Software per lo storage, un mercato in ottima salute

Software per lo storage, un mercato in ottima salute

L'esplosione delle informazioni digitali supporta la crescita del mercato di storage, sia hardware, sia software. Quest'ultimo, in particolare, gode di un'ottima salute

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:27 nel canale Mercato
 

Le informazioni digitali che produciamo tutti i giorni crescono ad un ritmo impressionante: già nel corso del 2010 IDC aveva stimato che per il 2020 l'intero "universo digitale" raggiungerà il peso di ben 35,2 zettabyte, ovvero 35,2 miliardi di terabyte crescendo, rispetto all'anno in cui è stata elaborata questa previsione, di un fattore di 44.

E' quindi abbastanza normale che l'enorme crescita delle informazioni digitali porti una particolare vitalità sul mercato delle soluzioni di storage, hardware o software che siano. E' proprio relativamente alle soluzioni software per lo storage che IDC pubblica i risultati di una recente ricerca osservando come questo mercato abbia terminato il 2011 con vendite da record.

Relativamente a mercato, i fatturati durante il quarto trimestre del 2011 sono cresciuti del 10,5% su base annuale, rrivando a quasi 3,8 miliardi di dollari. Il quarto trimestre 2011 si è così configurato come il migliore dell'anno, portando i fatturati dell'intero 2011 a crescere dell'11,6% rispetto a quelli dell'anno precedente, ad un traguardo record di 14,16 miliardi.

EMC, IBM e Symantec sono le tre realtà ad occupare il podio, con il 25,7%, il 19,8% ed il 15,4% di market share rispettivo. Analizzando più da vicino i vari segmenti di questo mercato si osserva come quello delle soluzioni di Data Protection & Recovery abbia assistito ad una crescita del 13,8%, nonostante rappresenti un settore maturo. Questo fatto è comunque diretta conseguenza dei sempre più elevati standard RPO ed RTO (Recovery Point Objective e Recovery Time Objective) che si diffondono negli ambienti di storage.

Anche il segmento delle soluzioni software destinate all'archiviazione ha rappresentato un mercato che, seppur piccolo in volumi, ha saputo registrare una forte crescita con un impennata del 12% nei fatturati 2011 e del 7,3% rispetto al confronto tra il quarto trimestre 2011 ed il medesimo periodo dell'anno precedente. Marhall Amaldas, senior research analyst per IDC, ha commentato: "La crescita nel segmento delle soluzioni di archiviazione continua ad essere alimentata dall'adozione di soluzioni cloud-based per l'archviazione e dalla crescita delle informazioni non strutturate nell'infrastruttura fisica e nell'infrastruttura cloud".

IDC osserva inoltre come nel 2011 si siano verificate una sere di acquisizioni di alto profilo che hanno avuto impatto diretto sul market share delle soluzioni software di archiviazione: dapprima dapprima l'acquisizione di Iron Mountain da parte di Autonomy e successivamente l'acquisizione di quest'ultima da parte di HP, che ha portato HP al secondo posto in questo segmento di mercato che risulta attualmente essere dominato da IBM.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^