Produttori taiwanesi all'opera per 802.11n

Produttori taiwanesi all'opera per 802.11n

I produttori taiwanesi di prodotti wireless sono pronti per avviare lo sviluppo dei primi dispositivi basati su 802.11n, che sarà ratificato come standard nel 2006 da IEEE

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:23 nel canale Mercato
 

I produttori taiwanesi di prodotti WLAN come CyberTAN Technology e Global Sun Technology, inizieranno a breve lo sviluppo dei primi prodotti basati sullo standard wireless 802.11n, che l'organismo IEEE dovrebbe finalizzare nel 2006.

CyberTAN dovrebbe realizzare alcuni prototipi con funzionalità MIMO (multiple-input-multiple-output) e retrocompatibilità con gli standard 802.11 b/g. Fonti vicine a Global Sun hanno invece dichiarato che è necessario avviare lo sviluppo dei nuovi prodotti al più presto per poter mantenere una certa competitività sul mercato e per poter raggiungere un certo grado di sviluppo prima che gli standar finali vengano ratificati.

Rick Jeng, vice presidente di Ralink, altra compagnia coinvolta nel mercato dei dispositivi wireless, ha dichiarato che ci vorranno circa due anni per passare dai prototipi iniziali ai prodotti commercializzabili.

Fonte: Digitimes

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Karandas20 Luglio 2004, 11:28 #1
che specifiche ha questo nuovo standard?
Genesio20 Luglio 2004, 11:47 #2
E IN PARTICOLARE: A QUANTO VA???
Cacicia20 Luglio 2004, 12:05 #3
Si cerca di raggiungere i 100Mbps....

Velocità che in realtà potrebbe essere facilmente superata con soluzioni che utilizzano questo famoso MIMO (multiple-input multiple-output).

In giro si legge di soluzioni 2x2MIMO da 250Mbps.... e addirittura 400Mbps (quanto il FireWire di prima generazione) con antenne MIMO 4x4

Quuesto nuovo standard dovrebbe adoperare canali di comunicazione di 40MHz d'ampiezza pur mantenendo la compatibilità con gli standard di oggi che usano invece canali da 20MHz... cmq se cercate via google trovate tutto questo e anche di più
Bongio220 Luglio 2004, 12:12 #4
Io ero ancora fermo all'802.11i...............
Cmq tutti questi nuovi standard manterranno la compatibilità wi-fi?
Ciao.
H@L900120 Luglio 2004, 13:00 #5
Ma mi sfugge una cosa: non era l'802.11i l'evoluzione del g? E soprattutto non sarebbero dovuti uscire i primi dispositivi con questo standard a settembre di quest'anno?
Ormai non capisco più nulla
tatomalano20 Luglio 2004, 13:53 #6

inutile

Ma a cosa serve sto Wi-Fi? Nessuno lo usa. E' solo roba commerciale.
lucusta20 Luglio 2004, 15:15 #7
tatomalano,
giornalmente lavoro su una wirelwss-lan 802.11b da un centinaio di terminali; cablare un palazzo per ottenere piu' banda (inutilizzata dalla particolare applicazione) sarebbe stato decisamente oneroso, sia come costo vivo dell'operazione, sia come certificazioni varie.
aventrax20 Luglio 2004, 15:21 #8
Non lo saprai tu a cosa serve il wifi!
Aggiornati antenato cavernicolo
dins20 Luglio 2004, 16:03 #9

Re: inutile

Originariamente inviato da tatomalano
Ma a cosa serve sto Wi-Fi? Nessuno lo usa. E' solo roba commerciale.



computer? ma è roba commerciale, io al lavoro tutti i conti li facio con il pallottoliere!
DioBrando20 Luglio 2004, 16:36 #10
in teoria la velocità dovrebbe essere compresa tra i 100 e i 320mbps dichiarati, ma le altre specifiche sn abb ancora un mistero direi...

Cmq questo standard è l'evoluzione dell' i tant'è che la commercializzazione era stata prevista inizialmente tra il 2005 e il 2006.


La cosa che mi preoccupa, al di là dell'implementazione di protocolli di sicurezza + efficaci che permettano una diffusione capillare, è la rincorsa di nuovi "standard" o soluzioni da affermare come tali e la concorrenza di vari consorzi.

insomma n vorrei che per le solite questioni commerciali d'alto rango poi a rimetterci sia sempre il solito spaesato utente privato ( che già per districarsi tra tutte le sigle fà i salti mortali)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^