Stop al monopolio SIAE? Ipotesi probabile, secondo indicazioni UE

Stop al monopolio SIAE? Ipotesi probabile, secondo indicazioni UE

In arrivo una proposta UE per garantire più liberismo nella scelta degli enti a cui affidare i proventi e la gestione, in generale, del diritto d'autore. Una conseguenza potrebbe essere l'addio al monopolio SIAE in Italia

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 11:42 nel canale Mercato
 

La notizia, apparsa su "La legge per tutti", è di quelle che meritano una certa attenzione, anche in considerazione delle molteplici conseguenze che potrebbero verificarsi in caso di conferma. La Commissione Europea, in base a fonti sicuramente attendibili (confermate anche da Giorgio Assuma, ex presidente SIAE), è in procinto di presentare una proposta per garantire una maggiore libertà e trasparenza nella gestione del diritto d'autore.

Fin qui sembra qualcosa di ovvio e lecito. Se non fosse che la proposta, sempre secondo le fonti, indichi anche la completa libertà del singolo nel scegliere l'ente a cui affidare i propri diritti, introiti e modalità di gestione delle proprie opere. In Italia però esiste un solo ente, la SIAE, il cui monopolio ha radici granitiche dategli dalla legge.

Trattandosi però di un monopolio, in diretto contrasto con la proposta in arrivo, sono in molti a credere che la SIAE, intesa come organo unico, sia destinata ad essere affiancata da proposte concorrenti. I tempi non saranno brevissimi ma è chiaro che la notizia ha creato moltissimo entusiasmo negli iscritti SIAE (forzatamente iscritti, aggiungiamo), molti dei quali non possono essere considerati propriamente appagati per il lavoro svolto dall'ente nei propri confronti.

Già in passato la UE ha sempre usato il pugno duro contro posizioni marcatamente monopolistiche. Le parti in gioco, nel caso del diritto d'autore, sono veramente molte e di grande peso, ma si tratta di elementi su cui la UE ha dimostrato di saper passare sopra senza particolari problemi (vedi sentenze conto Microsoft e via dicendo). Non resta quindi che attendere, per capire se e in che modo verrà presentata la proposta, nonché con quali modalità verrà eventualmente recepita dai singoli stati membri.

27 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor09 Ottobre 2012, 11:48 #1
Figuriamoci... si inventeranno un'altra porcata come l'equo compenso e torneranno a inghiottire decine di milioni di euro senza fare nulla in cambio.

kisono09 Ottobre 2012, 12:38 #3
Originariamente inviato da: Paganetor
Figuriamoci... si inventeranno un'altra porcata come l'equo compenso e torneranno a inghiottire decine di milioni di euro senza fare nulla in cambio.


Temo anch'io che per i non artisti e non scaricatori sarà un palo ove non batte il sole
TreeWalker09 Ottobre 2012, 12:42 #4
Nella migliore delle ipotesi la UE appiopperà all'Italia una multa che saranno i contribuenti a pagare..

Oppure si formeranno una SIAE A e una SIAE B con il doppio degli sprechi
fulvo09 Ottobre 2012, 12:50 #5
sarebbe anche ora di avere un po' di concorrenza.
la siae è buono solo di intascarsi i soldi, e poi è in debito di qualche milione, e mi chiedo come sia possibile
goldorak09 Ottobre 2012, 12:58 #6
Originariamente inviato da: fulvo
sarebbe anche ora di avere un po' di concorrenza.
la siae è buono solo di intascarsi i soldi, e poi è in debito di qualche milione, e mi chiedo come sia possibile


E in debito di qualche milione ? Ah ah ah non usiamo eufemismi suvvia.
La Societa' Italiana Autorizzata alle Estorsioni e' in debito per poco meno di 1 miliardo di €. Alla faccia di "qualche milione".
rb120509 Ottobre 2012, 13:14 #7
Originariamente inviato da: fulvo
sarebbe anche ora di avere un po' di concorrenza.
la siae è buono solo di intascarsi i soldi, e poi è in debito di qualche milione, e mi chiedo come sia possibile


Idem. Considerando che il 99.9% degli artisti iscritti alla SIAE è in passivo, ovvero versa più soldi di quanti riceve, più le decine di altri fonti di guadagno tra etichette, equo compenso, tasse ai negozi con radio di sottofondo, concertini pubblici etc. sarebbe interessante sapere che fine faccia quella montagna di soldi.
Xile09 Ottobre 2012, 13:17 #8
Non faranno mai niente, ci mangiano in troppi
D4N!3L309 Ottobre 2012, 13:17 #9
Originariamente inviato da: goldorak
E in debito di qualche milione ? Ah ah ah non usiamo eufemismi suvvia.
La Societa' Italiana Autorizzata alle Estorsioni e' in debito per poco meno di 1 miliardo di €. Alla faccia di "qualche milione".


In effetti la definizione gli si addice, sono dei ladri legalizzati.
Pier de Notrix09 Ottobre 2012, 13:19 #10
Originariamente inviato da: kisono
Temo anch'io che per i non artisti e non scaricatori sarà un palo ove non batte il sole


Veramente il palo è per gli artisti che non solo pagano la SIAE percentuali discutibili, ma non ricevono i diritti (leggasi 800 milioni di passivo della SIAE).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^