WI-MAX in Italia: il Ministero della Difesa libera le frequenze

WI-MAX in Italia: il Ministero della Difesa libera le frequenze

Il Ministero della Difesa ha annunciato di aver avviato il progetto per lo spostamento degli apparati radar e di telecomunicazione dalla banda di frequenze dei 3,5GHz

di Andrea Bai pubblicata il , alle 12:28 nel canale Mercato
 

Nel corso della giornata di ieri il Ministero della Difesa e il Ministero delle Comunicazioni hanno comunicato di aver dato il via ad un gruppo di lavoro per la liberazione dello spettro delle frequenze dei 3,5GHz, attualmente occupato dai radar e dai sistemi di telecomunicazione della Difesa. L'iniziativa è volta ad accelerare la diffusione sul territorio delle infrastrutture WI-MAX.

Il gruppo di lavoro sta ora definendo tempi, modalità e budget disponibile per l'avvio del progetto, il quale dovrebbe aiutare a superare alcuni dei più consistenti problemi relativi al digital divide della nostra penisola.

L'intenzione di ambo i Ministeri è quella di portare la tecnologia WI-MAX dapprima in quelle aree che attualmente non sono raggiunte, spesso per motivi legati alla morfologia del territorio, dalla banda larga.

Fonte: Ministero della Difesa

38 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Mic.C.06 Dicembre 2006, 12:44 #1
Buona notizia, ma quanti anni ci sara' ancora da aspettare prima di vedere qualcosa di funzionante???

P.S. : anche se a costi esorbitanti , qualcuno sa qualcosa delle connessioni satellitari?

(non alice sat , quello bidirezionale)
Kenny Rullo06 Dicembre 2006, 12:46 #2
Pongo una domanda: il wi-max non supporta altre frequenze oltre il 3.5ghz?

In fondo è un paradosso dover aggiornare i sistemi di difesta in toto per lasciar spazio al wimax.

In un periodo "caldo" come questo preferirei andare a 56k ed essere sicuro di non trovarmi bin laden in giardino

Mi pongo un'ulteriore domanda: con una rete gsm e successivi così radicata, è proprio necessario necessario aggiungere altre antenne? Il passaggio da 2 a 3g è stato +ttosto rapido e completo, un balzo in più e passare ad un eventuale 4G con una bella infarcitura di protocolli ethernet così da uniformare anche il mondo mobile alle attuali tecnologie avrebbe IHMO una + rapida diffusione.
Mic.C.06 Dicembre 2006, 12:48 #3
se per 3g intendi l'umts...e' tutt'altro che completo,parlando della mia zona!
ThePunisher06 Dicembre 2006, 12:49 #4
Speriamo sia vero e speriamo lo sia in tempi brevi, visto che ho ancora ISDN e l'ADSL non arriverà mai.
sslazio06 Dicembre 2006, 12:50 #5
si poi con i costi che ha l'umts stai fresco
Kenny Rullo06 Dicembre 2006, 12:53 #6
In effetti ho parlato senza "ragion di dati", ma solo per esperienza personale. Sono passato a 3 da un paio d'anni e da circa uno raramente lo vedo passare al roaming TIM per il 2/2.5G. Viaggio spesso da un capo all'altro del nord e centro italia.

Per altro io vivo nella profonda campagna piemontese e abbiamo umts e fastweb, 'na festa
ulk06 Dicembre 2006, 13:04 #7
Gruppo dil avoro alias consulenti e politici trombati da sistemare, c'è da fare una bando per vendere le frequenze della difesa e poi bisogna vedere se qualcuno deciderà di spendere 200 milioni di euro per comprare queste frequenze, chi poi investirà su infrastrutture....
nonikname06 Dicembre 2006, 13:15 #8
Speriamo che adesso non vadano in piazza i noglobal e gli operatori radar...
vink06 Dicembre 2006, 13:32 #9
Credo si tratti di adeguarsi ad un protocollo internazionale... e poi s e smantellano i Radar magari è perché adesso lavorano su una frequenza diversa e più efficiente.
dupa06 Dicembre 2006, 14:02 #10
Sì ma il problema è che si parla di licenze concesse ad operatori.
La vera rivoluzione sarebbe se si potessero fare reti Wimax point to point, e non centralizzate.
Poter usare il wimax senza alcun vero operatore, sarebbe stata una rivoluzione, invece non sarà nulla di questo tipo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^