Google incontra il parere positivo del giudice: gli ex-impiegati che hanno aderito alla causa collettiva riceveranno circa 5800 dollari di risarcimento a testa

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:01 nel canale Mercato
IntelAppleAdobeGoogle
 

Apple, Google, Intel e Adobe si perparano a sborsare 415 milioni di dollari (complessivamente) per porre fine alla causa civile che le vede accusate di aver portato avanti una serie di accordi sottobanco per evitare di sottrarsi dipendenti a vicenda. Nel corso della giornata d ieri il giudice distrettuale Lucy Koh ha deciso che l'accordo risponde a caratteristiche di "equità, adeguatezza e ragionevolezza" nei confronti dei migliaia di ex-dipendenti delle aziende citate che si sono riuniti nella causa collettiva.

I 415 milioni sono stati messi sul piatto a gennaio, dopo che il giudice aveva cassato il precedente tentativo di patteggiamento con l'offerta di 324,5 milioni di dollari asserendo che gli impiegati danneggiati dalle misure di non-concorrenza avrebbero meritato un risarcimento più consistente. Già nel corso del mese di marzo il giudice Koh era apparsa essere incline ad apporvare l'offerta di 415 milioni di dollari.

La causa, avviata da un nutrito gruppo degli ex-dipendenti delle quattro compagnie, ha fatto luce sulla pratica di collaborare dietro le quinte per non sottrarsi impiegati a vicenda. Le vittime di questa pratica hanno osservato come questi accordi abbiano limitato la loro possibilità di crescita professionale nel settore e ostacolato i tentativi di contrattare stipendi più alti. Gli scambi di email tra i top executive delle compagnie (come il famoso botta e risposta tra Steve Jobs ed Eric Schmidt in cui il fondatore di Apple avvertì Schmidt che le risorse umane di Google avevano offerto posizioni lavorative ad alcuni dipendenti della Mela) hanno rivelato in che modo fossero portate avanti le richieste per non assumere determinati impiegati.

Quando a gennaio si iniziò a scorgere la possibilità di un patteggiamento, le compagnie hanno comunque continuato a negare di aver violato la legge o di aver tenuto una cattiva condotta. "Abbiamo deciso di patteggiare per evitare i rischi, gli oneri e le incertezze di un contenzioso" affermò allora il portavoce di Intel, Chuck Mulloy.

Delle quattro aziende, solo Adobe ha deciso di rilasciare un commento sull'accordo raggiunto: "Adobe crede fermamente che le nostre politiche di assunzione non abbiano in alcun modo diminuito la competizione tra i talenti nel mercato del lavoro. Adobe nega di aver violato qualsiasi legge o di aver agito scorrettamente. Nondimeno abbiamo deciso di patteggiare questo caso per evitare le incertezze, i costi e le distrazioni del contenzioso. Siamo lieti che il problema si sia risolto".

Sottraendo dai 415 milioni il compenso per i rappresentanti legali dei querelanti, pari a 40 milioni di dollari, il risarcimento pro-capite che sarà versato a tutti coloro i quali hanno sottoscritto la causa collettiva (oltre 64 mila persone), sarà di circa 5800 dollari.

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Italia 105 Settembre 2015, 10:53 #1
Queste sono multe, non 10-20... 500mila euro della nostra AGCOM
s0nnyd3marco05 Settembre 2015, 11:00 #2
Originariamente inviato da: Italia 1
Queste sono multe, non 10-20... 500mila euro della nostra AGCOM


Per aziende di quel calibro non e' praticamente niente...
Avatar005 Settembre 2015, 11:42 #3
Originariamente inviato da: Italia 1
Queste sono multe, non 10-20... 500mila euro della nostra AGCOM


415 in 4 sono nulla.
Italia 105 Settembre 2015, 12:06 #4
Eh lo so, ma in Italia si fanno multe tipo 100mila euro alla Telecom. E non vanno ai dipendenti
DukeIT05 Settembre 2015, 12:34 #5
Che poi 6000 dollari, per chi ha realmente ricevuto un danno dalla mancata concorrenza (in termini di progressione di carriera, potere contrattuale o assunzione in altra società con migliore trattamento economico), non è che siano poi molti se si considerano le perdite nel lungo tempo dell'accordo, che sembra essere iniziato nel lontano 2005.
Infatti sembra che le compagnie abbiano accettato il patteggiamento per evitare una stangata da 3 miliardi di dollari.
s0nnyd3marco05 Settembre 2015, 13:08 #6
Originariamente inviato da: DukeIT
Che poi 6000 dollari, per chi ha realmente ricevuto un danno dalla mancata concorrenza (in termini di progressione di carriera, potere contrattuale o assunzione in altra società con migliore trattamento economico), non è che siano poi molti se si considerano le perdite nel lungo tempo dell'accordo, che sembra essere iniziato nel lontano 2005.
Infatti sembra che le compagnie abbiano accettato il patteggiamento per evitare una stangata da 3 miliardi di dollari.


6000 dollari non e' nulla. I forti vincono sempre
Dinofly05 Settembre 2015, 20:07 #7
Una vicenda vergognosa.
415 milioni sono bruscolini.
cignox107 Settembre 2015, 08:36 #8
In effetti, dal punto di vista economico, 6000 dollari equivarrá pressapoco come uno stipendio. Il mio ex datore di lavoro, dopo 6 anni, mi deve ancora 3 stipendi, liquidazione e ferie/permessi non goduti (oltre che qualche mese di fondo pensione non pagato)... certo se devo ambire ad un risarcimento pari ad uno stipendio, non mi metto per avvocati...
BulletHe@d07 Settembre 2015, 09:44 #9
@Cignox1
vabè il Tuo è un caso differente da quello trattato nell'articolo, in questo caso se non ho capito male le grandi 4 hanno solo avuto colloqui informali dove in pratica si avvertivano se ricevevano offerte di lavoro da una delle 4 ai propri dipendenti in modo da farle ritirare, ora i 6000$ a persona in pratica è solo una paliativo per chiudere la pratica e continuare come se nulla fosse, anche perché se fosse solo limitato a quello non ci vedo nulla d strano, in altri ambiti fra grosse ditte ci sono questi accordi su personale lavorante in aree critiche in modo da non creare inutili guerre al rialzo economico e soprattutto per mantenere i propri segreti industriali
Spectrum7glr07 Settembre 2015, 10:35 #10
Originariamente inviato da: BulletHe@d
@Cignox1
vabè il Tuo è un caso differente da quello trattato nell'articolo, in questo caso se non ho capito male le grandi 4 hanno solo avuto colloqui informali dove in pratica si avvertivano se ricevevano offerte di lavoro da una delle 4 ai propri dipendenti in modo da farle ritirare, ora i 6000$ a persona in pratica è solo una paliativo per chiudere la pratica e continuare come se nulla fosse, anche perché se fosse solo limitato a quello non ci vedo nulla d strano, in altri ambiti fra grosse ditte ci sono questi accordi su personale lavorante in aree critiche in modo da non creare inutili guerre al rialzo economico e soprattutto per mantenere i propri segreti industriali


i patti di cui parli in Italia sono legali a patto che siano conosciuti al lavoratore e che siano monetizzati: rinunci a lavorare per un competitior in una zona più o meno vasta per x anni dopo che avrai cessato il rapporto di lavoro con noi e noi ti garantiamo x euro al mese in più...e se l'ampiezza del blocco è sproporzionata alla contropartita i giudici possono (e di fatto lo fanno) dichiarare nullo il patto.
non esistono "inutili guerre al rialzo": è il mercato che decide il prezzo....se uno vale tanto è giusto che lo paghi tanto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^