Rivenditori consigliati e non: la posizione netta presa da Corsair

Rivenditori consigliati e non: la posizione netta presa da Corsair

L'azienda americana indica sul proprio sito web i propri partner commerciali nel mercato italiano, ma accanto a questo riporta anche i nomi degli e-shop che vendono propri prodotti senza essere autorizzati a farlo dalla casa madre

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 14:11 nel canale Mercato
Corsair
 

Chi acquista online componenti informatici si trova spesso di fronte a dover scegliere tra una nutrita lista di aziende che propongono uno specifico prodotto, senza particolare distinzione l'una dall'altra se non il prezzo come elemento discriminante accanto alla disponibilità istantanea indicata.

E' evidente come tra i potenziali clienti sia l'elemento prezzo quello che spinge verso un rivenditore al posto di un altro, senza specifiche valutazioni legate alla politica commerciale che viene attuata o al supporto post vendita.

Ci si può tuttavia domandare come alcuni operatori riescano sistematicamente a praticare i prezzi più competitivi, in alcuni casi anche con differenze percentuali molto elevate rispetto a quelli di altre aziende che operano nello stesso settore, in un mercato come quello della componentistica che vive di margini che sono molto contenuti.

Tra gli operatori di settore nazionali è da tempo attiva la volontà di riportare il mercato in condizioni di concorrenza che siano uguali per tutti. La sensazione è infatti quella che alcune aziende possano mantenere livelli di prezzi, per i propri clienti, così contenuti operando non sempre o non pienamente secondo le norme del diritto. Sono del resto ben noti i casi di cronaca che hanno riguardato operatori professionali specializzati in evasione d'IVA, quota che incide sensibilmente sul costo complessivo di un prodotto e che rimossa sembra lasciare spazio a quelle riduzioni di prezzi che alla luce dei soli margini commerciali del settore sono in molti casi irraggiungibili se non lavorando in perdita.

E' significativo quindi vedere come qualcosa si stia muovendo anche da parte delle stesse aziende produttrici di componenti. L'americana Corsair, a mezzo del proprio sito web e delle persone responsabili del proprio canale commerciale in Italia, ha infatti aggiornato la lista dei propri partner presso i quali poter acquistare prodotti online indicando quali siano i rivenditori autorizzati e quali i distributori, aggiungendo a questo elenco una lista di rivenditori online che rivendono prodotti Corsair in Italia senza tuttavia essere rivenditori autorizzati, presumibilmente acquistando all'estero questi prodotti per poi rivenderli in Italia senza appoggiarsi al canale commerciale nazionale. La lista dei partner commerciali di Corsair è accessibile dal sito dell'azienda a questo indirizzo.

Da consumatori sappiamo quanto il costo di un prodotto sia importante, soprattutto in periodi nei quali ogni acquisto debba essere valutato con attenzione, ma riteniamo non sia da sottovalutare l'importanza della provenienza di un prodotto e come questo venga gestito in un mercato che deve essere caratterizzato dalla concorrenza tra gli operatori, su base che siano però sempre uguali per tutti.

80 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor19 Settembre 2012, 14:14 #1
Ma scusate, il sito xyz.com rivende i prodotti Corsair senza essere autorizzato? Ok, da qualche parte dovranno pur comprarli, giusto? Non possono andare a verificare da dove saltino fuori dischi e memorie? O magari li comprano in blocco da rivenditori autorizzati per poi piazzarli su mercati differenti? Ma allora Corsair dovrebbe vietare la vendita "all'ingrosso" da parte dei suoi rivenditori... insomma, volendo possono anche bloccare questo flusso di prodotti, anche se oggettivamente non vedo il lato negativo della cosa....
sbudellaman19 Settembre 2012, 14:21 #2
Alla faccia... alcuni fra i rivenditori più famosi sono fra i non consigliati... la chiave e pr*k***... si spiegano molte cose.
evil weasel19 Settembre 2012, 14:23 #3
mai sentito parlare di "truffe carosello"?
è così che certa gente riesce a vendere prodotti a un prezzo più basso dei rivenditori ufficiali.
ogni anno vengono chiusi parecchi shop online operanti nel settore informatico che giocano con l'IVA ed evadono per decine di milioni di euro.
Paganetor19 Settembre 2012, 14:34 #4
A questo punto però Corsair dovrebbe proibire ai propri rivenditori le vendite all'ingrosso... se io avessi un negozio e entrasse uno chiedendomi 100 prodotti, mica gli dico di no perchè "chissà se poi fa le cose in regola col fisco"... o no?
Stevejedi19 Settembre 2012, 14:37 #5
Se l'Italia sta andando allo sfacelo è anche colpa dei "furbi". Di certo, ciò che ha fatto Corsair DOVEVA essere compito di un'agenzia ufficiale ITALIANA per garantire la corretta concorrenza.

Per quanto sono stato cliente di diversi shop da loro elencati come "non autorizzati", da oggi non lo sono più.
TheDarkAngel19 Settembre 2012, 14:41 #6
Posso solo dire LOL e soprattutto i nomi non sono una novità
Fray19 Settembre 2012, 14:47 #7
Alla faccia, praticamente i soliti con i prezzi più bassi, la chiave e bp*...a questo punto meglio spendere qualche euro in più ma non alimentare evasori, anche se qualche dubbio resta comunque. La guardia di finanza esiste per un motivo e poi comunque il distributore italiano i prodotti Corsair glieli vende comunque, quindi boh...
jack"the ripper"19 Settembre 2012, 14:50 #8
Secondo me alcuni non "autorizzati" si riforniscono all'estero..altrimenti non si spiega..poi boh non sono esperto in materia di commerico elettronico..
MiKeLezZ19 Settembre 2012, 14:50 #9
Famosi shop con i prezzi più bassi del mercato e che con buona probabilità sono evasori di iva... In un paio di acquisti da loro in uno si sono dimenticati di mandare fattura, nell'altro hanno cercato di inviarmi merce diversa da quanto richiesto. Non sono stupito.
Certo che è una delle prime volte che vedo attuare una politica del genere di "non consiglio": in Corsair si devono evidentemente essere un po' rotti di vedere svendere i propri prodotti.
frankie19 Settembre 2012, 14:56 #10
Dove è la lista dei NON raccomandati?
Per ora ho trovato solo quella degli shop raccomandati.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^