Sfrutta schema Ponzi per una truffa con bitcoin: dovrà pagare 40 miloni di dollari

Sfrutta schema Ponzi per una truffa con bitcoin: dovrà pagare 40 miloni di dollari

Bitcoin Savings and Trust ha perpetrato una truffa dal febbraio 2011 all'agosto 2012: dovrà ora risarcire le vittime con 40 milioni di dollari

di Andrea Bai pubblicata il , alle 13:31 nel canale Mercato
 

Bitcoin Savings and Trust, una società che ha proposto in passato formule d'investimento tramite bitcoin, dovrà corrispondere un risarcimento di oltre 40 milioni di dollari dopo che la Securities and Exchange Commission ha stabilito che la compagnia ha ingannato gli investitori sfruttando lo schema Ponzi, un modello fraudolento di vendita/investimento che promette forti guadagni alle vittime a patto che queste reclutino a loro volta nuovi investitori/vittime.

Il giudice Amos Mazzant ha dichiarato che Trendon Shavers, titolare di BTCST, ha condotto "consapevolmente e intenzionalmente" la compagnia con "falsità e usando uno schema Ponzi", fuorviando gli investitori sull'uso dei loro bitcoin, su come avrebbero generato il ritorno d'investimento e sulla sicurezza dei loro investimenti.

Shavers, attraverso BTCST, avrebbe raccolto oltre 732 mila bitcoin nel periodo dal febbraio 2011 fino alla chiusura della società, nell'agosto del 2012, promettendo agli investitori un interesse settimanale fino al 7%. Secondo gli elementi raccolti dalla Securites and Exchange commission, Shavers avrebbe invece usato nuovi bitcoin per ripagare i primi investitori, dirottato una parte dei fondi su conti personali su Mt.Gox e altri servizi simili, e speso una parte di essi per pagare affitti, cibo, acquisti e "supportare" qualche sortita al casinò.

"La perdita complessiva per gli investitori di BTCST vittime della truffa è staa di 265678 bitcoin, ovvero più di 149 milioni di dollari agli attuali tassi di cambio" ha sottolineato il giudice Mazzant. Il valore dei bitcoin che Shavers aveva raccolto ammontava a circa 4,5 milioni di dollari considerando il tasso di cambio nel periodo in cui è stata perpetrata la truffa. Il giudice ha calcolato un risarcimento di 40,7 milioni di dollari sul tasso di cambio medio sin da quando la compagnia ha chiuso i battenti.

Shavers, che ha ammesso molte delle sue azioni, ha però anche affermato di aver ripagato gli investitori, sebbene le indagini non abbiano trovato prove a sostegno della sua tesi. Attualmente non è chiaro se Shavers e la compagnia BTCST dispone delle risorse necessarie per onorare il risarcimento.

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Notturnia22 Settembre 2014, 14:03 #1
ah che bella sta "moneta" .. alla fin fine è un altro "coso" con cui speculare e rubare.. fortuna che ogni tanto qualcuno lo beccano..
aald21322 Settembre 2014, 14:59 #2
Originariamente inviato da: Notturnia
ah che bella sta "moneta" .. alla fin fine è un altro "coso" con cui speculare e rubare.. fortuna che ogni tanto qualcuno lo beccano..


questo tipo di truffa non ha nulla a che vedere con la moneta utilizzata; gli schemi Ponzi esistono da molto tempo prima di bitcoin, e non c'è virtualmente nessuna differenza tra dare 100€ in contante a un truffatore, o mandargli lo stesso quantitativo tramite bitcoin, eccetto che un cumulo di cretini farà commenti disinformati nel secondo caso.
Gnaffer22 Settembre 2014, 15:26 #3
Originariamente inviato da: aald213
questo tipo di truffa non ha nulla a che vedere con la moneta utilizzata; gli schemi Ponzi esistono da molto tempo prima di bitcoin, e non c'è virtualmente nessuna differenza tra dare 100€ in contante a un truffatore, o mandargli lo stesso quantitativo tramite bitcoin, eccetto che un cumulo di cretini farà commenti disinformati nel secondo caso.
+1

Il bitcoin ha la comodità di essere una moneta universale. Ha 2 difetti, poco usata a livello globale e alta volatilità. 1 BTC può cambiare valore anche di 20 euro in pochi secondi.
E' l'unica moneta usata nel deep web quindi c'è un giro dietro di miliardi ed è la migliore (l'unica?) per fare pagamenti in totale anonimato. E' vero che ormai il mining è morto e difatto si utilizza per quello che è, una valuta. Poi come tutte le cose nuove e poco usate è facile puntare il dito solo per "sentito dire".

Lo schema ponzi con i btc non c'entrano nulla. Vi ricordo che anni fa una delle più grosse truffe della storia con il sistema ponzi si ebbe con il dollaro e fu fatto da un economista dei piani alti e nessuno disse "ah il dollaro, comodo solo per truffare". Quindi non disdegniamo i btc solo perchè oggi leggiamo questa notizia.
Italia 122 Settembre 2014, 20:40 #4
Tutte ste notizie negative sui BTC... Eppure il principio di base è buono e giusto: moneta alternativa ultra sicura non basata su banconote esistenti, ma solo sulla rete. Ho preso un miner giusto venerdi che dovrebbe arrivarmi a breve, Se il valore del BTC rimane allo stato attuale, me lo ripago in 10 giorni
massimo79m22 Settembre 2014, 23:19 #5
"un modello fraudolento di vendita/investimento che promette forti guadagni alle vittime a patto che queste reclutino a loro volta nuovi investitori/vittime."

lasciando perdere il bitcoin, mi verrebbe da dire che:

1) "promette forti guadagni": uno dovrebbe capire da se' che i soldi non arrivano dal cielo, e la cosa dovrebbe gia' puzzare di per se'.

2) reclutamento: in molti paesi e' vietato. fai due piu' due e capisci il perche'.

io dico che molti rischiano di brutto con cose palesemente pericolose/illegali/truffaldine e poi vanno a piangere una volta che succede il patatrac.
wanna marchi, parmalat, bond argentini non hanno insegnato nulla.
Leon™23 Settembre 2014, 21:29 #6
pollo chi ci e' cascato
Gnaffer23 Settembre 2014, 22:27 #7
Originariamente inviato da: massimo79m
"un modello fraudolento di vendita/investimento che promette forti guadagni alle vittime a patto che queste reclutino a loro volta nuovi investitori/vittime."

lasciando perdere il bitcoin, mi verrebbe da dire che:

1) "promette forti guadagni": uno dovrebbe capire da se' che i soldi non arrivano dal cielo, e la cosa dovrebbe gia' puzzare di per se'.

2) reclutamento: in molti paesi e' vietato. fai due piu' due e capisci il perche'.

io dico che molti rischiano di brutto con cose palesemente pericolose/illegali/truffaldine e poi vanno a piangere una volta che succede il patatrac.
wanna marchi, parmalat, bond argentini non hanno insegnato nulla.
Assolutamente nulla. C'è n'è in giro di gente che si fa abbindolare così da essere veramente preoccupante. L'altro giorno è passato a casa mia un ragazzo per vendere il suo magico folletto. Appena gli ho detto che ho già il Kirby si è messo sulla difensiva e ha invano tentato di farmi cambiare idea "ma non vuoi nemmeno vederlo etc" "guarda che è gratuito etc". Dopo varie mie insistenze indovinate con cosa se n'è uscito? "conosci per caso qualcuno da cui posso fare la dimostrazione" alchè gli ho detto "guarda che sei in un sistema piramidale, una delle più grandi truffe illegali che esistono. Ogni vendita che tu fai i tuoi capi si beccano il 95% del guadagno e tu a malapena il restante 5%. Esci fuori finche sei in tempo!" e lui tutto candido "ma no, guarda che qui è diverso"... morale della favola... il giusto lavaggio del cervello ha una capacità di riuscita di quanto... 98? 99%? allucinante...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^