UE: Western Digital venda alcuni asset se vuole acquisire Hitachi GST

UE: Western Digital venda alcuni asset se vuole acquisire Hitachi GST

La Commissione Europea si pronuncia dopo aver analizzato l'acquisizione di Hitachi GST da parte di Western Digital, per evitare posizioni dominanti. Ecco le condizioni.

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 08:04 nel canale Mercato
Western Digital
 

L'organo antitrust della Commissione Europea, per sua natura, vigila sulle più importanti proposte di acquisizione che le aziende intendono portare avanti, al fine di scongiurare il pericolo di posizioni dominanti e favorire la concorrenza, almeno sul territorio europeo.

Western Digital, qualche tempo fa, ha segnalato a questo ente l'intenzione di acquisire Hitachi GST, poiché l'ipotetica acquisizione avrebbe avuto conseguenze dirette sul mercato europeo. Fatte queste premesse, si capisce con maggiore chiarezza la notizia che sta girando nelle ultime ore, ovvero alcuni vincoli imposti a Western Digital per avere l'ok dall'importante ente.

Analizzata la questione, la Commissione Europea è giunta alla conclusione che, in ambito dischi da 3,5 pollici, Western Digital si troverebbe in una posizione dominante, poiché la somma delle forse in campo porterebbe uno svantaggio diretto alla già esigua concorrenza. Ecco quindi la soluzione: per avere il placet UE, Western Digital dovrà cedere una sede produttiva di hard disk da 3,5 pollici, oltre a un pacchetto di brevetti e altri cambiamenti di minore entità.

Una volta che queste condizioni saranno state rispettate, attraverso la vendita di ciò che è ritenuto di troppo, si avrà il via libera alla fusione WD e Hitachi GST, valida nel territorio europeo. La decisione, come riportato da Xbitlabs, ha un certo fondamento: dopo che Seagate ha acquisito la divisione hard disk di Samsung e ipotizzando come già avvenuta la fusione Western Digital-HGST rimarrebbe un solo vero concorrente, ovvero Toshiba, che però non ha una forte presenza nel settore hard disk da 3,5 pollici. La fabbrica e i brevetti saranno quindi messi all'asta, in attesa che, con buona probabilità, uno dei due concorrenti si faccia avanti.

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
emanuele8325 Novembre 2011, 08:37 #1
Insomma se una società come intel ha quasi il monopolio o comunque una posizione dominante, ma si è fatta da sola, può continuare ad essere monopolista.

Se invece il mercato è concorrenziale e una azienda investe soldi per comprarne una più piccola e ampliare le sue quote di mercato, allora interviene la commissione europea o chi per essa che ne blocca l'acquisizione. addirittura imponendo la vendita di proprietà intellettuali o fabbriche...

Ma l'economia di mercato non doveva governersi da se con la legge della concorrenza alla base di tutto? Se la Tatcher e Regan fossero già morti, meriterebbero di rigirarsi nella tomba mentre le loro anime marcirebbero all'Inferno.
tasso7925 Novembre 2011, 09:05 #2
Ma l'UE ha la giurisdizione per imporre una cosa del genere?
emanuele8325 Novembre 2011, 09:18 #3
Originariamente inviato da: tasso79
Ma l'UE ha la giurisdizione per imporre una cosa del genere?


certo, in UE si. Se non fa come dice, gli hdd WD non avranno il marchio CE e non potranno essere commercializzati
monkey.d.rufy25 Novembre 2011, 09:29 #4
Originariamente inviato da: emanuele83
Insomma se una società come intel ha quasi il monopolio o comunque una posizione dominante, ma si è fatta da sola, può continuare ad essere monopolista.

Se invece il mercato è concorrenziale e una azienda investe soldi per comprarne una più piccola e ampliare le sue quote di mercato, allora interviene la commissione europea o chi per essa che ne blocca l'acquisizione. addirittura imponendo la vendita di proprietà intellettuali o fabbriche...

Ma l'economia di mercato non doveva governersi da se con la legge della concorrenza alla base di tutto? Se la Tatcher e Regan fossero già morti, meriterebbero di rigirarsi nella tomba mentre le loro anime marcirebbero all'Inferno.


quoto, la gestione dell'antitrust nel mondo è a dir poco scandalosa
Pier220425 Novembre 2011, 10:06 #5
Originariamente inviato da: emanuele83
Insomma se una società come intel ha quasi il monopolio o comunque una posizione dominante, ma si è fatta da sola, può continuare ad essere monopolista.

Se invece il mercato è concorrenziale e una azienda investe soldi per comprarne una più piccola e ampliare le sue quote di mercato, allora interviene la commissione europea o chi per essa che ne blocca l'acquisizione. addirittura imponendo la vendita di proprietà intellettuali o fabbriche...

Ma l'economia di mercato non doveva governersi da se con la legge della concorrenza alla base di tutto? Se la Tatcher e Regan fossero già morti, meriterebbero di rigirarsi nella tomba mentre le loro anime marcirebbero all'Inferno.


Si, il problema sorgerebbe se anche l'ultima alternativa x86 (AMD) saltasse, in quel caso avrebbe un monopolio assoluto, allora si muoverebbe anche l'antitrust Americano, oltre quello Europeo, credo che la soluzione sarebbe uno spezzatino con pezzi indipendenti..

WD non ha eroso quote a Hitachi, semplicemente vuole comprarla, diventando di fatto dominante nel settore, per questo l'antitrust vuole vederci chiaro.
tasso7925 Novembre 2011, 11:58 #6
allora vi faccio una domanda: se io invento un'oggetto assolutamente nuovo e comincio a produrlo, non posso venderlo finché non c'è qualcun altro che lo vende? Mi sembra una logica assurda.
emanuele8325 Novembre 2011, 12:24 #7
Originariamente inviato da: Pier2204
Si, il problema sorgerebbe se anche l'ultima alternativa x86 (AMD) saltasse, in quel caso avrebbe un monopolio assoluto, allora si muoverebbe anche l'antitrust Americano, oltre quello Europeo, credo che la soluzione sarebbe uno spezzatino con pezzi indipendenti..

WD non ha eroso quote a Hitachi, semplicemente vuole comprarla, diventando di fatto dominante nel settore, per questo l'antitrust vuole vederci chiaro.


comprando un'altra compagnia acquisti le sue quote di mercato. mi pare chiaro.
emanuele8325 Novembre 2011, 12:28 #8
Originariamente inviato da: tasso79
allora vi faccio una domanda: se io invento un'oggetto assolutamente nuovo e comincio a produrlo, non posso venderlo finché non c'è qualcun altro che lo vende? Mi sembra una logica assurda.


eh no se tu lo inveenti e lo brevetti lo puoi produrre solo tu. ma se non riesci a brevettarlo nessuno vieta agli altri di produrlo allo stesso modo. ma diciamoc he se fate quella cosa in 3 e tu sei figo e bravo e compri un'altra azienda che fa la stessa cosa ma meno brillantemente allroa la EU dice: non vorrai mica essere in posizione dominante eh? per il consumatore va bene questa cosa, ma cozza con il libero mercato. ergo il liberismo non funziona (e ce ne eravamo accorti negli anni 80. quando epr salvare una economia capitalista hanno introdotto il meccanismo del credito (carte di credito) e la gente non sa piu quanto è indebitata. ora anche le banche non sanno piu quanto sono indebitate o quanto credito hanno dato (mutui sub prime) ergo altro collasso economico. ed ora? üper salvare il sistema dlel credito si invoca altro credito (eurobond) e tra 5 anni siamo nella cloaca fino ai capelli. e che si farà quando la cina richiederà garanzie sul credito che ci ha dato e noi non potremmo pagare? una guerra mondiale?
Yakkuz26 Novembre 2011, 00:03 #9
Non capisco pienamente...

A Seagate non han fatto storie per l'acquisizione di Samsung?

Per come la vedo io, con WD+Hitachi si avrebbe uno scenario del genere:

Seagate 40% quote, Wd 50 e toshiba il restante 10%... non è proprio "dominante" in senso stretto...considerato pure che Seagate rosicchierà quote causa alluvione in thailandia nei prossimi mesi...
maxmax8026 Novembre 2011, 11:39 #10
potete pure biasimarmi ma io dico che a WD -dopo che non ha saputo/voluto arginare la speculazione dei prezzi degli hdd adottando misure tipo "prezzo imposto" in seguito all' alluvione, gli sta solo bene una sentenza simile..

questa è la mia opinione [U]da consumatore[/U].
con tutte le maialate che le aziende multinazionali hanno sempre fatto, e che queste maialate sono cresciute esponenzialmente nell' ultimo decennio, non si meritano per niente la nostra comprensione..

per me da ora in poi ogni azienda che non è responsabile dei suoi consumatori e dei suoi dipendenti può pure fallire.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^