Scossone in Yahoo: Marissa Mayer defenestra il COO De Castro

Scossone in Yahoo: Marissa Mayer defenestra il COO De Castro

Il CEO di Yahoo decide di sollevare dall'incarico Enrique De Castro: alla base della decisione, oltre a risultati non soddisfacenti, vi sarebbero anche una serie di attriti con il resto del team dirigenziale

di Andrea Bai pubblicata il , alle 11:51 nel canale Mercato
Yahoo
 

Con la deposizione di un documento presso la SEC nel corso della giornata di ieri, Yahoo ha annunciato che Enrique de Castro, Chief Operating Officer, lascerà la compagnia con effetto immediato. De Castro è entrato a far parte di Yahoo poco più di un anno fa, voluto personalmente da Marissa Mayer che lo ha strappato a Google offrendogli un contratto faraonico.

Sebbene le comunicazioni ufficiali si limitino semplicemente a divlugare la dipartita di Yahoo, è stata la stessa Mayer a prendere la decisione di estromettere De Castro dal team dirigenziale della compagnia di Palo Alto, così come emerge da una nota inviata ai dipendenti dell'azienda, come riporta la giornalista Kara Swisher su Re/Code.

Il CEO di Yahoo non espone alcuna particolare motivazione per la sua decisione, ma considerata la breve militanza di De Castro in Yahoo e l'improvviso annuncio della sollevazione dal suo ruolo è verosimile supporre che l'operato del COO sia stato tutto fuoché soddisfacente in questi mesi. Del resto i risultati degli ultimi trimestri hanno mostrato una raccolta pubblicitaria ancor distante dalle aspettative.

Secondo varie indiscrezioni provenienti da persone ben informate sui fatti pare che De Castro abbia eccessivamente allungato il processo di composizione del team di vendite, oltre ad aver incrinato i rapporti con tutti gli altri top executive della compagnia.

In realtà già al momento della sua nomina a COO, da varie parti si erano levate alcune perplessità riferite in particolar modo alla sua "difficile personalità" e ad una professionalità non sempre d'eccellenza. La Meyer ritenne allora che De Castro potesse essere una figura chiave per risollevare le sorti di Yahoo, credendo che a lui andassero molti dei meriti del successo di Google nel campo della display advertising.

La breve esperienza di De Castro in Yahoo si è comunque rivelata particolarmente remunerativa, dal momento che oltre il normale salario percepito in questi mesi egli si vedrà riconoscere una buonuscita di 20 milioni di dollari. L'uscita di De Castro ha comportato una piccola riorganizzazione del team dirigenziale senza che vi sia l'inserimento di nuove figure, con un ricompattamento attorno al CEO: le sei persone che si spartiranno le responsabilità di De Castro dovranno rispondere direttamente a Marissa Mayer.

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
cignox117 Gennaio 2014, 12:41 #1
Un anno di lavoro 'non soddisfacente' in Yahoo, e questo puó vivere da nababbo per il resto della sua vita :-)

Buon per lui :-)
qboy17 Gennaio 2014, 12:58 #2
Originariamente inviato da: cignox1
Un anno di lavoro 'non soddisfacente' in Yahoo, e questo puó vivere da nababbo per il resto della sua vita :-)

Buon per lui :-)


non penso sai, con 20 milioni una persona normale si mette a posto, uno che aveva uno stipendio da COO aveva tutt'altra tenuta di vita, gli basteranno si e no per 10 anni
Londo8317 Gennaio 2014, 13:23 #4
Cristo,pensavo lo avesse veramente lanciato dalla finestra......
Tedturb017 Gennaio 2014, 16:08 #5
Potrebbe anche essere che Google gli abbia suggerito di andare a fare il cavallo di troia

a pensare male si fa peccato ma come avrebbe detto andreotti..
corvazo19 Gennaio 2014, 11:01 #6
Licenziato per aver venduto poca pubblicità? Nessuno accenna dell'ampia delusione scatenatasi pochi mesi fa per la nuova Yahoo Mail? Non si riusciva nemmeno a scrivere o leggere la propria posta, e poi han tolto delle comodità uniche come il comando di stampa. La pubblicità era pesantissima, probabilmente in flv, mi divorava la cpu da un core solo del mio povero minibook rendendo il mio sistema inutilizzabile. Se Castro è li per fare danni a Yahoo che dire della Meyer che viene anche lei da Google? Non si vantava la Meyer della sua splendida idea di portare lo stile Google in Yahho scatenando tutti i problemi sopracitati? Ora Yahoo mail funziona meglio specie da quando uso ADBlock, e immagino che tanti altri abbiano fatto altrettanto oppure che abbiano cambiato indirizzo per sempre. Se han perso clienti è ovvio che han venduto meno AD, quindi chi deve realmente essere defenestrato? Signorina Meyer spero di vederla in diretta alla presentazione della prossima trimestrale!
san80d19 Gennaio 2014, 12:05 #7
Originariamente inviato da: qboy
non penso sai, con 20 milioni una persona normale si mette a posto, uno che aveva uno stipendio da COO aveva tutt'altra tenuta di vita, gli basteranno si e no per 10 anni


d'altronde non penso rimarrà disoccupato per molto
Alfhw20 Gennaio 2014, 11:05 #8
Uno NON centra gli obiettivi previsti (e per cui era già lautamente pagato) e il contratto prevede come buonuscita ben 20 milioni di dollari... C'è qualcosa che non funziona.
qboy20 Gennaio 2014, 11:55 #9
Originariamente inviato da: Alfhw
Uno NON centra gli obiettivi previsti (e per cui era già lautamente pagato) e il contratto prevede come buonuscita ben 20 milioni di dollari... C'è qualcosa che non funziona.


forse era il tot da pagare in caso di recessione del contratto da parte di yahoo
qboy20 Gennaio 2014, 11:56 #10
Originariamente inviato da: Tedturb0
Potrebbe anche essere che Google gli abbia suggerito di andare a fare il cavallo di troia

a pensare male si fa peccato ma come avrebbe detto andreotti..


true story

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^