RIM, trimestre ancora in calo aspettando BlackBerry 10

RIM, trimestre ancora in calo aspettando BlackBerry 10

L'azienda canadese registra ancora un passivo per il secondo trimestre fiscale. In difficoltà le vendite di dispositivi, ma in crescita i nuovi abbonati, in attesa che le sorti della compagnia vengano risollevate dal nuovo sistema operativo

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:36 nel canale Mercato
RIMBlackBerry
 

Una settimana tutto sommato positiva quella di Research In Motion, che ha assistito ad una salutare crescita del valore delle proprie azioni spinte sia dall'ottimismo attorno alla prossima piattaforma BlackBerry 10, sia dal nuovo record di 80 mlioni di utenti BlackBerry attorno al mondo e corroborate dai risultati trimestrali superiori alle stime degli analisti.

Risultati che comunque continuano ad offrire qualche motivo di preoccupazione, a fronte di una complessiva difficoltà nelle vendite di dispositivi: il trimestre in esame, conclusosi lo scorso 1 settembre, fa segnare un fatturato complessivo di 2,9 miliardi di dollari che rappresentano una crescita del 2% rispetto al trimestre precedente ma un calo del 31% se confrontato con il medesimo periodo dello scorso anno. La vendita di dispositivi costituisce il 60% del fatturato, mentre i servizi compongono il 35% del fatturato trimestrale.

Nel trimestre RIM ha registrato un passivo netto di 235 milioni di dollari, pari a 45 centesimi per azione. E' un risultato migliore del passivo di 518 milioni di dollari del trimestre precedente, ma ben lontano dagli utili i 329 milioni registrati nel medesimo trimestre 2011. Difficilmente sarà possibile vedere l'azienda canadese tornare su questi livelli fino a quando i nuovi dispositivi BlackBerry 10 non arriveranno sul mercato.

Durante la conference call di giovedì, il CEO Thorsten Heins ha riconosciuto e giustificato le preoccupazioni degli investitori: "Ci rendiamo conto che i nostri risultati sono ancora al di sotto di dove dovrebbero essere".

Come detto poco sopra, RIM deve far fronte ad un volume di vendite poco soddisfacente: sono 7,4 i milioni di smartphone BlackBerry consegnati dalla compagnia, registrando una flessione del 5% rispetto al trimestre precedente e del 30% rispetto al medesimo periodo del 2011. Lo scorso anno RIM è riuscita a commercializzare tra i 10 e i 14 mlioni di dispositivi per ciascun trimestre.

E' tuttavia l'incremento del numero di abbonati ai propri servizi a dare qualche sollievo all'azienda canadese. Il 58% dei nuovi abbonati proviene da mercati in crescita, come Sud Africa, Venezuela, la regione Asia-Pacific e l'Indonesia. Molti di questi clienti si muovono però nella fascia bassa del mercato e che continueranno ad acquistare dispositivi a basso costo basati su sistema operativo BlackBerry 7 anche dopo il lancio della nuova piattaforma BlackBerry 10. Heins ha osservato che nel caso in cui le vendite in questi mercati continuassero su una strada soddisfacente, sarà possibile vedere il lancio di nuovi dispositivi BlackBerry 7 parallelamente al debutto di BlackBerry 10.

Tuttavia RIM dovrà cercare di tornare ad occupare quella posizione di mercato che ha storicamente presidiato, ovvero quella degli smartphone di fascia alta, maggiormente remunerativi. A livello geografico RIM dovrà riuscire a riconquistare i mercati di USA, UK, Canada e Cina. Le opportunità dipendono strettamente dal BlackBerry 10 (in questo articolo una interessante anteprima), il nuovo sistema operativo per il quale l'azienda è al lavoro da molto tempo ma che non vedrà il mercato prima del 2013.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
sbudellaman28 Settembre 2012, 13:20 #1
mi sa che la moda è passata...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^