Fusion-io rompe la barriera di 1 miliardo IOPS

Fusion-io rompe la barriera di 1 miliardo IOPS

Fusion-io durante una dimostrazione, raggiunge e supera la soglia del miliardo di IOPS: una esibizione atta a mostrare il reale funzionamento della sua nuova architettura Auto Commit Memory

di Gabriele Burgazzi pubblicata il , alle 15:33 nel canale Periferiche
 

Fusion-io è un'azienda dedicata a mondo storage, con specifica attenzione al segmento professionale di questo mercato. E proprio per l'elevato livello prestazionale che sono in grado di garantire, i prodotti sviluppati da Fusion-io sono destinati alla fascia alta del mercato.

In una recente dimostrazione l'azienda è stata in grado di andare a rompere la barriera di 1 miliardo di IOPS: l'esibizione è stata mostrata presso DEMO Enterprise. Per raggiungere questo traguardo sono stati impiegati otto server HP ProLiant DL370, ognuno equipaggiato con otto ioDrive2 Duos. Tutto questi componenti sono stati utilizzati al fine di riuscire a rompere il traguardo del miliardo di IOPS con pacchetti da 64 byte.

Fusion I/O

Questa dimostrazione ha avuto lo scopo di mostrare in anteprima l'architettura ioMemory chiamata Auto Commit Memory, che dovrebbe andare a ridurre sensibilmente i tempi di latenza e garantire così dei picchi di performance maggiori.

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Tedturb009 Gennaio 2012, 15:46 #1
questo e un ivy bridge =
supermario09 Gennaio 2012, 16:02 #2
ok lo storage non e' piu' il collo di bottiglia
MetalDetector26 Marzo 2012, 18:55 #3

uhm non sapevo che il buon Woz lavorasse per loro! :D

Caspio! :-) http://www.informaticaeasy.net/hard...-fusion-io.html

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^