Toshiba e Sony: accordo per il trasferimento di fabbriche

Toshiba e Sony: accordo per il trasferimento di fabbriche

Le due realtà giapponesi firmano una lettera d'intenti per il passaggio di stabilimenti produttivi da Toshiba a Sony

di Andrea Bai pubblicata il , alle 12:14 nel canale Mercato
ToshibaSony
 

Confermando le informazioni ufficiose circolate la scorsa settimana, Toshiba Corporation e Sony Corporation hanno annunciato nella giornata di venerdì 24 dicembre 2010 di aver firmato una lettera d'intenti non vincolante allo scopo di esprimere la volontà di trasferire da Toshiba a Sony gli stabilimenti produttivi di proprietà della prima e gestiti tramite Nagasaki Semiconductor Manufacturing Corporation (di seguito NSM), una joint-venture nata tra Toshiba, Sony e Sony Computer Entertainment, e, a seguito del trasferimento, terminare le attività ed il rapporto di joint-venture di NSM.

NSM, fondata nel mese di marzo 2008 e situata presso il Nagasaki Technology Center di Sony Semicodnutctor Kyushu Corporation, si è occupata nel corso di questi anni della produzione del processore Cell Broadband Engine, del core grafico RSX e di altri semiconduttori e SoC destinati all'uso in prodotti consumer digitali di Toshiba e Sony.

Sarà la linea wafer a 300mm situata presso il Nagasaki Technology Center ad essere trasferita. Si tratta di stabilimenti e strumentazioni che Toshiba ha acquistato da Sony nel 2008 e ha concesso in locazione a NSM. Come parte dell'accordo vi sarà inoltre il trasferimento di altri stabilimenti che Toshiba e Sony acconsentiranno di trasferire tra quelli nei quali Toshiba ha investioni in connessione con le operazioni condotte con NSM.

Toshiba e Sony mirano di poter arrivare all'esecuzione dell'accordo definitivo prima dell'anno fiscale che si concluderà il 31 Marzo 2011 e di poter completare l'intera operazione entro l'anno fiscale che si concluderà il 31 Marzo 2012, ovviamente a seguito di tutte le approvazioni necessarie da parte del governo e dei regolatori del mercato.

Nel comunicato ufficiale non viene precisato quale sarà la destinazione d'uso decisa da Sony per la fabbrica di cui ritornerà ad essere proprietaria, anche se prendendo per attentibili le precedenti informazioni, gli stabilimenti verranno impiegati per la produzione di sensori d'immagine CMOS.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
netcrusher27 Dicembre 2010, 15:20 #1
approvazione dei governi o delle mafie?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^