Seagate porta 1TB nei dischi da 2,5" classe enterprise

Seagate porta 1TB nei dischi da 2,5 classe enterprise

Seagate annuncia una nuova famiglia di dischi da 2,5" destinati al mondo enterprise. Grazie all'impiego di quattro piatti, è ora possibile raggiungere la capacità di 1TB

di Gabriele Burgazzi pubblicata il , alle 09:18 nel canale Periferiche
Seagate
 

Il principale vantaggio degli hard disk da 2,5" è rappresentato dalle dimensioni: non è infatti un caso che lo standard sia spesso associato al mondo notebook, realtà in cui i dischi da 2,5" rappresentano la quasi totalità del mercato. Le soluzioni si stanno però ritagliando una fetta importante del mercato anche in ambito enterprise: le dimensioni particolarmente contenute consentono di poter alloggiare un numero maggiore di unità all'interno dei normali rack.

L'annuncio di Seagate mira proprio ad offrire un migliore supporto a questo particolare segmento: ecco quindi arrivare sul mercato Constellation.2, il primo disco di classe enterprise capace di garantire una capacità di 1TB.

La soluzione Constellation raggiunge la capienza di 1TB andando ad impiegare quattro piatti da 250GB l'uno: i dischi da 2,5" sono generalmente prodotti con due piatti per riuscire a garantire il classico spessore di 9,5mm, mentre quelli con 3 piatti raggiungono i 12,5mm. La nuova soluzione di Seagate è invece caratterizzata da uno spessore di 15mm.

Seagate Constellation

I nuovi modelli della serie Constellation sono dotati di piatti che ruotano ad una velocità di 7200 RPM e sarà commercializzato con connessioni SATA 6Gbps o SAS 6Gbps. Secondo le informazioni fornite dall'azienda la soluzione sarebbe in grado di garantire una velocità di trasferimento dati pari a 115MB/s.

I nuovi dischi della serie Constellation.2 saranno disponibili, con connessione SAS, nei tagli da 500GB e di 1TB. Nelle versioni con connessione SATA saranno invece commercializzate nei tagli da 250, 500 e 1TB. Mantenendo la linea di sviluppo seguita già nella creazione della precedente serie Constellation, i nuovi modelli saranno in grado di garantire un MTBF (Mean time between failure) di 1.4 milioni di ore.

L'assorbimento energetico, uno degli altri elementi fondamentali durante lo sviluppo di una soluzione server di classe enterprise, parla di un 3.85W in idle che sale a 6.4W sotto carico. I dischi Constellation.2 di Seagate dovrebbero inoltre avere la funzione PowerChoice, che dimezzerebbe l'assorbimento dei dischi in idle.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
faber8014 Dicembre 2010, 10:23 #1
hanno scoperto l'acqua calda... nn ce la faccio ad aumentare la densità dei cluster ?... aumentiamo il form factor dell'hd da 9 a 15 mm e ne infiliamo "2 in 1"....

Seagate.... ma per favore....
MarBel14 Dicembre 2010, 16:14 #2
Cosa è il SATA 6Gbps, professionale?

Quali sono le reali velocità degli hd 2,5" attuali? Sia "continuano" che con la testina che salta da un posto all'altro.
E il tempo medio di accesso è sempre sui 12 ms o è stato migliorato?
Ultravincent14 Dicembre 2010, 21:01 #3
MTBF di 1.4 milioni di ore... hahahaha.

Facendo 2 calcoli corrispondono a quasi 160 anni... quindi praticamente a vita, mentre sappiamo benissimo che dopo qualche anno ci abbandonano.
theboy15 Dicembre 2010, 00:11 #4
Originariamente inviato da: Ultravincent
MTBF di 1.4 milioni di ore... hahahaha.

Facendo 2 calcoli corrispondono a quasi 160 anni... quindi praticamente a vita, mentre sappiamo benissimo che dopo qualche anno ci abbandonano.


anche i WD Velociraptor hanno quello stesso MTBF

hanno fatto solo test da laboratorio mica sono incluse le condizioni sfavorevoli tipo temperature troppo basse o alte, umidità, il degrado nel tempo dei materiali, ecc
cosmax15 Dicembre 2010, 17:34 #5

cadute

ma non sarebbe meglio sviluppare un sistema che salvi i dati quando l'hd cade per terra? puo' anche essere un hd marziano,avere una capacita' e una velocita'enorme ma basta che ti cade di mano e diventa tutto inutile.
gia' ne ho buttati tre finora
ciao max
Stappern15 Dicembre 2010, 17:53 #6
Originariamente inviato da: cosmax
ma non sarebbe meglio sviluppare un sistema che salvi i dati quando l'hd cade per terra? puo' anche essere un hd marziano,avere una capacita' e una velocita'enorme ma basta che ti cade di mano e diventa tutto inutile.
gia' ne ho buttati tre finora
ciao max


caro mio mi preoccuperei del fatto che ti cadano continuamente cose di mano piuttosto
theboy15 Dicembre 2010, 18:21 #7
Originariamente inviato da: Stappern
caro mio mi preoccuperei del fatto che ti cadano continuamente cose di mano piuttosto


le cose vanno tenute al proprio posto, non in mano, coff coff Link ad immagine (click per visualizzarla)
Raid518 Dicembre 2010, 14:28 #8
Originariamente inviato da: cosmax
ma non sarebbe meglio sviluppare un sistema che salvi i dati quando l'hd cade per terra? puo' anche essere un hd marziano,avere una capacita' e una velocita'enorme ma basta che ti cade di mano e diventa tutto inutile.


Ehm ... una protezione anticaduta per un hard disk "enterprise"? A che cosa servirebbe?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^