Wi-Fi per combattere la malaria?

Wi-Fi per combattere la malaria?

Un'azienda statunitense ha messo a punto un sistema per combattere la diffusione delle zanzare utilizzando una rete di PC e periferiche collegate in wireless, con ottime potenzialità per combattere la malaria

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 10:44 nel canale Mercato
 

American Biophysics Corporation, un'azienda statunitense con sede a North Kingstown, Rhode Island, ha deciso di affrontare il problema zanzare in modo molto serio, arrivando a realizzare una rete di PC e particolari periferiche connesse in rete tramite Wi-Fi destinate allo scopo. Il principio base del sistema si avvale di due componenti principali, ovvero di un apparecchio pr attirare gli insetti e l'altro per "risucchiarli" in appositi contenitori. E' possibile visionare alcune delle soluzioni a disposizione dei clienti sul sito ufficiale dell'azienda.

Il richiamo degli insetti avviene attraverso un segnale biochimico, grazie ad un diffusore che rilascia nell'aria una particolare miscela nebulizzata che simula in tutto e per tutto l'odore del corpo umano, irresistibile per gli insetti che si nutrono di sangue. Lo scopo è ovviamente quello di attrarre gli insetti in una trappola, un sistema collaudato, trappola che consiste in una sorta di aspirapolvere modificato.

Oltre a postazioni stand-alone "da giardino", l'azienda ha anche sviluppato una rete più complessa di unità anti-zanzara, collegate in rete tramite Wi-Fi e controllate da un server centrale che è in grado di regolare l'intensità della diffusione del richiamo e la potenza del flusso aspiratore, oltre ovviamente all'accensione e disattivazione delle unità in base all'ora, alla situazione metereologica e altri parametri.

AmBio

Se agli occhi di molti tale iniziativa può sembrare un vezzo da ricchi, o un inutile spreco di denaro, il problema si palesa in tutta la sua gravità pensando al milione di morti causati dalla malaria ogni anno, trasmessa proprio da una zanzara, la Anopheles femmina.

Il sistema infatti potrebbe salvare molte vite umane se adottato in zone del terzo mondo, dove la malaria trova più larga diffusione a causa di terreni paludosi molto diffusi, un clima particolarmente favorevole ed un sistema sanitario particolarmente drammatico, laddove non sia addirittura inesistente. La connessione WiFi (con gli sviluppi a più largo raggio) costituirebbe inoltre un vantaggio per zone dove la connessione via cavo risulta inesistente e di difficile se non impossibile posa. Sono allo studio diverse soluzioni, ma rimane da vedere se e in che misura tali reti anti-zanzare potranno essere acquistate dai paesi più colpiti.

Il sistema pare funzionare bene; non rimane che attendere eventuali sviluppi di quello che sembra essere uno degli esempi in cui la tecnologia può davvero venire incontro al miglioramento della qualità della vita e alle esigenze umane in maniera significativa.

Fonte: news.com

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
NoX8325 Novembre 2005, 10:57 #1
Mi chiedo che cosa c'entri il Wi-Fi con un tale prodotto. Cmq è intelligente, se vogliamo, ma se disponibile ne voglio uno pure io x l'estate
NoX8325 Novembre 2005, 11:00 #2
Distributore italiano:

BME
Sig. Alessandro Bandini
Amm.va Via Friuli, 11 13900
Biella
Italy
Phone: 39-015-8408328
Fax: 39-015-8491650
E-mail: [email]info@zanzara.tv[/email]
Web address: http://www.zanzara.tv

Mister2425 Novembre 2005, 11:26 #3
Cosa centra il wifi? Non ho capito perché non può funzionare autonomamente senza nessuna connessione.
Alessandro Bordin25 Novembre 2005, 11:28 #4
Il Wi-Fi c'entra eccome, nella gestione di una grossa rete con diverse postazioni che devono sincronizzarsi e comunicare fra loro. Cosa non è chiaro?
homer3625 Novembre 2005, 11:31 #5
come cosa centra il Wi-Fi? C'è scritto:
"controllate da un server centrale che è in grado di regolare l'intensità della diffusione del richiamo e la potenza del flusso aspiratore, oltre ovviamente all'accensione e disattivazione delle unità in base all'ora, alla situazione metereologica e altri parametri."

Più chiaro di così...
Alucard8325 Novembre 2005, 11:34 #6
Il wifi, oltre alla sincronizzazione, invia dati sullo stato della macchina, se il serbatoio contenitore delle zanzare è pieno, segnala eventuali guasti dell'aspiratore, se il nebulizzatore è scarico, e queste sono solo alcuni dei dati, come dice homer36

molto utile.
mtsim25 Novembre 2005, 11:37 #7
beh potrebbero segnalare quando l'aroma di uomo è finito, quando il sacchetto è pieno o la batteria scarica, sarebbe possibile modificare l'orario e/o l'intensità del funzionamento in remoto gestendo così con rapidità una grossa rete senza dover fare visita alle singole postazioni ogni volta che si voglia intervenire su queste regolazioni, tutto questo senza la necessità di posa dei cavi. Poi bisogna vedere se nei posti in cui non esiste un servizio sanitario esista la possibilità di gestire una rete Wi-Fi.
nicola198525 Novembre 2005, 11:46 #8
ottima idea per combattere la malaria...anke se dubito che i paesi del terzo mondo possano acquistarlo...
DarKilleR25 Novembre 2005, 11:57 #9
Il sistema infatti potrebbe salvare molte vite umane se adottato in zone del terzo mondo, dove la malaria trova più larga diffusione a causa di terreni paludosi molto diffusi, un clima particolarmente favorevole ed un sistema sanitario particolarmente drammatico, laddove non sia addirittura inesistente.


Bei fatti solo a parole....credete che qualcuno li utilizzerà??? Che qualcuno lo farà per beneficenza o perchè credete che a qualcuno interessi veramente salvare le migliaia di persone che ancora muoiono per la malaria trasmessa dalle zanzare???

Tutto ciò non interessa a nessuno se nell'applicare questa tecnologia nel terzo mondo non porta ad introiti economici altissimi. Tutto è solamente finalizzato alla rendita.
Un po' come il vaccino dell'influenza o quello dell'influenza aviaria...credete che sia veramente così grave se su 6 Miliardi di persone sono morte 58 per questo motivo???

Vaccini e cavolate varie servono solo a fare gli interessi economici delle multinazionali farmaceutiche che assieme a quelle petrolifere (e Microsoft ^^) sono le più importanti del mondo.

Scusate se sono finito OT questa non era una critica a questi gingillini che potrebbero essere veramente utili, ma a come la gente sfrutta la tecnologia.
crespo8025 Novembre 2005, 12:09 #10
Originariamente inviato da: mtsim
...segnalare quando l'aroma di uomo è finito...




l'aroma di uomo!!!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^