Samsung anticipa una flessione dell'utile per il terzo trimestre dell'anno

Samsung anticipa una flessione dell'utile per il terzo trimestre dell'anno

L'azienda sudcoreana prevede un calo del 60% nell'utile operativo e una contrazione del 20% nelle vendite. La competizione sui prezzi fa sentire i propri effetti

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:21 nel canale Mercato
Samsung
 

Samsung aveva avvertito già tre mesi fa che la seconda metà del 2014 avrebbe rappresentato "una sfida" e nei giorni scorsi gli analisti avevano previsto risultati non esaltanti per il terzo trimestre della compagnia sudcoreana: arriva in questi giorni la conferma della stessa azienda, la quale ha dichiarato ufficialmente di attendersi una flessione del 60% circa nell'utile operativo del trimestre conclusosi lo scorso 30 settembre, che rappresenta così la quarta contrazione trimestrale consecutiva.

Il colosso sudcoreano ha dichiarato che il terzo trimestre 2014 porterà un utile operativo pari a 3,8 miliardi di dollari, in calo del 59,7% rispetto al medesimo trimestre dello scorso anno. La compagnia ha inoltre dichiarato di attendersi vendite per 44 miliardi di dollari, che anche in questo caso andrebbero a rappresentare una contrazione 20% circa.

L'indicazione, rilasciata in anticipo rispetto ai risultati ufficiali che verranno resi pubblici più avanti nel corso del mese, non porta con sé ulteriori dettagli, anche se per il secondo trimestre consecutivo Samsung ha rilasciato un insieme di "Reference materials" per rispondere agli interrogativi che circolano sull'attuale stato della compagnia.

Le consegne di smartphone, che di norma costituiscono i due terzi dell'utile operativo di Samsung, sono cresciute leggermente nel trimestre, ma i margini lordi sono stati afflitti da maggiori costi di marketing e prezzi di vendita più bassi per gli smartphone di fascia alta. Samsung si trova in un periodo particolare, dove deve affrontare la pressione da parte dei vendor di dispositivi a basso costo, come Xiaomi e Huawei.

La società di analisi di mercato IDC ha osservato come tra i cinque più grandi vendor di smartphone, Samsung sia stata l'unica azienda ad assistere ad un calo anno su anno dei volumi di vendita nel secondo trimestre. Fitch Ratings ha inoltre previsto che le quote di mercato smartphone di Samsung andranno incontro ad una contrazione dal 31% di quest'anno al 25% del 2015.

31 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Avatar008 Ottobre 2014, 10:28 #1
Il bendgate finanziario
lockheed08 Ottobre 2014, 10:31 #2
Originariamente inviato da: Avatar0
Il bendgate finanziario


Appunto....A quanto pare, quello vero in versione sputtaniamo la concorrenza non ha sortito gli effetti sperati....
gomax08 Ottobre 2014, 10:35 #3
Apple spopola nella fascia alta, i cinesi stanno lentamente invadendo il mercato occidentale sfornando proposte interessantissime a prezzi ragionevoli nella fascia medio-bassa... Samsung sta in mezzo e se non cambia qualcosa potrebbe rimanere "stritolata". Marketing troppo costoso, con i costi automaticamente riversati sui consumatori...

Ciao
Darkon08 Ottobre 2014, 10:46 #4
Nessuno dei suddetti motivi... molto più banalmente il mercato smartphone sta entrando nella fase "normale" e non più nella fase boom, "WoW effect".

Tutti né più né meno hanno riduzioni di utile compreso cinesi e altre marche e anche compreso chi sta aumentando le vendite.

Semplicemente il mercato ha toccato la vetta e ora sta diminuendo fino alla stagnazione media di vendite che di fatto probabilmente lascerà Samsung e Apple uniche con bilancio in forte guadagno anche se ridimensionato mentre tutti gli altri in perdita o quasi.

Dopotutto anche lo stesso fenomeno Apple rimane un'anomalia di mercato che non può essere presa ad esempio da nessun'altro. Anomalia che tra l'altro non è così solida come lo era un tempo e questo non c'entra niente con i dati di vendita ma semplicemente con le valutazioni degli investitori che sono sempre più incerti sul fatto che possa durare e per quanto possa durare.

Certo è che il mercato degli smartphone è arrivato alla frutta e per molti per non dire per quasi tutti basterebbe anche un mero SGS2 e il fatto che l'innovazione sia così irrisoria che molti continuano a tenere smartphone paragonabili a un SGS2 senza più cambiare è il segno che non ci sarebbe da sorprendersi se il mercato si contraesse ulteriormente diminuendo gli utili per tutti (a chi rimane utile da diminuire) o peggio acuendo le perdite.

Sony in primis sembra sprofondare sempre di più in un buco nero senza fondo e anche HTC rimane in una brutta situazione, per non parlare di tanti altri produttori.

Alla fine temo che salvo nuovi sconvolgimenti di mercato e nuove tecnologie eclatanti gli attori che rimarranno sul palco saranno solo Samsung, Apple e Microsoft... il resto dei produttori li vedo messi male o ristretti a territori specifici come la Cina e con poco e/o niente altrove.
gomax08 Ottobre 2014, 10:56 #5
Originariamente inviato da: Darkon
Nessuno dei suddetti motivi... molto più banalmente il mercato smartphone sta entrando nella fase "normale" e non più nella fase boom, "WoW effect".

Tutti né più né meno hanno riduzioni di utile compreso cinesi e altre marche e anche compreso chi sta aumentando le vendite.

Semplicemente il mercato ha toccato la vetta e ora sta diminuendo fino alla stagnazione media di vendite che di fatto probabilmente lascerà Samsung e Apple uniche con bilancio in forte guadagno anche se ridimensionato mentre tutti gli altri in perdita o quasi.

Dopotutto anche lo stesso fenomeno Apple rimane un'anomalia di mercato che non può essere presa ad esempio da nessun'altro. Anomalia che tra l'altro non è così solida come lo era un tempo e questo non c'entra niente con i dati di vendita ma semplicemente con le valutazioni degli investitori che sono sempre più incerti sul fatto che possa durare e per quanto possa durare.

Certo è che il mercato degli smartphone è arrivato alla frutta e per molti per non dire per quasi tutti basterebbe anche un mero SGS2 e il fatto che l'innovazione sia così irrisoria che molti continuano a tenere smartphone paragonabili a un SGS2 senza più cambiare è il segno che non ci sarebbe da sorprendersi se il mercato si contraesse ulteriormente diminuendo gli utili per tutti (a chi rimane utile da diminuire) o peggio acuendo le perdite.

Sony in primis sembra sprofondare sempre di più in un buco nero senza fondo e anche HTC rimane in una brutta situazione, per non parlare di tanti altri produttori.

Alla fine temo che salvo nuovi sconvolgimenti di mercato e nuove tecnologie eclatanti gli attori che rimarranno sul palco saranno solo Samsung, Apple e Microsoft... il resto dei produttori li vedo messi male o ristretti a territori specifici come la Cina e con poco e/o niente altrove.


Non sono d'accordo; è vero, il mercato è saturo, ma a parte la momentanea assenza di eclatanti novità tecnologiche è comunque un settore molto dinamico movimentato dalla rapida obsolescenza tecnica; l'aumento della concorrenza può solo servire da stimolo ai big per l'innovazione e la revisione delle strategie marketing e prezzi.

Ciao
*sasha ITALIA*08 Ottobre 2014, 10:59 #6
Samsung l'anno scorso ha lanciato 46 smartphone e 27 tablet.

Ora ditemi voi come fa un'azienda a garantire un supporto decente.

Riempiono i loro terminali di bloatware pesante, i loro terminali si svalutano velocemente e dulcis in fundo avendo avuto un S4, a livello SW fanno pure schifo.
AlexSwitch08 Ottobre 2014, 11:00 #7
Un calo del 60% degli utili non è una flessione ma, se confermato, è un crollo!!
Mi trovo d'accordo con chi asserisce che il mercato degli smartphone sia entrato in una fase di "stabilizzazione" e, aggiungo, che è proprio qui che la strategia di Samsung si sta dimostrando sbagliata pagando dazio. Android come piattaforma OS è spalmata su una miriade di produttori che coprono tutte le fasce di mercato, mentre Apple e MS hanno il loro ecosistema che gli permette di mantenere le proprie quote ( o in alcuni casi come MS in determinati mercati di espanderle )... Samsung al contrario, visto che non è proprietaria della piattaforma Android, si deve arrangiare segmentando il proprio mercato di riferimento e saturando le rispettive fasce di prezzo per tentare di tenere a bada la concorrenza cinese... Cosa che si sta dimostrando molto difficile...
Mparlav08 Ottobre 2014, 11:42 #8
Male per Samsung, bene per gli altri produttori che riusciranno ad aumentare i loro utili.
Un mercato che per anni ha visto Apple e Samsung prendersi tutti gli utili, non è un bene per i consumatori.

Non sarà Sony visto che naviga in cattive acque, ma anche LG non riesce a crescere più di tanto.

Molto meglio i produttori cinesi, Lenovo, Xiaomi, Huawei e Meizu che hanno cominciato ad allargarsi con maggiore convinzione al di fuori dei confini nazionali.

Il mercato smartphone rallenta in Europa e USA, ma in Brasile c'è stato un vero è proprio boom nel Q2, ed India e Cina continuano con ritmi di crescita elevatissimi.
san80d08 Ottobre 2014, 11:43 #9
che calo
alexdal08 Ottobre 2014, 11:57 #10
Non so in ASIA ma in Europa ed in America Samsung spende troppo per lavare il cervello delle persone.

E naturale che vende tanto! Deve pagare infiniti spot dappertutto, pubblicita' in ogni rivista, cartelloni. Regalare agli operatori i telefoni per ostacolare che prediligano Windows phone ed apple.

danno sottocosto la merce ai centri commerciali per far fare vetrine di solo Samsung.

Samsung faceva schifezze fino a 5 anni fa poi ha copiato il design di Iphone preso un sistema operativo di Google, rubato il software da nokia e Windows.

Prima o poi la gente si stanchera' di una azienda che per vivere deve far si che i clienti debbano cambiare telefono ogni 6 mesi

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^