OCZ Intrepid 3 e ZD-XL SQL Accelerator, SSD per il mondo server

OCZ Intrepid 3 e ZD-XL SQL Accelerator, SSD per il mondo server

Al Cebit 2013 di Hannover OCZ mette in campo due nuovi SSD per il mondo enterprise, differenziati per prestazioni e interfaccia. Ecco alcuni dettagli delle famiglie Intrepid 3 e ZD-XL SQL Accelerator

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 12:01 nel canale Periferiche
OCZ
 

OCZ cambia marcia e punta diritto verso il settore più redditizio per chi commercializza SSD, ovvero quello definito enterprise. Nel corso del Cebit 2013 di Hannover abbiamo avuto modo di parlare con il personale OCZ, che ci ha mostrato le novità per questo settore rappresentate dalle famiglie ZD-XL SQL Accelerator e Intrepid 3.

ZD-XL SQL Accelerator viene definito più che altro come una piattaforma hardware-software ottimizzata per ambienti SQL, con firmware dedicato. Disponibile in anteprima ai clienti enterprise, anche per raccogliere feedback e perfezionale il software di gestione, arriverà sul mercato a breve. Non esistono per ora valori di riferimento per quanto riguarda le prestazioni, per i quali sarà necessario attendere ancora qualche tempo.

L'altra serie enterprise offre qualche notizia in più. Sotto il nome di Intrepid 3 troviamo di fatto l'hardware già visto nelle serie consumer enthusiast Vector, con alcune differenze a lato software pensate per meglio adattarsi alla clientela business enteprise. Il controller utilizzato è quindi l'Indilinx Barefoot 3, mentre il transfer rate in lettura e scrittura dichiarato si assesta sui 560MB al secondo. Gli IOPS dichiarati ammontano a ben 125.000 con pacchetti da4k in random read, mente i tagli disponibili andranno da 120GB a 480GB.

Il valore aggiunto rispetto ai Vector lo si vede in alcune implementazioni software come la cifratura dati, la garanzia di utilizzo continuativo 24/7 per ben 5 anni, sensori di temperatura e un particolare sistema di fail protection che, in caso di mancanza di alimentazione, consente comunque all'SSD di ultimare le operazioni in coda grazie a condensatori dedicati.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^