Rivoluzione BlackBerry: nessuna cessione e sostituzione del CEO

Rivoluzione BlackBerry: nessuna cessione e sostituzione del CEO

Il produttore canadese annuncia di non voler seguire la strada della cessione a terzi e invece imbocca una nuova opzione strategica sostituendo il CEO Thorsten Heins e cercando il supporto dagli investitori

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:22 nel canale Mercato
BlackBerry
 

Nel corso della serata di lunedì 4 novembre BlackBerry ha annunciato di voler abbandonare i tentativi di vendita e di seguire invece una opzione alternativa che prevede la destituzione dell'attuale CEO e l'emissione di note di debito convertibili ad un gruppo di investitori per raccogliere 1 miliardo di dollari. Fairfax Holdings, la quale inizialmente aveva avanzato un'offerta per l'acquisizione di BlackBerry, figura tra gli investitori mentre il CEO Thorsten Heins sarà sostituito, dopo due anni di servizio, da John S. Chen che assumerà il ruolo di CEO ad interim.

Barbara Stymiest, presidente del consiglio di amministrazione di BlackBerry, ha commentato: "L'annuncio di oggi rappresenta un significativo voto di fiducia in BlackBerry e nel suo futuro da questo gruppo di importanti investitori a lungo termine. Il consiglio di amministrazione di BlackBerry ha condotto una profonda revisione delle alternative strategiche e ha seguito il corso dell'azione che ha concluso essere nei migliori interessi per BlackBerry e i suoi costituenti, inclusi gli azionisti. Questo finanziamento offre un'immediata iniezione di liquidi in termini favorevoli a BlackBerry, rafforzando la nostra posizione contabile. Alcuni dei più importanti clienti del mondo si affidano a BlackBerry e stiamo implementando i cambiamenti necessari per rafforzare la compagnia ed assicurare di rimanere un partner forte ed innovativo per i loro bisogni".

Il nuovo CEO temporaneo John Chen ha precedentemente ricoperto il ruolo di presidente e CEO di Sybase, spostandone il core business verso la gestione di dati delle imprese ad alta crescita e conducendo l'azienda verso l'acquisizione da parte di SAP nel 2010.

La dipartita di Heins segna la fine di una condotta che non ha portato particolari elementi di successo. BlackBerry, nel comunicato ufficiale, ringrazia il CEO uscente per i suoi sforzi alla guida della compagnia nella fase di ristrtutturazione, che ha portato ad una struttura di costi più solida, e durante l'adozione di un nuovo sistema operativo, ma il periodo di Heins al timone è stato segnato da quote di mercato in picchiata e, ultimamente, da forti perdite trimestrali. Il lancio di BlackBerry OS 10 e di due nuovi telefoni non ha raccolto l'atteso consenso da parte dei consumatori e BlackBerry è stata così costretta a mettere a bilancio centinaia di milioni di unità di inventario invenduto.

Farifax Financial Holdings, il principale investitore in BlackBerry, aveva annunciato lo scorso giugno un piano per portare la compagnia fuori dalla quotazione in borsa, con un'offerta di 4,7 miliardi di dollari. Nelle ultime settimane Fairfax ha però incontrato problemi nell'assicurarsi i fondi necessari per l'accordo dal momento che le banche non erano inclini a finanziare l'acquisizione di una compagnia con risultati poco solidi.

Intanto il nuovo CEO John Chen ha già fatto sapere che non ha alcuna intenzione di chiudere l'unità che si occupa della produzione dei dispositivi. "So che abbiamo sufficienti risorse per costruire un business sostenibile sul lungo termine. L'ho già fatto prima e ho già visto questo film" ha dichiarato Chen nel corso di un'intervista a Reuters, riferendosi a Sybase.

Chen precisa però che non prevede nel futuro immediato della compagnia un piano o una strategia per la cessione a terzi. BlackBerry cercherà invece il sostegno degli investitori per mettere in atto un processo di svolta che durerà, secondo quanto afferma il nuovo CEO, almeno sei trimestri. Chen ha già lasciato intendere di voler cambiare aria all'interno del team dirigenziale, trovando nuove figure esecutive e promuovendo altre persone all'interno della compagnia. "Lo farò con una visione di lungo termine. Mi preparo a ricostruire questa compagnia" ha affermato il nuovo CEO.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Pier220405 Novembre 2013, 09:35 #1
Mossa estremamente rischiosa, ieri il titolo ha perso in un botto oltre il 22%.

se hanno carte da giocare devono farlo in fretta.
Korn05 Novembre 2013, 09:48 #2
onore al merito! sono più piccoli di nokia e tentano di resistere a differenza dei finlandesi... l'so pare sia buono l'hardware dei cellulari lo stesso ma forse leggermente sottodimensionato rispetto alla concorrenza, speriamo...
Tedturb005 Novembre 2013, 10:44 #3
la vedo come una buona notizia. Tuttavia, non ostante l'os sia buono, dopo averlo provato sono rimasto un po deluso.
L'interfaccia buona ma migliorabile.
Le varie limitazioni allo unix sottostante eliminabili.

Non capisco perche' nessuno impari da MeeGo. L'n9 penso sia stato l'unico telefono che, in qualsiasi review si guardi, ottenga solo commenti entusiasti ed utenti innamorati.
dobermann7705 Novembre 2013, 10:49 #4
A me sembra una brutta notizia.

Cambio del CEO = tutto cio' che abbiamo fatto finora per risorgere non ha funzionato va ripensato.

Capisco il calo in borsa.
san80d05 Novembre 2013, 11:27 #5
chissà se avranno fatto bene, o hanno solo ritardato l'inevitabile (?) vendita
Capozz05 Novembre 2013, 11:35 #6
Spero di sbagliarmi, ma secondo me non hanno assolutamente margini per rimettersi in piedi: la loro quota di mercato è prossima allo zero e continua a scendere di mese in mese, i terminali che hanno attualmente a disposizione sono "tecnicamente" inferiori alla concorrenza ma più costosi, l'ecosistema software è incompleto e, oltretutto, non hanno un colosso alle spalle che possa tenerli a galla mentre risolvono le problematiche già citate.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^