Panasonic prepara un display LCD IPS con rapporto di contrasto statico di 1.000.000:1

Panasonic prepara un display LCD IPS con rapporto di contrasto statico di 1.000.000:1

Grazie ad una nuova tecnologia la società giapponese afferma di poter realizzare un monitor IPS con elevato rapporto di contrasto che inizialmente sarà destinato al mercato industrial e commercial

di Andrea Bai pubblicata il , alle 12:01 nel canale Periferiche
Panasonic
 

Panasonic ha sviluppato un nuovo tipo di pannello LCD IPS in grado, almeno secondo i dati di targa, di raggiungere un rapporto di contrasto di oltre 1.000.000:1. La misura si riferisce al rapporto di contrasto statico, parametro indubbiamente più attendibile rispetto alla misurazione del contrasto dinamico che spesso permette di riscontrare valori sbalorditivi.

Il rapporto di contrasto si ottiene mettendo a confronto il valore di luminanza di un pannello contro la profondità del nero. I produttori di display e televisori spesso usano la misura di contrasto dinamico per indicare il contrasto di un display, che viene ottenuto variando l'intensità della retroilluminazione del pannello, arrivando addirittura a disattivare le fonti di luce e potendo così ottenere un rapporto di contrasto virtualmente "infinito". La misura del rapporto di contrasto statico è invece misurata senza variazioni dell'intensità della retroilluminazione. I migliori display TN e IPS hanno un contrasto statico di circa 1200:1, mentre i display con tecnologia VA possono arrivare anche a 5000:1.

Panasonic afferma che il rapporto di contrasto del nuovo display è stato ottenuto impiegando "celle a modulazione di luce di nuova concezione". Queste nuove celle sono costituite da cristalli liquidi, come nelle celle di modulazione del colore. Applicandole dietro ai tradizionali pannelli IPS, è possibile controllare la trasmissione luminosa pixel per pixel, evitando inoltre fenomeni di leakage inter-pixel.

Le misure che permettono di ostacolare il passaggio della luce sono ovviamente solo metà di ciò che serve per ottenere un buon rapporto di contrasto: la società giapponese afferma a tal proposito che gli elementi di retroilluminazione che sta usando nei nuovi display possono arrivare ad emettere fino a 1000 candele su metro quadro. Si tratta di un'intensità ben oltre quella necessaria per impieghi ordinari, ma Panasonic sottolinea che i nuovi pannelli sono indirizzati principalmente ad applicazioni industriali e commerciali. L'elevata luminanza può far sì che questi display siano tranquillamente leggibili anche all'esposizione diretta alla luce del sole.

Attualmente non è possibile sapere se Panasonic abbia intenzione di portare questa tecnologia anche sul mercato consumer: con grossa probabilità si potrà avere qualche informazione in più in occasione del CES di Las Vegas, in programma dal 5 all'8 gennaio. La società giapponese ha inoltre affermato che i primi sample saranno consegnati proprio nel corso del primo mese del prossimo anno, in quanto la loro produzione è già possibile sulle linee esistenti.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
s-y05 Dicembre 2016, 13:49 #1
e' il caso di dire che si vedra'...
certo che il paragone tra le due immagini inziale nse po' guarda'
cignox105 Dicembre 2016, 14:14 #2
--e' il caso di dire che si vedra'...
certo che il paragone tra le due immagini inziale nse po' guarda'

Eppure é proprio quello che succede al mio televisore attuale, panasonic con pannello ips, i cui colori sono a io giudizio meravigliori ma il contrasto é molto meh :-)

(Ovviamente é una iperbole, non é davvero cosí male la cosa, peró é percebibile e a luci spente e con una scena scura salvo che per qualche elemento molto chiaro puó rendere addirittura difficile vedere bene i dettagli).
s-y05 Dicembre 2016, 14:31 #3
intendo il confronto tra il contrasto 'prima' e quello 'dopo', che ok che per ovvi motivi non puo' essere reso, ma potrebbero (img realizzata da panasonic da quello che ho visto) trattenersi un po'. poi lo fanno tutti ma mi fa sorridere
giuliop05 Dicembre 2016, 15:13 #4
Originariamente inviato da: s-y
intendo il confronto tra il contrasto 'prima' e quello 'dopo', che ok che per ovvi motivi non puo' essere reso, ma potrebbero (img realizzata da panasonic da quello che ho visto) trattenersi un po'. poi lo fanno tutti ma mi fa sorridere


Il fatto è che se non fai così su un LCD "normale" non vedi differenza
s-y05 Dicembre 2016, 15:21 #5
appunto... ma io eviterei, pare un dagherrotipo la prima immagine, suvvia
capisco le esigenze del marketing, ma si capisce anche come vengono costruiti i desideri, diciamo
Haran Banjo05 Dicembre 2016, 16:10 #6
In pratica Panasonic mi sta dicendo che il mio monitor attuale mi fa vedere tutto di un bel grigio uniforme.
Sembra la pubblicità per la ricrescita dei capelli.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^