Unione Europea, nuovo accordo per limitare l'importazione dei conflict mineral

Unione Europea, nuovo accordo per limitare l'importazione dei conflict mineral

Maggiore responsabilità sulle spalle di fornitori e produttori che dovranno accertare di rifornirsi di materie prime che non vadano a finanziare i gruppi armati e terroristici

di Andrea Bai pubblicata il , alle 14:28 nel canale Mercato
 

I produttori europei di componenti e dispositivi elettronici si troveranno presto a dover rispettare nuove linee guida per assicurare che le materie prime utilizzate non vadano indirettamente a finanziare gruppi armati legati al terrorismo o all'abuso di diritti umani.

I ministeri dei paesi membri, i membri del parlamento europeo e la Commissione Europea hanno raggiunto un accordo politico sul tema della regolamentazione dei cosiddetti conflict minerals. Il nuovo inquadramento ha l'obiettivo di porre uno stop o almeno limitare considerevolmente il flusso di denaro verso i gruppi armati che finanziano le proprie attività proprio grazie al commercio di quei minerali indispensabili per la realizzazione di molti beni del mercato contemporaneo (stagno, tungsteno, tantalio e oro sono estensivamente impiegati nella produzione di componenti elettronici) e che spesso vengono estratti in zone di conflitto.

L'Unione Europea è uno dei più grandi mercati per i conflict mineral, con oltre 400 importatori di questo tipo di materie prime. Lilianne Ploumen, ministro olandese del commercio estero e responsabile della conduzione del confronto, ha commentato: "L'Unione Europea si impegna a prevenire che il commercio internazionale dei minerali vada a finanziare i signori della guerra, i criminali e coloro i quali abusano dei diritti umani".

L'approccio dell'Europa si basa sulla due diligence condotta dall'Organizzazione per la cooperazione lo sviluppo economico sull'approvvigionamento responsabile di minerali. L'inquadramento su cui è stato trovato un accordo pone chiari obblighi sulla parte "upstream" della catena di approvvigionamento, incluse le fonderie e le raffinerie, che dovranno impegnarsi a scegliere con responsabilità i fornitori della materia prima.

Le società "downstream", ovvero quelle che fanno uso delle materie già trasformate dovranno invece operare un'attenta due diligence nelle attività di approvvigionamento, con Bruxelles che svilupperà una serie di strumenti di analisi e reportistica per venir loro in aiuto.

Sebbene l'azione dell'UE sia indubbiamente encomiabile, una semplice legge non sembra comunque essere sufficiente a ridurre l'importazione di conflict mineral in Europa. Anche Fairphone, che fa dell'impegno verso i minerali conflict-free uno dei suoi tratti distintivi, afferma di non essere ancora in grado di poter tracciare ogni singolo minerale alla fonte e, per questo, di non poter ancora affermare di essere integralmente conflict-free dal momento che ogni smartphone contiene una trentina di minerali differenti.

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demos8817 Giugno 2016, 16:20 #1
Eh capirai... è un invito a far delocalizzare in Cina tutte le aziende che ancora rimanevano in Europa.

Vogliamo combattere chi sfrutta paesi poveri per approvigionamenti di materie prime (coltan e altri) e chi si avvale di fabbriche inquinanti che sfruttano la manodopera fino al suicidio (foxconn e altre)? Blocchiamo l'import di smartphones non equi (praticamente tutti, a partire dai brand più famosi)... ah no, quello non si può fare
das17 Giugno 2016, 18:58 #2
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: http://pro.hwupgrade.it/news/mercat...eral_63235.html

Maggiore responsabilità sulle spalle di fornitori e produttori che dovranno accertare di rifornirsi di materie prime che non vadano a finanziare i gruppi armati e terroristici

Click sul link per visualizzare la notizia.


Se veramente gli interessassero i diritti umani imporrebbero limitazioni anche sui prodotti finiti.
Invece così ammazzabo ancora di più la nostra industria favorendo quella che produce all'estero.

Maledetta UE
maxsy17 Giugno 2016, 20:44 #3

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^