Samsung alle prese con i costi: riduce i dipendenti, ma quanto?

Samsung alle prese con i costi: riduce i dipendenti, ma quanto?

Voci del 30% di taglio dei dipendenti per Samsung, un dato che pare oggettivamente troppo importante e che in ogni caso non riguarderebbe la divisione legata ai prodotti di elettronica di consumo

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 13:01 nel canale Mercato
Samsung
 

Anche Samsung alle prese con una politica di riduzione dei costi, che passa attraverso una riduzione del numero di dipendenti? Questo quanto affermato dal sito Koreantimes, che indica la necessità per l'azienda di gestire al meglio la propria struttura dei costi e questo passa attraverso l'abbandono di quei lavoratori che non siano in grado di assicurare adeguati livelli di produttività.

Resta al momento attuale ancora da identificare con precisione il numero di dipendenti che verrà tagliato, soprattutto con riferimento a Samsung Electronics che nel colosso coreano è la divisione che si occupa di tutto quello che è elettronica di consumo.

Stando alla fonte il maggior numero di riduzioni del personale interesserà posizioni nelle divisioni finanza, marketing e gestione del personale. Un target di riferimento che viene indicato è quello del 30% di posti in meno, una percentuale a dir poco consistente e che pare essere fin troppo elevata in un'ottica di riduzione dei costi che non generi ripercussioni consistenti in termini di produttività complessiva del gruppo.

Samsung non commenta, specificando come sia in atto un processo di uscita dall'azienda di tipo volontario con incentivi economici proposti a dipendenti il cui rendimento non sia all'altezza delle aspettative. A venir coinvolti nel processo anche quei manager over 50 presenti in azienda che non sono stati capaci di scattare a un livello superiore nel corso del tempo.

Ricordiamo come Samsung, al pari di molte altre aziende asiatiche, sia un colosso impegnato in diversi settori che vanno dall'elettronica di consumo sino alla produzione di navi, quest'ultima legata alla propria divisione Samsung Heavy Industries. Nel corso degli ultimi trimestri Samsung Electronics non è stata capace di mantenere il livello di produttività registrato in precedenza, complice un ecosistema sempre più competitivo nel settore degli smartphone, e questo ha impattato i livelli di utile trimestrali senza però toccare dati negativi. Meno profitti che in passato, ma dati comunque positivi.

Una manovra di riduzione dei costi legati ai dipendenti, soprattutto per un'azienda di queste dimensioni, pare essere una strategia quasi scontata nell'attuale scenario ma dubitiamo che questo possa portare ad un taglio del 30% dei dipendenti. Più probabile che questa percentuale si riferisca ad alcune specifiche tipologie di mansioni, come quelle legate alla finanza e al marketing, di quelle divisioni interne dell'azienda che stanno registrando dati economici particolarmente negativi. Citiamo tra quelle Samsung SDI, impegnata nella produzione di batterie, oltre alla già citata Samsung Heavy Industries: per queste i tagli numericamente più consistenti sono in ogni caso attesi nella parte di produzione.

Difficile che si possa scatenare un effetto domino che vada a influenzare Samsung Electronics, divisione che a dispetto delle difficoltà di mercato continua a incamerare profitti trimestrali e che nell'ultimo risultato finanziario reso pubblico ha mostrato segnali di crescita.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Pier220402 Novembre 2015, 18:58 #1
[I]"Stando alla fonte il maggior numero di riduzioni del personale interesserà posizioni nelle divisioni finanza, marketing e gestione del personale. Un target di riferimento che viene indicato è quello del 30% di posti in meno"....[/I]

Alla faccia del taglio...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^