L'industria bellica interessata alle tecnologie e-ink

L'industria bellica interessata alle tecnologie e-ink

Le particolarità delle tecnologie e-ink possono permettere la realizzazione di soluzioni di camuffamento per i veicoli militari

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:53 nel canale Periferiche
 

L'approdo sul mercato dei dispositvi e-reader, che hanno nel Kindle di Amazon il principale rappresentante iconico, è stato possibile grazie alla maturazione di una tecnologia, quella dell'inchiostro elettronico o e-ink, che ha permesso di concretizzare una serie di concetti che ruotavano attorno ad un'idea ben precisa: cercare di riprodurre con la tecnologia la medesima esperienza d'uso della carta stampata. Praticità, elevata leggibilità, facilità di trasporto e bassi consumi.

Uno dei tratti peculiari dei display di tipo e-ink è rappresentato dall'impiego della luce ambientale come fonte di illuminazione, a differenza di quanto avviene con i normali display a cristalli liquidi che hanno bisogno di un elemento di retroilluminazione, tipicamente una lampada apposita o dei led alle spalle del pannello. Questa caratteristica consente di essere liberi di vincoli tipici dei tradizionali display LCD, permettendo di arrivare a creare pannelli e-ink capaci di flettersi.

La maturazione, dicevamo, di questa tecnologia sta portando sul mercato i primi e-book reader di massa, per ora solamente in bianco e nero o toni di grigio, in un futuro non troppo lontano il mercato assisterà alla circolazione dei primi e-book reader a colori, dal momento che le principali aziende impegnate a sviluppare questa tecnologia stanno ora concentrandosi proprio su questi aspetti. La comparsa degli e-book rivoluzionerà (e probabilmente già lo sta facendo) il mondo dell'editoria e potrebbe avere importanti risvolti legati all'apprendimento, all'istruzione e, più in generale, alla circolazione della conoscenza.

Questo genere di tecnologia, tuttavia, sta diventando oggetto di particolare attenzione anche in ambito militare: l'azienda britannica BAE Systems sta infatti lavorando ad una tecnologia denominata "e-camouflage" che prevedendo l'impiego di soluzioni e-ink, possa consentire ai veicoli militari di mimetizzarsi con il paesaggio circostante.

Secondo le frammentarie informazioni disponibili, questo tipo di tecnologia implica la presenza di particolari sensori ottici posizionati sulla scocca del veicolo, capaci di registrare l'ambiente circostante e di riprodurlo in maniera opportuna su appositi pannelli e-ink posti a copertura del veicolo. In questa maniera le immagini presenti sugli schermi possono variare in concerto con le naturali variazioni dell'ambiente, garantendo così -almeno a livello teorico- un costante camuffamento. I dispositivi di tipo e-ink sarebbero particolarmente adatti allo scopo in virtù delle caratteristiche di flessibilità che abbiamo citato in precedenza e della peculiarità di utilizzare la luce ambientale come fonte di illuminazione.

Gli ingegneri di BAE Systems dichiarano di poter iniziare a dotare l'esercito britannico di tali tecnologie nel giro di cinque anni. Lo sviluppo delle tecnologie "e-camouflage" fa parte del più ampio programma Future Protected Vehicle, che prevede la progettazione e lo studio di sette differenti veicoli militari sia manned, sia unmanned, equipaggiati con diverse soluzioni belliche letali e non-letali.

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rubberick18 Gennaio 2011, 17:11 #1
un po' come la vanquish in uno degli ultimi 007 con pierce brosnan
iorfader18 Gennaio 2011, 17:12 #2
lol che spettacolo!!
Opteranium18 Gennaio 2011, 17:41 #3
mmm, prevedo ebook a colori e flessibili (e pure commestibili) per natale
iorfader18 Gennaio 2011, 17:51 #4
Originariamente inviato da: Opteranium
mmm, prevedo ebook a colori e flessibili (e pure commestibili) per natale


e quelli in carbonIo per la befana
vdp18 Gennaio 2011, 18:05 #5
Mi chiedo come pensano di proteggere degli schermi e-ink messi su un carro armato. Una mitragliata e addio alla copertura (oltre che a svariate decine di migliaia di euro presumo). Se mai la cosa venisse realizzata, la cosa divertente sarebbe vedere i vari hack dei soldati per "personalizzare" il mezzo nei momenti di pausa...
JackZR18 Gennaio 2011, 18:10 #6
Strano visto che hanno già inventato sistemi di occultamento più efficaci, al limite dell'invisibiltà, evidentemente è una questione di costi.
R3nN418 Gennaio 2011, 18:41 #7
La tuta di crysis non è più fantascienza XD
imayoda18 Gennaio 2011, 18:53 #8
andassero un po' a cagare con la loro industria bellica sarebbe più opportuno
tommy78118 Gennaio 2011, 18:59 #9
a dire il vero tecniche di questo tipo sono in uso da anni, ora cambiano solo la tecnologia degli schermi ma l'idea è vecchia e già collaudata anche su tute mimetiche dell'esercito americano, ovviamente non si diventa invisibili ma per i cecchini sono una manna dal cielo. se l'industria bellica investe in questa tecnologia ciò determinerà un drastico calo dei prezzi e finalmente avremo ebook reader a prezzi giusti (50-60 euro).
Origami18 Gennaio 2011, 19:54 #10
mah.... i pannelli e-ink nn sono certo solidi quanto la corazza del carro armato, basterebbe nn fico un colpo di ppistola ma una pietra per danneggiarli. quanto durerebbero in una missione di tempo di guerra?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^