Sony vende la sede di Sony Corporation of America

Sony vende la sede di Sony Corporation of America

La sussidiaria statunitense di Sony Corporation ha sottoscritto un accordo di sale-and-leaseback per vendere la sede del quartier generale USA

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:31 nel canale Mercato
Sony
 

Sony Corporation of America, sussidiaria interamente di proprieta di Sony Corporation, ha annunciato oggi di aver sottoscritto un contratto per la vendita degli immobili del suo quartier generale statunitense, situato a 550 Madison Avenue a New York City, ad un consorzio guidato da The Chetrit Group, titolare di varie proprietà commerciali a New York City e in altri importanti mercati immobiliari degli Stati Uniti.

Il prezzo di vendita pattuito è di 1,1 miliardi di dollari, con la transazione che verrà completata nel corso del mese di marzo 2013. Sony Corporation of America e altre divisioni di business (tra cui Sony Music Entertainment, Sony/ATV Music Publishing e Sony Pictures Entertainment) continueranno ad occupare la sede per altri tre anni secondo un accordo di leaseback sottoscritto con il compratore.

Dopo aver ripianato i debiti legati all'immobile e altri costi legati alla transazione, Sony potrà contabilizzare un fatturato netto di circa 770 milioni di dollari, con stime di utile operativo che dovrebbe poter ammontare a circa 685 milioni di dollari.

L'azienda sta ora riconsiderando le previsioni dei risultati finanziari per l'anno fiscale in corso, che si concluderà il 31 marzio 2013, dal momento che la vendita dell'immobile della sede USA potrebbe condizionare le previsioni precedentemente elaborate.

Sony sta adottando una serie di iniziative che hanno lo scopo di irrobustire le proprie fondamenta finanziare e la competitività del business per la crescita futura. L'azienda sta cercando di bilanciare entrate e uscite e sta lavorando per migliorare il flusso di cassa selezionando con attenzione gli investimenti, vendendo asset e rafforzando il controllo sul capitale operativo e sull'inventario. La vendita dell'immobile della sede di Sony Corporation of America rientra sotto il cappello di queste iniziative.

Nel corso dei mesi passati anche AMD, con lo stabilimento Lone Star di Austin, Texas, e Nokia, con il quartier generale di Espoo, Finlandia, hanno intrapreso azioni di sale-and-leaseback allo scopo di liberare capitali da poter utilizzare per le operazioni di business.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
netcrusher20 Gennaio 2013, 10:10 #1

vabbè

"Sony sta adottando una serie di iniziative che hanno lo scopo di irrobustire le proprie fondamenta finanziare e la competitività del business per la crescita futura. L'azienda sta cercando di bilanciare entrate e uscite e sta lavorando per migliorare il flusso di cassa selezionando con attenzione gli investimenti, vendendo asset e rafforzando il controllo sul capitale operativo e sull'inventario."

Un giro di parole per dire che ha i conti in rosso e che sta licenziando operai nell'ordine delle migliaia di unità, anche Sony verso il viale del tramonto???

netcrusher20 Gennaio 2013, 10:13 #2

politici buffoni di corte

tra aprile ed ora avrà licenziato mi pare più di 12.000 persone, una cifra impressionante, ma come fanno a dire questi cialtroni del nostro governo che il peggio è passato se anche colossi come la sony sono oramai in palese difficoltà?????
Eress20 Gennaio 2013, 13:43 #3
Come in molte cose la globalizzazione fa vittime. Ormai in questo campo si va sempre più verso un dualismo Apple-Samsung con annessi e connessi.
mattia100020 Gennaio 2013, 23:06 #4
La notizia è abbastanza clamorosa, 1.1 miliardi di dollari non sono pochi , fa impressione vedere il marchio sony in declino piano piano, pensando che 10 anni fa era leader in molti settori

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^