Verso una definizione di specifiche per i blade server

Verso una definizione di specifiche per i blade server

Intel è entrata a far parte del Server Systems Infrastructure, consorzio che mira a definire le specifiche per le soluzioni server anche blade

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 12:05 nel canale Mercato
Intel
 

Intel si è recentemente unita ad un gruppo di 40 altre aziende produttrici di soluzioni server abbracciando le specifiche Server Systems Infrastructure, la cui finalità è quella di sviluppare specifiche che possano standardizzare il settore dei server blade.

In particolare questo consorzio di aziende mira a fornire specifiche standard per la costruzione dei blade server e dei sistemi di management integrati nei server; in precedenza la Server Systems Infrastructure aveva fornito all'industria alcune specifiche per la definizione di alimentatori caratterizzati da elevata efficienza, oltre a design di schede madri ottimizzati per l'utilizzo in sistemi server sia a sviluppo verticale che in rack.

A questo indirizzo, sul sito del Server System Infastructure, è possibile visionare le nuove specifiche per i Modular Server, comprendenti ad esempio vari alimentatori EPS specificamente sviluppati per piattaforme Intel delle serie Bensley e Stoakley.

blade_server.jpg (28949 bytes)

I server blade sono caratterizzati dalla elevata densità, in termini di potenza elaborativa che mettono a disposizione per area dell'armadio rack che vanno ad occupare. Come si nota chiaramente dall'immagine, una struttura di server blade prevede differenti unità, indicate in gergo con il termine di lame, sulle quali sono presenti una scheda madre, memoria di sistema, processore e hard disk.

Ogni lama, di conseguenza, opera come un server indipendente, condividendo con gli altri la circuiteria di alimentazione ed eventualmente particolari collegamenti nel momento in cui si vuole utilizzare la potenza elaborativa delle singole lame in cluster.

I vantaggi di un'architettura blade server risiedono principalmente nella scalabilità: è possibile acquistare lo chassis e un determinato numero di lame inizialmente, ed espandere la potenza elaborativa sino ad occupare tutti gli slot disponibili nello chassis in funzione di successive necessità. I limiti principali risiedono invece nel costo di acquisto iniziale dello chassis e nella impossibilità di utilizzzare per ogni lama un sottosistema storage particolarmente sofisticato, in quanto è fisicamente impossibile montare più di due hard disk.

Le capacità di storage possono ovviamente essere incrementate utilizzando una storage station esterna, eventualmente sfruttando un sistema di collegamento dedicato e non utilizzando una tradizionale connessione gigabit ethernet tra le varie lame del blade server e la storage station esterna. Le ridotte dimensioni interne dei blade server implicano anche l'utilizzo di specifiche versioni di processore a basso consumo: pensando proprio a questi ambiti di utilizzo Intel e AMD hanno sviluppato soluzioni a basso consumo delle proprie cpu server Xeon DP e Opteron.

A questo indirizzo, sul sito Intel, è disponibile un comunicato stampa ufficialmente rilasciato dal produttore americano, che dettaglia ulteriori informazioni sulla Server Systems Infrastructure

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
marko.fatto31 Luglio 2007, 13:29 #1
anche AMD è in quel gruppo?
rutto31 Luglio 2007, 13:48 #2
Originariamente inviato da: marko.fatto
anche AMD è in quel gruppo?


si, qui in azienza abbiamo 8 "blade" HP con 2 dualcore AMD ciascuno, 16/32GB di ram, ecc...ecc...
NINO.DAGO14 Aprile 2008, 12:11 #3

Domanda

Qualcuno potrebbe linkarmi materiale di riferimento sulle architetture blade? Devo prepararmi per un concorso... Grazie! Nino

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^