Oltre la metà del mercato schede madri è di Asus e Gigabyte

Oltre la metà del mercato schede madri è di Asus e Gigabyte

Nel corso del 2012 Asus e Gigabyte hanno consegnato il 51% delle schede madri totali per l'anno, distanziando considerevolmente i diretti inseguitori

di Andrea Bai pubblicata il , alle 15:01 nel canale Mercato
ASUSGigabyte
 

Asustek Computer e Gigabyte Technology ricoprono la parte del leone per quanto riguarda le consegne di schede madri dello scorso 2012: le due realtà taiwanesi hanno infatti rispettivamente consegnato 22 e 19 milioni di schede madri a proprio marchio per il mercato do-it-yourself, andando a costituire assieme il 51,3% delle consegne complessive del settore, ammontate a 80 milioni di unità.

Il divario con le dirette inseguitrici è piuttosto ampio: secondo le informazioni fornite dalle fonti citate dal sito web Digitimes, ASRock e MSI hanno infatti consegnato 7,7 e 5 milioni di schede madri a proprio marchio.

Ad ulteriore riprova di come il mercato cinese stia acquisendo sempre più rilievo nel panorama tecnologico, si stima che in Cina siano state consegnate circa 28 milioni di schede madri nel 2012, ovvero il 35% del totale complessivo. Di queste, 9 milioni circa sono di Asustek e 8 milioni di Gigabyte, per un totale combinato del 60,7%. Le restanti consegne di circa 11 milioni sono spartitie tra ASRock, MSI, Biostar, Microtech International, Colorful Technology e Onda.

Con Intel che ha deciso di chiamarsi fuori dal mercato delle schede madri a proprio marchio, le vendite annuali di circa cinque milioni di unità saranno spartite principalmente da Asustek, gigabyte, ASRock ed ECS, che ha intrapreso la produzione di schede madri ODM per Intel.

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Gabro_8211 Febbraio 2013, 15:48 #1
Adesso ci manca che fanno un bel "cartello" anche sulle schede madri come hanno fatto con gli Hard disk.
BulletHe@d11 Febbraio 2013, 18:06 #2
considerando che ora sulle schede madri c'è solo il vecchio southbridge (e a breve neanche più quello perkè integrato nelle prossime generazioni di CPU) anke se facessero cartello non potrebbero alzare troppo i prezzi anke perkè adesso la motherboard non fà più la differenza come 10-15 anni fà IHMO
Sandro kensan11 Febbraio 2013, 19:00 #3
80 milioni di MB che sono finiti a chi si monta il pc da solo, non male. Questo è il nocciolo duro degli utenti pc, quelli che non arretrano.

Comparti con i 350 milioni di pc venduti nel 2012, 80 milioni sono una discreta percentuale. Certo che un certo numero è finito al mercato professionale ma credo che anche quello consumer abbia buoni numeri.
Eress11 Febbraio 2013, 19:03 #4
Rimpiangeremo le intel.
phil anselmo11 Febbraio 2013, 23:24 #5
le care DFI che fine hanno fatto?
Agat11 Febbraio 2013, 23:42 #6
Originariamente inviato da: Eress
Rimpiangeremo le intel.


Quotone, sempre e solo ingenieri intel

http://www.intel.com/content/www/us...view-video.html
Jackal200612 Febbraio 2013, 01:41 #7
che vuol dire "per il mercato do-it-yourself"?

Le hanno vendute solo a coloro che si sono assemblati da soli i PC?
ndwolfwood12 Febbraio 2013, 09:56 #8
Originariamente inviato da: Jackal2006
che vuol dire "per il mercato do-it-yourself"?
Le hanno vendute solo a coloro che si sono assemblati da soli i PC?


Si, le mobo vendute in scatola, anche perché altrimenti i numeri non tornano.
Nei preassemblati Gigabyte è poco presente a differenza di MSI e sarebbe dovuta comparire Foxconn.

Cmq pensavo che Gigabyte avesse perso un po' negli ultimi tempi, almeno qui da noi se ne vendono meno: ASRock e MSI gli hanno mangiato quote di mercato. Mentre Asus va col nome ed è sempre lì.
Mc®.Turbo-Line12 Febbraio 2013, 10:52 #9
Originariamente inviato da: Eress
Rimpiangeremo le intel.


Ma le Intel non erano quelle castrate nelle possibilita' di overclock
Eress12 Febbraio 2013, 11:23 #10
Se anche fosse l'OC non è certo una discriminante sul valore di una scheda madre. Mica tutti fanno OC, per quelli ci sono altre marche, peggiori
Del resto le intel si sono sempre fatte apprezzare per la qualità, durata, stabilità ecc.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^