Patto obbligato fra Toshiba e Western Digital sul tema hard disk

Patto obbligato fra Toshiba e Western Digital sul tema hard disk

Nel corso delle ultime ore sono emerse informazioni su una collaborazione e cambio di assets per Toshiba e Western Digital, che porterà le due aziende a una condivisione di brevetti e tecnologie in tema di hard disk

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 08:51 nel canale Mercato
ToshibaWestern Digital
 

Toshiba e Western Digital sono due fra le pochissime aziende rimaste attive nel settore degli hard disk. La situazione generale di questo particolare mercato è abbastanza chiara: per proseguire con lo sviluppo tecnologico, abbinando prezzi competitivi per il prodotto finale, occorrono tecnologie ultra-collaudate, un bel pacchetto di brevetti e linee produttive con un altissimo tasso di efficienza.

Appare quindi altamente improbabile che un nuovo player possa immettersi in questo mercato, motivo per cui le mosse strategiche dei pochi rimasti per mantenere vivo e redditizio questo fondamentale settore appaiono logiche e comprensibili. Negli ultimi anni abbiamo assistito a fusioni, acquisizioni e collaborazioni di aziende fino al giorno prima in concorrenza fra loro, fatto che si ripete in questi giorni con le mosse che andiamo a spiegare.

La situazione però, in questo caso, è differente, come riportato da Forbes. Nel marzo del 2011 Western Digital ha portato scompiglio nel settore, annunciando l'acquisizione di Hitachi Global Storage Technologies, ovviamente non dall'oggi al domani ma con precisi step da attuarsi nel tempo. Visto l'esiguo numero di aziende produttrici di hard disk rimaste, Western Digital dovrà sottostare a rigide regole legate all'antitrust, che prevedono anche lo smantellamento di alcuni centri produttivi e una generale ridistribuzione del proprio potere conseguente all'acquisizione di uno dei maggiori concorrenti.

In parole più chiare possiamo affermare che l'antitrust vuole evitare una posizione dominante di Western Digital, al fine di non schiacciare la concorrenza in seguito all'accordo. La notizia di questi giorni altro non è che il realizzarsi di uno dei dictat dell'antitrust, che si materializza nella cessione a Toshiba, da parte di Western Digital, di centri produttivi e proprietà intellettuali legati ai dischi da 3,5 pollici per il mondo consumer e near-line server.

Di contro Western Digital prenderà possesso di un centro produttivo thailandese di Toshiba, specializzato nella produzione di hard disk da 2,5 pollici. Questo centro è solo parzialmente operativo, in quando porta ancora i segni evidenti delle alluvioni che hanno colpito la zona alla fine dell'anno passato. Accordi su eventuali movimenti di capitali a margine dell'accordo non sono stati resi noti.

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
timer8601 Marzo 2012, 09:20 #1
ce lo battono nel di-dietro come sempre!
rollo8201 Marzo 2012, 09:52 #2
In pratica ad oggi resta solo Seagate e WD...
timer8601 Marzo 2012, 14:32 #3
E in Pratica loro controllano il Mercato, in pratica gestiranno i prezzo e le tempistiche senza la benché minima paura di poter inusufruire di un Servizio, tra l'altro il loro prodotto è la Chiave dell 'IT.
designer7801 Marzo 2012, 14:55 #4
sono comunque destinati tutti a scomparire. A meno di un clamoroso riposizionamento di prodotto tra 10 anni nessuno saprà nemmeno chi è western digital.

Verranno schiacciati dai produttori di memorie.
Duke.N.4ever01 Marzo 2012, 18:07 #5
Originariamente inviato da: designer78
sono comunque destinati tutti a scomparire. A meno di un clamoroso riposizionamento di prodotto tra 10 anni nessuno saprà nemmeno chi è western digital.

Verranno schiacciati dai produttori di memorie.


pura eresia quello che dici potrebbe accadere tra 20 anni non certo tra 10
jagemal01 Marzo 2012, 19:11 #6
Originariamente inviato da: Duke.N.4ever
pura eresia quello che dici potrebbe accadere tra 20 anni non certo tra 10


dipende .. vista la velocità con cui stanno prendendo piede le tavolette, il costo delle memorie a stato solido potrebbe iniziare a scendere molto rapidamente

magari tra 10 anni si saprà ancora chi è western digital, ma potrebbe avere un mercato piccolissimo

così come potrebbe entrare nel mercato memorie con un bel colpo di mano su qualche azienda in crisi

gli HD tenderanno a sparire sempre più, questo è sicuro ...
magari in ogni casa avremo dei NAS da 3-4 Tb a quel punto su tutti i pc/telefonini/tavolette e quant'altro di casa basteranno e avanzeranno 50-60Gb di SSD
(o se si passa a Linux anche molto meno)
Duke.N.4ever01 Marzo 2012, 20:11 #7
se il prezzo scende e se si trovano soluzioni alle limitazioni degli ssd forse sarà come dici ma sono convito che gli hard disk verranno usati per storage ancora per molto tempo
Marci01 Marzo 2012, 20:21 #8
Originariamente inviato da: jagemal
dipende .. vista la velocità con cui stanno prendendo piede le tavolette, il costo delle memorie a stato solido potrebbe iniziare a scendere molto rapidamente

magari tra 10 anni si saprà ancora chi è western digital, ma potrebbe avere un mercato piccolissimo

così come potrebbe entrare nel mercato memorie con un bel colpo di mano su qualche azienda in crisi

gli HD tenderanno a sparire sempre più, questo è sicuro ...
magari in ogni casa avremo dei NAS da 3-4 Tb a quel punto su tutti i pc/telefonini/tavolette e quant'altro di casa basteranno e avanzeranno 50-60Gb di SSD
(o se si passa a Linux anche molto meno)


Questa non l'ho capita; secondo te perchè Linux dovrebbe occupare meno spazio di un OS per Tablet/smartphone? Quanto credi che occupino iOs e Android?
Comunque, si usano ancora i nastri, figurati quanto dureranno gli HD!
_BlackTornado_01 Marzo 2012, 20:39 #9
IMHO, nel campo dell'IT c'è qualcosa che non va...
È un panorama che, se guardato "dalla nascita", si sta "irrigidendo" e sta diventando molto più "reazionario" di tanti altri mercati.

È impressionante vedere ridotti a 2-3 competitors mercati che prima ne accettavano una decina senza troppi problemi, e ciò sta avvenendo in quasi tutti i settori.

In campo processori, il duopolio "Intel + AMD" ora è diventato un "quasi monopolio".
L'altro duopolio "Nvidia vs ATI" ormai va avanti fin dalla fine di 3dfx.
Nel campo degli hard disk, negli ultimi anni i competitors si sono decimati.

In campo OS, siamo fermi da anni al "Windows, qualche MAC e Linux per le briciole".
Motori di ricerca? Prima ce n'erano un milione, ora sono rimasti Google, Bing, Yahoo e Baidu a contendersi il 99% del mercato.

La cosa grave è che per gran parte di questi settori, è al momento impossibile poter immaginare l'ingresso di nuovi competitors, pur essendo un mercato ancora in espansione (la gente non ha certo smesso di acquistare hardware e software, anzi).

L'unico modo per apportare "perturbazioni" a questo status quo sembra essere lo sviluppo di tecnologie "parallele" a quelle già esistenti:
Ad esempio ARM, che solo ultimamente ha cominciato ad essere considerata una possibile insidia per Intel (e solo in alcuni campi), oppure gli SSD, dove grazie alla tecnologia relativamente nuova (e appunto, parallela agli hard disk tradizionali) è possibile vedere in competizione tra loro aziende relativamente "piccole".
Un altro caso in campo software sono gli OS per cellulari: con il boom degli Smartphone si sono diffusi diversi OS, ma di certo non sono in competizione con Windows. E anche in questo campo, nel giro di qualche anno, è stata fatta una selezione spietata, e ora stiamo a contare i caduti (Meego, WebOS, Bada, Symbian) mentre la scelta si restringe sempre di più (Apple, Android, WP) e immaginare "un alternativa" costruita "da zero" diventa man mano sempre più difficile.

Per ora, diciamo che ci sta "andando bene", perché le "rivoluzioni tecnologiche" si stanno susseguendo in diversi campi e a breve tempo l'una dall'altra, ma cosa accadrebbe se questa "spinta innovativa" venisse a mancare?

Ad esempio, le auto funzionano da anni utilizzando sostanzialmente lo stesso principio. Il mercato non si sta espandendo nemmeno lontanamente come quello del PC, eppure, per una Skoda che fallisce, c'è una Hyundai che irrompe sul mercato.

Se, per ipotesi, le alternative al "processore basato sul silicio" non dovessero mai trovare applicazioni concrete e dovessimo andare avanti i prossimi 100 anni con processori sostanzialmente "come quelli di adesso" a livello di tecnologie di base, vedremo mai un nuovo competitor affacciarsi sulla scena? Al momento, sembra incredibile...

Bho, solo una grande riflessione comunque :P
maxmax8001 Marzo 2012, 22:47 #10
gli hdd ci saranno sempre e purtroppo i migliori ce li venderà ancora WD facendoceli pagare il doppio del prezzo reale..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^