In buona salute il mercato degli storage esterni

In buona salute il mercato degli storage esterni

Stando ai dati forniti da IDC il mercato delle soluzioni storage esterne gode di buona salute; in crescita soprattutto le proposte per clientela enterprise

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 15:48 nel canale Periferiche
 

Il mercato mondiale delle soluzioni storage esterne ha conosciuto, nel corso della prima metà del 2010, una dinamica di ripresa decisamente interessante rispetto a quanto registrato nel corso dell'intero 2009. Con riferimento alla prima metà dello scorso anno IDC segnala come la crescita sia stata pari al 18,6%, mentre è del 3% se confrontata con la seconda metà del 2009; il controvalore complessivo del mercato è stato pari a 6,8 miliardi di dollari, in termini di volume di soluzioni commercializzate.

Dobbiamo ricordare come l'anno 2009 sia stato caratterizzato, soprattutto nei primi 6 mesi, da una forte contrazione della domanda complessiva, complice la crisi economica internazionale. Per questo motivo i risultati registrati nel corso della prima metà del 2010 devono venire opportunamente rivalutati nel loro complesso, fermo restanto che questo sia un settore che sta mandando segnali di buona salute.

Tra i principali produttori di soluzioni storage esterne, per ambito enterprise, segnaliamo la prima posizione di EMC con il 25,7% del totale del mercato nel secondo trimestre 2010, seguita da IBM al secondo posto con il 13,6%. Al terzo posto seguono NetApp e HP, rispettivamente con quote pari al 11,4 e 11,3%. Al quinto posto troviamo Dell con il 9,4%, mentre nel complesso il mercato ha rei

Forte crescita anche per le soluzioni NAS e iSCSI SAN, capaci di una crescita cumulata su base annua del 29,2% con un controvalore di mercato pari a 4,2 miliardi di dollari. Sembrano essere in particolare le proposte di fascia più alta, con prezzi da 100.000 dollari in su, quelle che banno beneficiato della crescita delle vendite nel periodo, benché questo sia avvenuto con un approccio in ogni caso prudenziale da parte degli operatori di settore.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^