Possibile nuovo taglio del personale di AMD a inizio 2013

Possibile nuovo taglio del personale di AMD a inizio 2013

L'operazione di revisione interna e più efficiente gestione dei costi potrebbe culminare in un'ulteriore taglio nel numero dei dipendenti di AMD a inizio 2013, benché con un taglio inferiore al 15% da poco messo in atto dall'azienda americana

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 14:01 nel canale Mercato
AMD
 

Il 2012 sarà sicuramente ricordato in AMD come un anno dai profondi cambiamenti interni, frutto della necessità di riorganizzare all'interno l'azienda dopo il cambio al vertice avvenuto nella seconda metà del 2012 unitamente alle difficoltà proprie del contesto di mercato nel quale AMD opera.

Non più tardi di alcune settimane fa AMD ha annunciato una importante ristrutturazione interna, operata con la più classica delle forme: una consistente riduzione del personale su scala globale, capace di incidere su circa il 15% della forza lavoro dell'azienda. Non è la prima volta che AMD interviene in questo modo: una operazione simile sul 10% dei dipendenti del tempo è avvenuta nel mese di Novembre 2011.

Stando a quanto anticipato dal sito All Things Digital a questo indirizzo AMD starebbe preparando un taglio ulteriore della propria forza lavoro per i primi mesi del prossimo anno. AMD si è affrettata a smentire che un taglio sia già stato programmato, evidenziando come siano comunque già state pianificate operazioni per la prima metà del 2013 miranti a ristrutturare ulteriormente l'azienda così da migliorarne l'efficienza. Difficile non immaginare che questo possa implicare ulteriori riduzioni nell'organico.

Prima che AMD annunciasse la riduzione nel personale del 15%, lo scorso mese, varie indiscrezioni avevano anticipato questa operazione indicando la forbice della riduzione tra il 10% e il 30% del personale globale dell'azienda. Il taglio effettivo del 15%, proprio alla luce di quelle indiscrezioni, potrebbe quindi essere seguito da un intervento ulteriore la cui portata non dovrebbe in ogni caso essere elevata rispetto a quanto già attuato. Molto dipenderà dagli effetti diretti generati dalla riduzione del 15%, operazione che dovrebbe venir completata entro la fine dell'anno e che quindi potrà venir valutata nella sua complessità all'inizio del 2013.

La strada per AMD continua ad essere difficile: una riduzione nel numero dei dipendenti ha effetti positivi sui costi dell'azienda ma potrebbe generare ulteriori difficoltà nella capacità di AMD nel rispettare le scadenze della propria roadmap interna ed essere quindi pronta con nuovi prodotti per il mercato. Il progressivo spostamento del mercato lontano dalle tradizionali soluzioni PC, che comunque continuano a venir richieste, non facilita l'operazione dell'azienda americana: AMD ha proprio nel mondo PC il proprio ambito di riferimento e solo recentemente ha messo in atto strategie per differenziare quantomeno parte della produzione verso altri segmenti di mercato collaterali a quello dei PC ma a differenza di questo caratterizzati da buoni tassi di crescita.

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Perseverance19 Novembre 2012, 14:21 #1
Un giorno leggeremo "Azienda UNIPERSONALE a responsabilità limitata"
devilred19 Novembre 2012, 14:25 #2
taglia,taglia e per il 2015 non ne rimane niente. mi spiace per loro ma sono destinati al declino, ormai il mondo si muove sempre piu verso architetture arm e guarda caso sono dietro anche li. peccato! potevano fare la differenza e invece fanno solo fallimenti, troppe scelte sbagliate gli ha segato le gambe nel loro settore(x86) figuriamoci se trovano spazio in quello nuovo.
Perseverance19 Novembre 2012, 15:25 #3
Mi sembra che di spazio ormai ce ne sia poco per tutti: cpu, ram, hardisk...
tarabas219 Novembre 2012, 16:11 #4
Come se il problema fosse il personale.....se fanno processori inferiori alla concorrenza che colpa ne hanno gli operai?? il serpente va ucciso dalla testa non dalla coda.
Perseverance19 Novembre 2012, 16:22 #5
Che X86 sia davvero alla fine?
Red Baron 8019 Novembre 2012, 16:32 #6
Purtroppo il personale fa le spese dell'incompetenza dei vertici. AMD a parte il comparto VGA dove riesce a tener bene o male testa ad Nvidia, nel comporto CPU va davvero male. Intel vince su tutte le fasce e le sue CPU sono anni luce migliori della controparte.
LZar19 Novembre 2012, 17:38 #7
Il problema non è solo la competizione con Intel (che comunque non se la passa benissimo. Non so se le dimissioni appena annunciate di Otellini siano un sintomo dei tempi che cambiano, probabilmente no ma di sicuro danno da pensare). Il problema fondamentale è che gli investitori sono quasi tutti convinti ( a torto o a ragione ) che il futuro sia nelle architetture ARM.

AMD aveva puntato molto se non tutto sulle APU, purtroppo la scelta, in termini di risultati, non si è dimostrata il massimo e di sicuro la crisi non ha dato una mano.
Perseverance19 Novembre 2012, 17:45 #8
Anche se APU fra qualche anno si rivelerà cosa buona, purtroppo saranno già nati ARM+GPU potente, già da ora costruiscono microserver nvidia tesla su base ARM, potenza quando serve, efficienza quando è inattivo!

La potenza elaborativa si sposterà dalle CPU alle GPU, per questo non sarà più necessario X86, ma ARM avrà la meglio xkè molto efficiente e ideale per i compiti a cui sarà delegata la CPU.

E' normale che attualmente si storge il naso per vari motivi soprattutto xkè non c'è software consumer che giri su gpu. Se a livello di applicazioni pesanti consumer come encoder, compressori dati e render iniziassero a fare porting di codice verso GPGPU, il passo dell'abbandono da x86 in favore di ARM sarebbe molto breve.

Xkè tanto i giochi finiranno per non farli più su PC ma solo per console.
coschizza19 Novembre 2012, 21:47 #9
Originariamente inviato da: Perseverance

La potenza elaborativa si sposterà dalle CPU alle GPU, per questo non sarà più necessario X86, ma ARM avrà la meglio xkè molto efficiente e ideale per i compiti a cui sarà delegata la CPU.

Se a livello di applicazioni pesanti consumer come encoder, compressori dati e render iniziassero a fare porting di codice verso GPGPU, il passo dell'abbandono da x86 in favore di ARM sarebbe molto breve.

Xkè tanto i giochi finiranno per non farli più su PC ma solo per console.


la potenza elaborativa si puo spostare dalle CPU alle GPU solo per la parte che puo essere convertita e ha senso farlo ma non per tutto (anzi) quindi serviranno sempre entrambe i sistemi perche non puoi usare uno senza l'altro.

Ci sono gia rendere che usano intensamente la GPU ma questo non singifica che le cpu potenti poi non ti servono anzi è l'esatto opposto piu potenza hanno le GPU e piu il computer deve esere potente nella parte CPU per poter gestire il tutto. Io per esempio renderizzo spesso con render GPU come iray di nvidia tramite 3ds max e piu potenza ha la gpu piu un computer potente devi avere per poter sfruttarla quindi è per questo che pensare oggi all'abbandono da x86 è impensabile.
Severnaya19 Novembre 2012, 22:25 #10
è bello leggere commenti intelligentissimi amd vs intel con gente dalla memoria cortissima o inconsapevole di come intel sia riuscita ad avere una posizione dominante su amd durante il suo periodo d'oro con gli Athlon XP

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^