WiMAX: al via la gara per le licenze

WiMAX: al via la gara per le licenze

Definiti i dettagli finali relativi alla gara d'asta per i diritti d'uso WiMAX. Definite le macroregioni, tempistiche e metodologia di assegnazione

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 09:27 nel canale Mercato
 

Il WiMAX (Worldwide Interoperability for Microwave Access) è uno degli argomenti di maggiore attualità in ambito tecnologico: grandi aspettative vengono rivolte dal pubblico verso tale innovativo sistema di comunicazione a banda larga e, soprattutto, gli utenti che vivono in zone non coperte dai servizi a banda larga via cavo attendono con trepidazione le nuove proposte. A inizio estate AgCom aveva rilasciato un regolamento iniziale in base al quale i vari operatori avrebbero potuto partecipare alla gara: venivano definite le macroregioni, il numero di licenze e lo spettro di frequenza dedicato ai nuovi servizi a banda larga. Tale documento rimandava però a un ulteriore elaborato che definisse meglio i dettagli.

Nelle scorse ore il Ministro Paolo Gentiloni ha comunicato che ogni dettaglio in merito all'asta per l'assegnazione delle licenze WiMax è stato definito e che nei prossimi mesi l'iter entrerà pienamente nella fase operativa. In primo luogo viene ribadito che i tre diritti d'uso hanno accesso ciascuno ad un'ampiezza di banda pari a 2x21MHz nello spettro di frequenza dei 3,4 - 3,6GHz.

Due dei suddetti diritti d'uso hanno validità per aree estese a livello macroregionale mentre il terzo diritto d'uso è rilasciato in ambito regionale e riservato a soggetti che non offrano servizi di connettività in ambito 3G (UMTS). Questa particolare norma intende concedere concrete possibilità anche a operatori di più modeste dimensioni, il tutto all'insegna di una maggior concorrenza. E' bene precisare che il medesimo operatore non potrà possedere più diritti d'uso assegnati per differenti macroregioni.

Qui di seguito riportiamo la suddivisione in macroregioni e gli importi minimi per i diritti d'uso:

Le future fasi prevedono la pubblicazione del regolamento completo sulla Gazzetta Ufficiale. A partire da tale data tutti i concorrenti avranno tempo 45 giorni per presentare la propria domanda di partecipazione. Entro ulteriori 15 giorni il Ministero redigerà l'elenco dei soggetti ammessi alla gara: tali soggetti avranno poi ulteriori 30 giorni per presentare le proprie offerte.

Va precisato che il Ministero ha elaborato alcune clausole appositamente inserite per cercare di risolvere il problema del digital divide: i vari comuni compresi nelle macroregioni sono stati raccolti in differenti elenchi che raggruppano territori coperti dai servizi a banda larga e altre aree in cui non è disponibile l'accesso ai servizi internet. L'elaborazione di progetti aventi per oggetto comuni non serviti da ADSL da diritto all'assegnazione di un maggior punteggio.

Come ribadito dal Ministro Paolo Gentiloni il lavoro svolto in merito all'assegnazione delle licenze WiMAX è andato ben oltre le motivazioni di natura economica: sono stati previsti appositi strumenti che intendono stimolare la concorrenza lasciando qualche margine di manovra anche agli operatori minori. Alcune norme, inoltre, intendono forzare la fornitura di servizi WiMAX nelle aree rurali cercando quindi di intervenire concretamente nei confronti del ben noto problema legato al digital divide.

Per conoscere chi si sarà aggiudicato i diritti d'uso, validi per i prossimi 15 anni, nelle svariate macroregioni sarà necessario attendere oltre 3 mesi e quindi solo nel primo trimestre del 2008 si entrerà a pieno titolo nella fase più operativa. A 30 mesi dall'assegnazione dei vari diritti d'uso è prevista una verifica da parte del ministero per verificare lo stato di avanzamento delle infrastrutture: se verrà appurato che i diritti d'uso giacciono inutilizzati potrà essere richiesto al detentore di tali diritti l'obbligo di rivenderli.

Quest'ultima clausola farà sicuramente discutere poichè due dei tre diritti d'uso presenti in ogni macroregione saranno accessibili anche agli operatori che ad oggi posseggono infrastrutture 3G: tali soggetti potrebbero avere interesse nell'aggiudicarsi le frequenze WiMAX senza procedere poi alla realizzazione di una nuova infrastruttura. Tutto ciò avrebbe lo scopo di preservare i precedenti investimenti fatti nello sviluppo di soluzioni UMTS.

L'obbligo di rivendita potrà risolvere solo in parte il problema poiché in caso do cessione dei diritti d'uso è prevista una normale contrattazione commerciale e, quindi, i suddetti operatori potranno fissare il prezzo a proprio piacimento, salvaguardando ulteriormente i propri interessi.

28 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
alessandro467212 Ottobre 2007, 09:35 #1
rendiamoci conto dell'opportunità che abbiamo per poter rendere la banda larga un servizio a disposizione di tutti senza limiti
Guadiamo di nn combinare il solito pastrocchio...
diabolik198112 Ottobre 2007, 09:42 #2
spero tanto non si traduca nell'ennessima asta fasulla come quella dell'UMTS e che Telecom non prenda neanche una licenza... visto che è il vero freno alla banda larga in Italia frenerebbe anche il Wi-Max.
Lanfi12 Ottobre 2007, 09:43 #3
Quoto....l'opportunita' e' importante, adesso il bando di gara c'e', speriamo che entrino in campo imprese con voglia di fare e buone idee....accanto alle solite compagnie di telecomunicazioni che sicuramente vorrano mettere le mani sopra al wimax ma che se non avranno lo stimolo della concorrenza non produrranno nulla di buono.
cagnaluia12 Ottobre 2007, 09:43 #4
ma.. fatemi capire..

1 Licenza = 1 Regione?

Ci saranno solo 1 licenza per regione o per blocco regionale?

E la concorrenza? Chi la comprerà questa manciata di licenze?
Sp4rr0W12 Ottobre 2007, 09:51 #5
buffoni! la solita buffonata all'italiana
Ginger7912 Ottobre 2007, 09:59 #6
Ma vi rendete conto che qui si parla di fine 2008 per le proposte commerciali all'utente finale ??!? Ma stiamo scherzando.... 1 anno per organizzare licenze ed infrastrutture che in altri paesi sono state fatte in pochissimo tempo e sono già operative da molti mesi.
Nei comuni come il mio, serviti dalla mini ADSL che va a 6-7k/s quando sono fortunato, non arriverà MAI niente.... faccio prima a cambiare casa... sono 5 anni che sento solo promesse e non vedo niente di concreto... è uno schifo!
nandox8012 Ottobre 2007, 10:09 #7
Io non c'ho capito niente per quanti riguarda il meccanismo di assegnazione delle licenze d'uso....ma comunque io non credo proprio che si vada verso la fine del Digital Divide!!!
Quando sarà operativo, il WiMax sarà un'alternativa in più per chi vivono nelle grandi città...e una chimera in più per chi come me abita in un paesino tra le montgne!! Mi dispiace, ma io la vedo cosi...anche se la speranza è l'ultima a morire. :-)
Usque12 Ottobre 2007, 10:16 #8
sul sole 24 ore si parla di un'asta non per connessioni con cellulari in quanto entrarebbe in concorrenza con l'umts. non so come siano i ritorni sugli investimenti sull'umts ma credo che 5 anni di operatività siano sufficienti a ritenere acquisiti i vantaggi di esclusività sulla tecnologia di connessione mobile.
webgandalf12 Ottobre 2007, 10:46 #9
Avrei preferito che escludessero del tutto gli operatori che trattano già telefonia ... Una cosa vorrei capire però . In pratica in questo modo si verranno a creare 2 operatori che operano su infrastrutture proprie ( più uno diverso per regione ) ed una miriade di operatorini che operano su infrastrutture altrui come accade già ora con il rame ?
velociraptor6812 Ottobre 2007, 10:47 #10
Si prenderà tutto la telecom e la utilizzerà solo nei paesi dove non sono raggiunti dall'ADSL per poi farla pagare 10 volte il reale costo. Se vuoi la banda larga paga altrimenti ciccia.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^