Web Tax riformulata dopo le pressioni: ora attesa all'approvazione

Web Tax riformulata dopo le pressioni: ora attesa all'approvazione

Scade l'obbligo di utilizzare una partita IVA italiana per le aziende straniere che vendono prodotti via commercio elettronico; rimane valido invece quello per coloro che vendono pubblicità online, tutto in attesa di una posizione chiara da parte dell'UE

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 12:25 nel canale Mercato
 

La commissione Bilancio della Camera ha nella notte dato via libera definitivo alla legge di stabilità, attesa ora al vaglio dell'aula nella quale verrà esaminata a partire dal pomeriggio per il voto di approvazione finale.

Rispetto alla formulazione dei giorni scorsi viene modificata la ben nota Web Tax, riformulata tenendo conto delle varie critiche emerse nei giorni scorsi. Questa norma, della quale abbiamo parlato con questa notizia, obbligava nella precedente versione tutti i soggetti che operano nel settore del commercio elettronico diretto o indiretto ad utilizzare una partita IVA italiana; stesso obbligo era previsto per coloro che operano nel settore della pubblicità via web.

La nuova formulazione richiede partita IVA nazionale solo per le transazioni pubblicitarie online ma abbandona l'obbligo per coloro che utilizzano canali di commercio elettronico per la vendita ad aziende italiane. Rimane ovviamente aperta la questione di come poter procedere ad una corretta tassazione delle vendite di beni acquistati da aziende e professionisti italiani via commercio elettronico, con venditori aziende multinazionali che sono presenti con filiali in Europa ma non vendono direttamente con partita IVA italiana.

Si tratta, come ampiamente discusso in questi giorni, di una questione importante in quanto mira ad evitare una forma di "elusione fiscale legalizzata" che utilizzando norme e leggi in vigore, quindi operando formalmente nella piena legalità, crea un danno diretto all'erario che non può beneficiare ai fini fiscali dei volumi di vendite e di ricavi generati da transazioni online con aziende nazionali.

Una decisione in questa direzione è attesa a livello comunitario, visto che assieme all'Italia sono molti altri gli stati europei che si trovano ad affrontare questa problematica. Ipotizzabile quindi che nel corso del prossimo anno possa venir data una risposta diretta e per quanto possibile univocamente applicabile in ogni stato dell'Unione Europea.

64 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Italia 118 Dicembre 2013, 12:27 #1
Come al solito, la legge è stata fatta per via del danno all'erario, non per il bene del consumatore.
NighTGhosT18 Dicembre 2013, 12:41 #2
Originariamente inviato da: Italia 1
Come al solito, la legge è stata fatta per via del danno all'erario, non per il bene del consumatore.


Ti ricordo solamente il fatto della rinuncia ai rimborsi elettorali...........











.......si', a partire dal [U]2017[/U]......
appleroof18 Dicembre 2013, 12:43 #3
Originariamente inviato da: Italia 1
Come al solito, la legge è stata fatta per via del danno all'erario, non per il bene del consumatore.


ehm...l'erario sono i soldi dello stato, quindi di tutti noi, consumatori e non...
T_zi18 Dicembre 2013, 12:44 #4
Se google inizia a pagare il dovuto sarebbe già ottimo per le casse dello stato.
Mr_Paulus18 Dicembre 2013, 13:11 #5
sperando solo che non decidano che adsense non è più profittevole per l'Italia se no non voglio immaginare quante famiglie si ritroveranno in difficoltà...
fabbri.fili18 Dicembre 2013, 13:17 #6

ehm...l'erario sono i soldi dello stato, quindi di tutti noi, co

sono solo dello stato, se no come fanno a mantenersi i loro stipendi e pensioni d'oro?
politicanti del ca..o
Pier220418 Dicembre 2013, 13:27 #7
I paesi che usciranno prima dalla crisi saranno quelli che hanno una tassazione gestibile e hanno fatto un buon uso dei soldi pubblici. Non è il caso dell'Italia dove la tassazione ha raggiunto livelli da rapina e sperpero dei soldi pubblici a fini privati...senza considerare le voragini delle Regioni con consiglieri che guadagnano più della Merkel o di Obama e fatturano le serate nei Night Club a spese della comunità per non parlare delle consulenze il 90% delle volte basate sul nulla..

Queste tasse poi sono il tentativo di raschiare il barile vuoto, su operatori che operano a livello internazionale con sedi in Irlanda, in Lussemburgo ecc.. dove fatturano miliardi di dollari e pagano quasi nulla al paese di origine, altro problema per Obama.. fortuna che ci pensa l'Italia ..
NighTGhosT18 Dicembre 2013, 13:51 #8
Originariamente inviato da: Pier2204
I paesi che usciranno prima dalla crisi saranno quelli che hanno una tassazione gestibile e hanno fatto un buon uso dei soldi pubblici. Non è il caso dell'Italia dove la tassazione ha raggiunto livelli da rapina e sperpero dei soldi pubblici a fini privati...senza considerare le voragini delle Regioni con consiglieri che guadagnano più della Merkel o di Obama e fatturano le serate nei Night Club a spese della comunità per non parlare delle consulenze il 90% delle volte basate sul nulla..

Queste tasse poi sono il tentativo di raschiare il barile vuoto, su operatori che operano a livello internazionale con sedi in Irlanda, in Lussemburgo ecc.. dove fatturano miliardi di dollari e pagano quasi nulla al paese di origine, altro problema per Obama.. fortuna che ci pensa l'Italia ..


Unita all'inflazione....e unito al fatto che gli aumenti contrattuali negli stipendi vengono divorati sempre dalle suddette tasse micidiali..........siamo nella situazione del cane che si morde la coda ed e' difficile venirne fuori per come stanno le cose.

Chiamasi piena recessione economica. Troppe tasse, gli italiani spendono sempre di meno (quindi meno tasse come l'Iva pagate allo stato).......con conseguente chiusura di attivita' commerciali (i negozietti) e quindi altre tasse non pagate allo stato.

Aumenti delle accise sulla benzina......che aumentano i prezzi al consumatore finale.

Una tragedia.
zappy18 Dicembre 2013, 14:21 #9
Originariamente inviato da: NighTGhosT
... gli aumenti contrattuali negli stipendi vengono divorati sempre dalle suddette tasse micidiali...


la tassaznione italiana non è molto diversa da quella di altri paesi europei. Il problema è che i soldi delle tasse vengono spesi in opere inutili quando non sperperati o regalati ai ladri di turno.

Ma agli italiani di tutto ciò non frega un cazzo e si preoccupano solo di "pagare meno". pezz***i con la vista ipermiope.
zappy18 Dicembre 2013, 14:21 #10
Originariamente inviato da: Italia 1
Come al solito, la legge è stata fatta per via del danno all'erario, non per il bene del consumatore.


tassare chi evade/elude è a vantaggio del contribuente "normale".

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^