TSMC, nessuna esclusiva per Apple e Qualcomm

TSMC, nessuna esclusiva per Apple e Qualcomm

TSMC ha rifiutato proposte di investimento da Apple e Qualcomm che hanno richiesto come contropartita la produzione esclusiva di chip per dispositivi smartphone

di Andrea Bai pubblicata il , alle 08:11 nel canale Mercato
AppleQualcomm
 

Il sito d'informazione Bloomberg riporta alcune indiscrezioni tratte da fonti anonime secondo le quali Apple e Qualcomm avrebbero avanzato separatamente tentativi di investimento in TSMC allo scopo di assicurarsi l'accesso in forma esclusiva alla produzione di chip per dispositivi smartphone.

Secondo le informazioni disponibili ciascuno dei due colossi avrebbe messo sul piatto investimenti piuttosto cospicui, superiori al miliardo di dollari, per convincere la fonderia taiwanese a produrre chip in maniera esclusiva. TSMC ha però opposto un secco rifiuto ad entrambe le realtà, con l'obiettivo di preservare la propria flessibilità sul mercato.

Apple e Qualcomm hanno entrambe l'esigenza di dover soddisfare l'esplosione della domanda per i dispositivi smartphone, un mercato dal valore stimato in 219 miliardi di dollari. Apple ricerca principalmente un fornitore alternativo a Samsung che se da un lato è il principale produttore dei chip di iPhone e iPad, dall'altro compete con la Mela proprio nel mercato smartphone. Qualcomm sta invece cercando il modo di incrementare la fornitura di chip, dal momento che le difficoltà di approvvigionamento stanno iniziando a limitare i guadagni della compagnia.

Gran parte del successo di TSMC sta nel fatto di essere riuscita a coltivare una rete di clienti di particolare rilievo: al di là della stessa Qualcomm, l'azienda taiwanese annovera tra la propria clientela realtà del calibro di Nvidia, Broadcom, Marvell e Conexant. Dedicare la produzione ad un singolo prodotto o cliente esporrebbe la fonderia ad un rischio piuttosto elevato dal momento che le sue sorti dipenderebbero strettamente dalle sorti del dato cliente.

Qualche settimana fa il presidente di TSMC, Morris Chang, dichiarò di stare prendendo in considerazione la possibilità di costruire una fabbrica dedicata ad un singolo cliente. Quanto si apprende oggi non sembra tuttavia rappresentare un passo indietro: TSMC infatti sostiene di non aver bisogno dell'aiuto di altre realtà per affrontare un percorso di questo tipo, disponendo di tutte le risorse necessarie, con lo scopo di preservare la propria indipendenza senza alcuna ingerenza esterna, per poter mantenere la più completa libertà di manovra sul mercato.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^