OCZ consegna il primo milione di soluzioni SSD

OCZ consegna il primo milione di soluzioni SSD

Un milione di solid state drive consegnati ed un business che continua a rafforzarsi proprio grazie alle soluzioni SSD: questa la fotografia di OCZ

di Andrea Bai pubblicata il , alle 11:43 nel canale Mercato
OCZ
 

OCZ Technology Group, nota realtà tra le principali a proporre soluzioni di storage solid state drive, ha annunciato nel corso della giornata di ieri di aver consegnato il primo milione di unità SSD. OCZ ha avviato la propria offerta di soluzioni a stato solido circa tre anni fa: gli SSD sono divenuti, nel corso di questo periodo, la principale fonte di business per la compagnia, portandola a chiamarsi fuori dal mercato degli accessori per PC e delle memorie DRAM.

Ryan Petersen, CEO di OCZ Technology, ha commentato: "I solid state drive continuano a rappresentare una tecnologia rivoluzionaria sia per i clienti enterprise, sia per i clienti consumer e siamo orgogliosi di aver raggiunto questo traguardo. Ma soprattutto voglio cogliere questa opportunità per ringraziare tutti i nostri fedeli clienti e partner, senza dei quali questo successo non sarebbe stato possibile".

La proposta di OCZ sul mercato SSD si compone di una vasta gamma di soluzioni caratterizzate da numerose opzioni di interfaccia come SATA, SAS, Fibre Channel, PCI-Express e la connessione proprietaria HSDL, High Speed Data Link. Le soluzioni SSD di OCZ sono rivolte sia al mercato dei personal computer, sia alle workstation ad elevate prestazioni, fino ad arrivare agli array di storage enterprise mission critical.

L'offerta di unità di storage a stato solido da parte di OCZ ha preso il via nel corso del 2008, con una domanda che ha assistito ad una crescita graduale da alcune migliaia a decine di migliaia di unità al trimestre. Allo scopo di soddisfare la domanda per i propri SSD, l'azienda ha aperto una nuova fabbrica produttiva a Taiwan lo scorso anno, arrivando così a portare la capacità produttiva a 140 mila SSD al mese. Per migliorare ulteriormente la propria posizione competitiva sul mercato, OCZ ha acquisito diverse proprietà intellettuali correlate alle tecnologie SSD e ha recentemente annesso Indilinx, realtà specializzata nella progettazione di controller per SSD.

Per il quarto trimestre fiscale 2011 (conclusosi lo scorso 28 febbraio) OCZ stima di poter portare nelle proprie casse 64 milioni di dollari, 58 dei quali generati dalle vendite di SSD: si tratta di un incremento del 380% su base annuale e del 40% su base trimestrale. Tra il venduto di OCZ, il 7% è costituito da soluzioni consumer, il 78% da soluzioni server ed il 15% da dispositivi enterprise.

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
illidan200025 Marzo 2011, 11:52 #1
che dire... complimenti...
a parte il mezzo passo falso sui vertex2 25nm, è un'ottima marca
Fray25 Marzo 2011, 12:34 #2
I vertex 3 sono già in commercio? come si comportano rispetto alle soluzione intel ad esempio?
illidan200025 Marzo 2011, 12:58 #3
Originariamente inviato da: Fray
I vertex 3 sono già in commercio? come si comportano rispetto alle soluzione intel ad esempio?


sì, all'estero sì. in italia a breve. vanno meglio dei g3 intel
Fray25 Marzo 2011, 13:29 #4
ottimo, aspetto di capire i prezzi di entrambe le soluzioni allora
ciocia25 Marzo 2011, 13:31 #5
Nel giro di 7-10 giorni dovrebbero essere disponibili in italia. Al momento sono i migliori ssd ( revo x2 a parte, ma questi non sono sata e costano parecchio )
Per godere completamente del sata3 dei vertex3 serve il controller intel del p67. Purtroppo per chi ha un p55 di dovra' accontentare di prestazioni inferiori ( come me )
Fray25 Marzo 2011, 13:36 #6
quindi per chi ha sata 2 come me meglio non sprecare soldi e prendere qualcosa di più economico? consigli?
rb120525 Marzo 2011, 14:48 #7
Per chi ha SATA2 la soluzione migliore rimane un SSD basato su sandforce 1200 e flash a 32 nm come i vertex 2 della OCZ o gli equivalenti di corsair.
Fray25 Marzo 2011, 15:01 #8
ok, grazie, per quanto mi riguarda 50 e passa gb bastano, quindi quelli da 60 sono perfetti e vorrei rimanere sotto i 100E, i vertex 2 non avevano "problemi" al controller? O magari ho capito male da qualche news passata...
P.s. sperando che siano utili anche a qualcun'altro queste spiegazioni.
illidan200025 Marzo 2011, 15:18 #9
Originariamente inviato da: ciocia
Nel giro di 7-10 giorni dovrebbero essere disponibili in italia. Al momento sono i migliori ssd ( revo x2 a parte, ma questi non sono sata e costano parecchio )
Per godere completamente del sata3 dei vertex3 serve il controller intel del p67. Purtroppo per chi ha un p55 di dovra' accontentare di prestazioni inferiori ( come me )


io veramente non ho capito se è meglio un raid di due vertex3 da 120gb o un revodrive x2 da 240gb
in giro non ci sono recensioni.

il limite è anche sul chipset, se ce la fa a stare dietro a questi dischi.
e inoltre, se si mettono altri dischi meccanici in raid e si fa una copia dal raid di vertex3 al raid0 di dischi meccanici, come lo gestisce?
e se vanno tutti in lettura? (la bandwidth è divisa parte in input e parte in output)


ad oggi il miglior chipset è l'ich10r su p67, ma secondo me non ce la fa a gestire la situazione delineata sopra. figurarsi 3 vertex 3...
avvelenato25 Marzo 2011, 19:04 #10
Originariamente inviato da: illidan2000
io veramente non ho capito se è meglio un raid di due vertex3 da 120gb o un revodrive x2 da 240gb
in giro non ci sono recensioni.

il limite è anche sul chipset, se ce la fa a stare dietro a questi dischi.
e inoltre, se si mettono altri dischi meccanici in raid e si fa una copia dal raid di vertex3 al raid0 di dischi meccanici, come lo gestisce?
e se vanno tutti in lettura? (la bandwidth è divisa parte in input e parte in output)


ad oggi il miglior chipset è l'ich10r su p67, ma secondo me non ce la fa a gestire la situazione delineata sopra. figurarsi 3 vertex 3...


in linea di massima le prestazioni di un raid di 2 o 4 vertex 2 (sandforce 1200) sono paragonabili a quelle di un revodrive o di un revodrive x2 (che sono rispettivamente composti da 2 o 4 sandforce 1200 in raid 0).
i revodrive costano mediamente un 30% in più dei dischi sfusi, in compenso non hanno il collo di bottiglia del chipset: ho visto ad esempio che ich10r va al massimo a 620 in sequenziale (raid 0) e 680 in raid 5.
Su tomswh avevo trovato un approfondimento a riguardo, dove mostrava i chipset a confronto, e ce ne era uno amd (mi pare) che andava a 780 tranquillamente.
Detto questo le sequenziali imho non sono, salvo particolari patterns d'uso, così importanti: passare da 620 a 750mb/s secondo me non vale la differenza di prezzo né il pericolo svalutazione (i vertex li puoi rivendere più facilmente sfusi, quando invece il revodrive x2 sarà sorpassato da dischi singoli sarà dura trovare qualcuno che se lo piglia, esattamente come è difficile adesso rivendere una hd4890 se non con un sostanziale sconto rispetto all'equipotente single-gpu), però se anziché avere un ich10r hai un 945 con grafica integrata allora il revodrive potrebbe essere la soluzione azzeccata

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^