Weather.com sceglie piattaforme AMD64

Weather.com sceglie piattaforme AMD64

Il celebre sito di previsioni meteorologiche sceglie di passare ad un sistema di server basato su piattforme AMD 64

di Andrea Bai pubblicata il , alle 18:10 nel canale Mercato
AMD
 

Con il seguente comunicato stampa AMD annuncia che iil sito web weather.com ha da poco ultimato la migrazione verso database IBM basati su server Opteron. Weather.com ha scelto di migrare verso piattaforme AMD64 poiché esse consentono di mantenere il software già in uso con le macchine precedenti, abbattendo così, i cosiddetti "disruption cost", ovvero i liquidi necessari per l'acquisto di nuovi pacchetti software.

"SUNNYVALE, CA – 22 gennaio 2004 – AMD (NYSE:AMD) ha annunciato che weather.com“, il sito Internet del famoso canale televisivo meteo The Weather Channel“, ha terminato con successo la migrazione delle proprie applicazioni database a 32-bit verso server IBM basati su processore AMD Opteron‘. I sistemi eServer 325 di IBM utilizzano Oracle 8i e offrono a weather.com prestazioni senza confronto e una transizione graduale dalla precedente piattaforma server.

“Quando abbiamo deciso di trasferire il nostro database su server basati su processore AMD Opteron stavamo cercando una soluzione che ci garantisse flessibilità, riduzione dei costi e semplicità a livello di integrazione”, ha dichiarato Dan Agronow, vice president of technology di The Weather Channel Interactive, Inc. “Dopo aver testato il processore AMD Opteron abbiamo notato immediatamente un incredibile incremento delle prestazioni senza rilevare costi di sviluppo del software non preventivati”.

Storicamente i costi di sviluppo del software non preventivati, meglio conosciuti con il nome di ‘disruption cost’, hanno creato non pochi problemi nei processi di migrazione della tecnologia, come recentemente ha dimostrato una ricerca realizzata da Momentum Research Group (MRG) su un campione di 200 aziende. Il risultato è che molte aziende sono orientate all’implementazione del processore AMD Opteron basato su architettura x86 a 32 e 64-bit per ridurre i ‘disruption cost’ per lungo tempo associati alle piattaforme di computing a 64-bit proprietarie.

L’azienda Arctic Slope Regional Corporation (ASRC), che ha sede in Alaska, è un chiaro esempio di come il processore AMD Opteron possa ridurre i ‘disruption cost’. ASRC recentemente ha sostituito il proprio database data warehouse e reporting Oracle 9i financial a 32-bit con server di Racksaver basati su processore AMD Opteron con Linux SuSe a 64-bit. Inoltre, per ottenere un incremento delle prestazioni a 32-bit proteggendo gli investimenti per le future applicazioni AMD64, ASRC non si è esposta a ‘disruption cost’ relativi alla migrazione delle attuali applicazioni verso AMD64. ASRC è un’azienda privata dell’Alaska specializzata in esplorazioni di risorse naturali nella regione Arctic Slope, in Alaska."

“La tecnologia AMD64 è stata realizzata per rispondere alle esigenze dei nostri clienti IT che lamentano costi di software non necessari per l’installazione di nuove piattaforme hardware”, ha commentato Marty Seyer, vice president e general manager di Microprocessor Business Unit di AMD. “Siamo coscienti del fatto che i ‘disruption cost’ sono stati per troppo tempo un ostacolo al ritorno degli investimenti. La tecnologia AMD64 è fortemente orientata alle esigenze del cliente, per questo motivo i ‘disruption cost’ associati alla migrazione a 64-bit non saranno più un problema per le aziende”.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
lucasub222 Gennaio 2004, 18:27 #1
Si sta incominciando ad affermare anche nel mondo dei server AMD!
badtzmaru22 Gennaio 2004, 19:01 #2
Sara' una strada lunga e dura per AMD, ma se ce la fara' lo sviluppo informatico dell'intero pianeta ne trarra' giovamento.
Avremo prezzi piu' bassi non solo a livello desktop, ma soprattutto a livello di piccole/medie imprese che potranno crescere sotto il profilo tecnologico grazie ai prezzi piu' contenuti (non di AMD ma di un mercato in cui finalmente non c'e' piu' un monopolio ).

Se poi sara' un bene per la salute del pianeta stesso questo non lo so, anche se mi sa che...
Team1722 Gennaio 2004, 19:08 #3

Fategli il culo a Intel !!!

Yaouwww!
red5lion22 Gennaio 2004, 19:33 #4

poteva mancare l'esaltato?

certo che no!

meglio che continuino ad alternarsi..
una vittoria troppo schiacciante di uno dei due ci riporterebbe ai tempi in cui un pentium costava 2 milioni.
ok adesso c'è il p4ee, ma è più che altro un esercizio stilistico, una dream car, che venderà forse 2 cpu al mese, mentre prima erano processori normali, non dreamcpu, a costare quella cifra.

viva la concorrenza. viva la competizione, e perchè no, WLF
closhar23 Gennaio 2004, 09:01 #5

che non cresca troppo!!!

secondo me la vera concorrenza tra intel è amd
è adesso. il giorno in cui amd raggingera quote globali
del 35-40% scattera il cartello, vale a dire che intel dirà ok non ti posso battere ti compro.
( se non puoi sconfiggere il nemico fattelo amico. mi diceva mi nonno el gheneral
closhar23 Gennaio 2004, 09:02 #6

che non cresca troppo!!!

secondo me la vera concorrenza tra intel è amd
è adesso. il giorno in cui amd raggingera quote globali
del 35-40% scattera il cartello, vale a dire che intel dirà ok non ti posso battere ti compro.
( se non puoi sconfiggere il nemico fattelo amico. mi diceva mi nonno el gheneral
dragunov23 Gennaio 2004, 13:44 #7
amd linux imb contro microsoft e intel
Muppolo26 Gennaio 2004, 17:24 #8
-------------------------------------------------------
red5lion quote:
viva la concorrenza. viva la competizione, e perchè no, WLF
-------------------------------------------------------

ROTFL!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^