RamSan-70, PCIe SSD con transfer rate di 2GB/s da Texas Memory System

RamSan-70, PCIe SSD con transfer rate di 2GB/s da Texas Memory System

Texas Memory System presenta un nuovo PCIe SSD con prestazioni elevatissime, destinato all'utilizzo in server e con una capienza di ben 900GB

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 17:25 nel canale Periferiche
 

Non di soli SSD da 2,5 pollici è costituita la rivoluzione NAND Flash in ambito storage. Sono numerosi gli esempi che, già dagli esordi, hanno cercato di portare i chip NAND Flash all'interno delle soluzioni enterprise, soppiantando almeno in termini di prestazioni le unità SAS e le vecchie SCSI.

Stiamo parlando delle soluzioni che si appoggiano all'interfaccia PCI Express, in grado di garantire bandwidth di gran lunga superiori a quelle promesse dalle classiche Serial ATA o Serial Attached SCSI. L'ultimo esempio di dispositivo estremo per il mondo enterprise arriva da Texas Memory System, che ha presentato RamSan-70 PCIe SSD, un vero e proprio mostro in grado di coniugare elevate capacità con prestazioni veramente elevate.

RamSan 70

La capienza di ben 900GB, infatti, ottenuta utilizzando chip NAND Flash SLC 32nm, è affiancata nella lista delle caratteristiche dichiarate da valori di transfer rate di ben 2GB/s in lettura e scrittura, con il valore massimo di IOPS sostenibili di circa 330.000.

Il controller è ovviamente proprietario, essendo la soluzione molto esclusiva e tagliata su misura da Texas Memory System, azienda con un know-how di tutto rispetto. Si tratta del modello Flash Controller serie 7, che incorpora un processore PowerPC e FPGA Xilinx, in grado di garantire una vita media dell'unità compresa fra i 6 e i 10 anni, ovviamente considerando un utilizzo continuativo 24/7 come tipico del mondo enterprise.

Si tratta di una vita media elevata, anche se rapportata ai comuni dischi enterprise, dove il grande stress della componentistica impone un cambio di hardware molto più frequente rispetto agli utilizzi casalighi. RamSan-70 è destinato al mercato OEM e sarà venduto entro 4-8 settimane. Nessuna indicazione riguardante il prezzo, che ci aspettiamo essere veramente elevato.

25 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
HyperText24 Maggio 2011, 17:28 #1
Mostruoso. Chissà il prezzo.
Mparlav24 Maggio 2011, 17:54 #2
Il più veloce fino ad ora era 'LSI WarpDrive SLP-300 PCIe, 300GB con questi numeri:

384GB (raw nand SLC)
1,400MB/s read and 240,000 4K read IOPS
1,200MB/s write up to 200,000 4K write IOPS

a listino a 11500$.
Recensione qui:
http://www.legitreviews.com/article/1535/1/

Il Ramsan-70 da 450GB SLC Toshiba 32nm (con overprovisioning del 17%) andrà minimo minimo per i 15000$, ed il 900GB costerà il doppio.
supertigrotto24 Maggio 2011, 17:57 #3

se lo può permettere solo ranzani

magari potessi avere un coso di questi......senza farmi asportare organi....
rollo8224 Maggio 2011, 18:02 #4
l'evoluzione che stanno portando questi dischi in ambito enterprise in certi ambienti è talmente elevata che anche costasse 20.000 dollari scommetto che già sono prenotati. ci sono posti dove elaborazioni di ore o giorni possono ridursi talmente tanto da far risparmiare così tanto tempo da potertene permettere 1 all'anno!
SaggioFedeMantova24 Maggio 2011, 18:09 #5
Originariamente inviato da: supertigrotto
magari potessi avere un coso di questi......senza farmi asportare organi....


il ranzani lo metterebbe nel navigatore del cayenne turbo
avvelenato24 Maggio 2011, 18:24 #6
Originariamente inviato da: rollo82
l'evoluzione che stanno portando questi dischi in ambito enterprise in certi ambienti è talmente elevata che anche costasse 20.000 dollari scommetto che già sono prenotati. ci sono posti dove elaborazioni di ore o giorni possono ridursi talmente tanto da far risparmiare così tanto tempo da potertene permettere 1 all'anno!


mi incuriosisci, riesci a fare qualche esempio? grazie
SerPiolo24 Maggio 2011, 18:48 #7
Originariamente inviato da: avvelenato
mi incuriosisci, riesci a fare qualche esempio? grazie


semplice, basta pensare a una simulazione a elementi finiti su Ansys per esempio... che ci vuole ore, e talvolta giorni per renderare!

Se riuscissi a farlo in 10 minuti sai quanti giorni di progettazione risparmio? Che moltiplicato per i soliti 60-70euro/h che costa un perito meccanico e 150euro/h per un ingegnere... sono tanti soldini!

E quando ci sono le gare d'appalto sul numero di ore di progettazione necessarie secondo te chi vince se uno presenta 50.000 ore e uno che ne presenta 17.000?
asuka soryu langley24 Maggio 2011, 19:07 #8

Qualche esempio?

Bhe, direi che 20'000 euro per un disco del genere li possono spendere praticamente il 90% delle aziende che hanno più di 10 rack all'interno dell centro calcolo!

Anche una "semplice" ASL o PA ha delle san da migliaia di euro per la semplice gestione degli applicativi interni! 20'000 euro in ambito enterprise sono davvero pochi se paragonati alla RESA che hanno questi dischi!

Basti pensare che CPU server dalle prestazioni di poco superiori alle versioni consumer costano 3/4 volte tanto, per capire che un disco che incrementa del 1000% le prestazioni di un tradizionale disco sata si puù pagare 20000 euro!

Pensa per esempio ai server che gestiscono le transazioni ebay, ai server di facebook, a server di centi di elaborazione dati o statistici!

Agli enormi database con migliaia di accessi simultanei!

Pensa al SETI, AL CERN DI GINEVRA, ai centri di ricerca universitari .... :P
avvelenato24 Maggio 2011, 19:20 #9
Originariamente inviato da: SerPiolo
semplice, basta pensare a una simulazione a elementi finiti su Ansys per esempio... che ci vuole ore, e talvolta giorni per renderare!

Se riuscissi a farlo in 10 minuti sai quanti giorni di progettazione risparmio? Che moltiplicato per i soliti 60-70euro/h che costa un perito meccanico e 150euro/h per un ingegnere... sono tanti soldini!

E quando ci sono le gare d'appalto sul numero di ore di progettazione necessarie secondo te chi vince se uno presenta 50.000 ore e uno che ne presenta 17.000?


non pensavo fossero applicazioni così disk-bound
marcyb5st24 Maggio 2011, 19:24 #10
A me, oltre agli esempi già citati, vengono in mente i motori di ricerca. I risultati delle query più frequenti vengono sicuramente tenuti in ram, ma per le ricerche meno frequenti questi drive sarebbero una manna. Con uno di questi abbatti di uno o due ordini di grandezza il tempo necessario al recupero dei dati (rispetto a un disco tradizionale). Mica noccioline . Diciamo che questi mostri danno il meglio in qualunque campo dove si gestiscono moli di dati gargantuesche (quanto mi piace dirlo ), che però sono partizionati in piccole entità.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^