WiMax italiano: Alvarion e Siemens pronte a partire

WiMax italiano: Alvarion e Siemens pronte a partire

Alvarion e Siemens sono i primi produttori di dispositivi per le telecomunicazioni ad aver annunciato l'inizio della sperimentazione WiMax in italia

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 09:00 nel canale Mercato
 

L'israeliana Alvarion ha annunciato l'inizio della sperimentazione WiMax nel nostro paese dopo che il Ministero della Difesa ha liberalizzato lo spettro di frequenze 3,4-3,6 GHz. Anche Siemens si è dichiarata interessata ed inizierà la sperimentazione nel prossimo ottobre.

I vari produttori avranno tempo fino al prossimo 15 giugno per inoltrare domanda al Ministero delle Comunicazioni, il quale provvederà ad assegnare 100MHz di banda per le sperimentazioni. Questa fase si concluserà il 31 dicembre 2005.

Al momento sono previste solo prove tecniche destinate ai produttori, i quali potranno valutare sul campo i limiti reali della tecnologia WiMax che, lo ricordiamo, si presenta con limiti teorici di 50Km di portata e velocità di 70Mbps.

Gli operatori sono per il momento esclusi dai giochi e vi entreranno solo in una fase finale, in cui con ogni probabilità testeranno il servizio su un target scelto di utenti.

Mentre in Italia si è alla fase di sperimentazione e progetto in Francia si è già passati alla fase commerciale, infatti Altitude Telecom copre con rete WiMax i dipartimenti di Vandea e Orne.

WiMax è destinato ad essere l'alternativa a larga banda per tutte le aree rurali in cui il servizio telefonico non è capace di garantire un broadband di qualità, e oltre alle nostre latitudini potrà essere adottato anche in regione del mondo come l'Africa in cui la connettività è un limite allo sviluppo.

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
sirus14 Maggio 2005, 09:09 #1
che botta di onde radio
comunque sembra che la tecnologia in campo wireless migliori di continuo
MixPix14 Maggio 2005, 09:39 #2
"iMax è destinato ad essere l'alternativa a larga banda per tutte le aree rurali in cui il servizio telefonico non è capace di garantire un broadband di qualità, e oltre alle nostre latitudini potrà essere adottato anche in regione del mondo come l'Africa"
Penso che in Africa abbiano ben più seri problemi a cui pensare che la banda larga...
ImperatoreNeo14 Maggio 2005, 10:35 #3
"Penso che in Africa abbiano ben più seri problemi a cui pensare che la banda larga..."

Già... infatti... non si sfamano milioni di bambini a suon di Mbit....
JohnPetrucci14 Maggio 2005, 11:32 #4
Staremo a vedere come si svilupperà questa tecnologia.
Sarebbe interessante se permettesse di connettere più Pc senza fili eliminando quindi router ed apparecchi wireless dalle prestazioni discutibili.
Ma il problema sicurezza non è da sottovalutare.
OverCLord14 Maggio 2005, 12:15 #5
JohnPetrucci
mi spiace disilluderti ma e' una tecnologia pensata per le MAN non per le LAN!
OverCLord14 Maggio 2005, 12:17 #6
x MixPix
iMax e' un nuovo tipo di Airport per il Mac?
LOL
MaxP414 Maggio 2005, 12:50 #7
Originariamente inviato da: MixPix]
Penso che in Africa abbiano ben più
[QUOTE=ImperatoreNeo]
Già... infatti... non si sfamano milioni di bambini a suon di Mbit....


La banda larga porta impiego, porta tecnologia, porta sviluppo, porta opportunità di lavoro e quindi soldi.
Quindi con qualche milione di bit si riesce a sfamare un po' di gente.
K0NaN`14 Maggio 2005, 12:57 #8
già, senza dimenticare i vantaggi offerti da una comunicazione veloce ed efficente, perlopiù ad un costo inferiore alla tradizionale cablatura via filo.
Nippolandia14 Maggio 2005, 13:15 #9

X OverClord

Scusa potresti spiegarmi che cosa e' il Man,conosco benissimo la Lan visto che in
si usano modem DSl solo via Lan.
Il Man non lo ho mai sentito nominare.
bau14 Maggio 2005, 13:21 #10
Scusate,
come sono i valori di latenza con questa nuova tecnologia?
Sono paragonalibili ad una ADSL interleaved o fast per esempio?

Ciao

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^