Sony riacquista stabilimento produttivo da Toshiba

Sony riacquista stabilimento produttivo da Toshiba

Con l'obiettivo di attivare una nuova produzione di sensori CMOS, Sony intende riappropriarsi dello stabilimento produttivo che nel 2008 fu ceduto, in regime di joint-venture, a Toshiba

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:07 nel canale Mercato
ToshibaSony
 

Sony Corporation sta delineando i piani per riappropriarsi del Nagasaki Technology Center acquistando le quote da Toshiba Corporation. Diciamo "riappropriarsi" perché la fabbrica era originariamente di proprietà Sony, ma dall'inizio del 2008 è divenuta una joint-venture tra Sony e Toshiba, la quale ha di fatto guadagnato il controllo delle attività dell'impianto. L'obiettivo di Sony è quello di impiegare la fabbrica per la produzione di sensori CMOS.

Pare che ora Sony abbia intenzione di tornare al comando della fabbrica e sarebbe per questo disposta ad un esborso di 50 miliardi di yen, pari a poco meno di 600 milioni di dollari USA. Nel 2008, quando si completò l'operazione che portò alla formazione della joint venture tra le due aziende, Toshiba acquisì le linee di produzione di wafer da 300mm di Sony, per un controvalore monetario di circa 90 miliardi di yen, allora pari a circa 830 milioni di dollari USA.

Le informazioni disponibili, riportate dal quotidiano giapponese Nikkei e riprese da Reuters, si fermano però qui: non sono noti i termini di un eventuale accordo tra le due parti e ad ora è imposibile sapere se Toshiba avrà la possibilità di poter utilizzare ancora la fabbrica, se tratterrà una quota di minoranza o se cederà completamente il proprio 60%.

L'acquisizione dello stabilimento consentirà a Sony di raddoppiare la capacità produttiva dei sensori CMOS, che arriverebbe ad un equivalente mensile pari a 40 mila wafer in silicio da 300mm. In questo modo l'azienda avrebbe la possibilità di ridurre i costi di produzione dei propri sensori e di porsi sul mercato in maniera maggiormente competitiva. Nel momento in cui Sony ha ceduto lo stabilimento due anni fa, la fabbrica era impegnata nella produzione dei processori Cell a 65nm per la console Playstation 3.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ventresca23 Dicembre 2010, 13:11 #1
che serva per i processori della psp2?
supertigrotto23 Dicembre 2010, 16:28 #2

@ventrefresca

Probabile,non solo per psp2 ma eventualmente anche per altri dispositivi,forse facendosi i processori in casa,qualche piccolo punto di percentuale di guadagno riuscirà ad ottenerla.....
tommy78123 Dicembre 2010, 16:47 #3
mi spiegate cosa centra la psp2???questa fabbrica viene acquistata per essere convertita per produrre sensori fotografici...ma la notizia l'avete letta???
supertigrotto23 Dicembre 2010, 20:40 #4

si

fotocamere per psp!
A dire il vero stanno pensando di riconvertirne solo in parte per continuare a produrre processori,su un altro sito lo dice
II ARROWS25 Dicembre 2010, 20:01 #5
Sony dovrebbe fare attenzione: non si sa mai che la fabbrica non abbia le precauzioni necessarie per evitare cali di tensione. XD
Pontus27 Dicembre 2010, 15:48 #6

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^