SanDisk Optimus MAX, SSD SAS da ben 4TB

SanDisk Optimus MAX, SSD SAS da ben 4TB

Nuovi annunci da parte di SanDisk, che comprendono anche unità da 2,5 pollici SAS da ben 4TB, pensati per il mondo enterprise e con capienze che superano quelle degli hard disk tradizionali di pari dimensioni

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 15:41 nel canale Periferiche
Sandisk
 

SanDisk mette nel mirino il segmento enterprise SSD e lo fa con una nuova famiglia prodotto dal nome Optimus MAX, che va ad affiancarsi ad altre linee Optimus già presenti in listino ma a loro volta aggiornate a livello di chip con i nuovi modelli eMLC a 19nm. SanDisk Optimus MAX vanta un form factor da 2,5 pollici per garantire un aggiornamento dei sistemi che adottano questo tipo di dischi, l'interfaccia è di tipo SAS 6Gbps mentre le prestazioni dichiarate, in termini di trasfer rate, sono nell'ordine dei 400MB al secondo in lettura e scrittura.

SanDisk Optimus MAX

Ci si potrà chiedere come mai le prestazioni siano inferiori a quelle dei modelli consumer; prima di tutto occorre precisare che questi sono valori di transfer rate in lettura sequenziale, che possono voler dire tutto e nulla a seconda degli utilizzi, mentre in secondo luogo sono altri i parametri importanti nel settore enterprise. Non è un caso che vengano utilizzati chip eMLC, dove la e iniziale sta per enterprise: siamo infatti di fronte a chip particolari che arrivano a triplicare la vita media dei chip stessi rispetto alla controparte consumer, un fattore chiave per il settore di riferimento.

Ultima ma non certo per importanza è la capienza offerta, ben 4TB, che ne fanno un SSD davvero molto particolare e in grado di superare la concorrenza a piatti rotanti laddove queste unità vantano di solito un punto di forza. Le scritture giornaliere garantite sono nell'ordine dei 12TB, che deduciamo dal dato dichiarato che arriva fino a 3 DWPD (Disk Write Per Day). Sono attese inoltre nel 2015 altri due modelli da 6TB e 8TB, sebbene non si sappiano ancora i prezzi; SanDisk comunica però che il grosso delle vendite è destinato agli OEM.

Oltre a questa serie SanDisk ha presentato anche Lightning Generation II, che porta in dote l'interfaccia SAS a 12Gbps; questi modelli sono pensati per garantire velocità in lettura e scrittura maggiori, che possono essere utili a seconda dell'utilizzo che le unità saranno chiamate a svolgere nel server. Le capienze "scendono" a 200-800GB, mentre il valore di DWPD sale fino a 25, ovvero 5TB al giorno nel caso del modello da 200GB. Prestazioni? SanDisk dichiara 1000MB al secondo in lettura e 600MB al secondo in scrittura; invitiamo gli interessati a consultare l'articolato listino enterprise a questo indirizzo.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
s12a05 Maggio 2014, 16:25 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upg
Le scritture giornaliere garantite sono nell'ordine dei 12TB, che deduciamo dal dato dichiarato che arriva fino a 3 DWPD (Disk Write Per Day)


Se il drive è da 4 TB, 3 DWPD per 5 anni di garanzia fanno 4TB * 3 DWPD * 365 * 5 = 21900 TB = 21.9 PB = 19.92 PiB.

Da notare che il dato è con workload random sul 100% della capienza (drive pieno), per cui in sequenziale saranno almeno 2 o 3 volte in più. Tuttavia la durata dichiarata in scritture per i drive enterprise è da prassi con una ritenzione dei dati residua di tre mesi, mentre per i drive consumer è di un anno, cosa che per questi ultimi riduce il numero di cicli di scrittura "garantiti" (in realtà per i drive consumer i produttori garantiscono molto meno di quanto permetterebbero di fare le memorie in sè.
Cooperdale05 Maggio 2014, 16:53 #2
A occhio e croce secondo voi quanto potrebbe costare un drive del genere per una futura Workstation?
qboy05 Maggio 2014, 18:22 #3
prezzi?
Spectrum7glr05 Maggio 2014, 19:40 #4
un rene e mezzo
coschizza05 Maggio 2014, 21:53 #5
Originariamente inviato da: Cooperdale
A occhio e croce secondo voi quanto potrebbe costare un drive del genere per una futura Workstation?


considerando le specifiche è la categoria del disco direi che dasolo costera circa 2 volte l'intera workstation. I dischi enterprise costano anceh svariate migliaia di euro e questo vale anche per tagli molto piu piccoli di quelli dell'articolo.

6 anni fa dei modelli da 100GB SLC li ho pagati 8.000€ mentre 2 anni fa quelli da 400GB circa 6000€.

Le nand eMLC sono piu economiche delle SLC ma comunque restano appannaggio di pochi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^