Tudor Brown lascia ARM dopo 21 anni di militanza

Tudor Brown lascia ARM dopo 21 anni di militanza

Il presidente e cofondatore di ARM ha deciso di lasciare l'azienda dal prossimo mese di maggio. Non sarà sostituito, sarà Simon Segras a ricevere parte dei prorpi compiti

di Andrea Bai pubblicata il , alle 13:51 nel canale Mercato
ARM
 

Tudor Brown, presidente e cofondatore di ARM Holdings plc, ha annunciato il proprio congedo dalla compagnia per il prossimo mese di maggio. Dopo aver trascorso 21 anni all'interno dell'azienda, Brown ha inoltre annunciato che non si ricandiderà al consiglio di amministrazione della compagnia nel corso del meeting annuale degli azionisti il prossimo 3 maggio 2012.

Nel corso della sua carriera Brown ha avuto modo di operare all'interno di ARM in numerose posizioni: sia come coordinatore degli ingegneri, sia come Chief Technology Officer, come Executive Vice President per il Global Development e Chief Operating Officer.

Brown è entrato a far parte del consiglio di amministrazione di ARM nel 2001 ed è diventato presidente nel 2008, con la responsabilità nello sviluppo di relazioni di alto livello con i partner di industria e con le agenzie di governo per lo sviluppo nella regione Asia Pacific.

Contattato dal quotidiano EEtimes, Brown ha affermato che ARM è in ottima forma e assorbirà questo passaggio al giusto passo. "ARM è un ambiente molto esigente ed è giunto il momento per qualche nuova leva di prendere il mio posto. Ve ne sono molti in ARM" ha dichiarato Brown.

Bisogna comunque notare che Brown non sarà direttamente sostituito. Sarà tuttavia Simon Segras, attualmente executive vice president e general manager della divisione Physical IP di ARM, a prendere in carico le consegne di Brown per quanto riguarda le attività nella regione asiatica.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^