Softbank pronta a cedere il 25% di ARM

Softbank pronta a cedere il 25% di ARM

La multinazionale giapponese vuole costituire un fondo di investimenti da 100 miliardi di dollari e ha bisogno del supporto di Mubadala, che come contropartita vuole avere voce in capitolo nel destino di ARM

di Andrea Bai pubblicata il , alle 13:31 nel canale Mercato
ARM
 

Era luglio del 2016 quando la multinazionale giapponese Softbank ha annunciato l'acquisizione di ARM per circa 32 miliardi di dollari: ad appena 8 mesi dall'operazione la società giapponese ha già fatto sapere di essere intenzionata a cedere il 25% delle quote di ARM - pari a circa 8 miliardi di dollari - ad un fondo in investimenti supportato dal governo saudita.

Non si tratta di un ripensamento, in quanto l'operazione va collocata nel contesto di una più ampia strategia orientata alla creazione di un nuovo fondo di investimenti, Vision Fund, da 100 miliardi di dollari che il CEO di Softbank Masayoshi Son vuole sfruttare come veicolo finanziario per effettuare investimenti nel settore tecnologico. Il fondo mira a diventare uno "dei più grandi della sua categoria" ha dichiarato lo scorso anno Softbank.

Softbank ha intenzione di iniettare almeno 25 miliardi di dollari nel fondo nei prossimi 5 anni, ma attualmente il suo più grande investitore è il Public Investment Fund dell'Arabia Saudita, che lo scorso anno si è impegnata a contribuire per 45 miliardi. L'accordo è frutto di lunghi negoziati tra Son e Mohammed bin Salman, Vice Principe ereditario dell'Arabia Saudita.

Per poter arrivare, però, all'obiettivo fissato di 100 miliardi di dollari Son ha bisogno del supporto di un'altra importante realtà di investimenti. Si tratta di Mubadala, gruppo supportato dal governo di Abu Dhabi, che già investe nel settore dei semiconduttori con la proprietà del 100% di Globalfoundries. Mubadala e Softbank stanno chiudendo un accordo che vede la prima impegnarsi nel fondo per un valore di 15 miliardi di dollari. La contropartita è proprio la cessione del 25% di ARM a Vision Fund, così che anche Mubadala possa avere influenza e voce in capitolo nelle decisioni relative ad ARM.

VisionFund, in ogni caso, è qualcosa di davvero inedito. Il Financial Times stima che l'obiettivo di 100 miliardi del fondo avrebbe lo stesso valore delle risorse raccolte da tutti i Venture Capital statunitensi nel corso degli ultimi 30 mesi. Nel fondo stanno inoltre investendo, sebbene in misura minore rispetto alle cifre indicate in precedenza, anche una serie di società tra cui Apple, Qualcomm e Foxconn, oltre al fondatore di Oracle, Larry Ellison.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^