7500 litri di acqua per un wafer da 200mm: TSMC insegna come risparmiare la preziosa risorsa

7500 litri di acqua per un wafer da 200mm: TSMC insegna come risparmiare la preziosa risorsa

TSMC terrà lezioni aperte a tutti, presso la propria sede, per condividere l'esperienza maturata in fatto di consumi di acqua e del riciclo della stessa, al fine di mettere nelle condizioni tutti di risparmiare la preziosa risorsa

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 17:12 nel canale Scienza e tecnologia
 

Taiwan Semiconductor Manifacturing Company Ltd., meglio nota come TSMC, è la più grande fonderia di semiconduttori indipendente al mondo,situata nell'isola di Taiwan presso lo Science Hsinchu Park, nella città di Hsinchu. Come gli appassionati sanno, questa tipologia di stabilimento produttivo è uno dei più avidi in termini di risorse idriche, tanto che si stima che per la produzione di un singolo wafer di silicio da 200mm servano oltre 7500 litri di acqua, considerando tutta quella necessaria all'intero ciclo produttivo.

Si tratta di un quantitativo davvero enorme, e le stime fornite da alcuni studi dell'Università dell'Arizona parlano ancora più chiaro: il consumo di acqua di una fonderia impegnata nella produzione di wafer di silicio sarebbe compreso fra 7,5 e 15 milioni di litri d'acqua per ogni giorno di piena attività, ovvero un quantitativo di acqua sufficiente all'approvvigionamento idrico giornaliero di una città di 50.000 abitanti.

In nome della sostenibilità e delle tematiche green, TSMC ha scelto di condividere la propria esperienza in fatto di riciclaggio di acqua e ottimizzazione del consumo, invitando molte altre aziende al fine di trovare modi sempre più ottimizzati di fruttare la preziosissima risorsa. Secondo 4-traders Seminari simili si terranno alla fine di novembre anche in corrispondenza di altre zone produttive, e sembra che l'iniziativa abbia riscosso molto successo.

Sono circa 100 gli ingegneri che, in TSMC, sono impegnati giornalmente ed esclusivamente sul tema del trattamento delle acque e del modo per riciclarla. Dal 2008 la percentuale di acqua recuperata si è assestata su un ottimo 83%, con picchi del 90% in alcune sedi produttive. Si tratta di valori molto positivi e ormai consolidati, motivo per cui TSMC ha deciso di condividere con altri la propria esperienza, a titolo gratuito, per facilitare la vita a chi fosse interessato a seguire una strada simile. Una buona notizia da oriente, dunque, dove fino a qualche anno fa non si dava molto credito all'importanza della salvaguardia delle risorse.

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
cat114 Novembre 2011, 17:24 #1
Finalmente una buona notizia, brava TSMC
Raghnar-The coWolf-14 Novembre 2011, 17:36 #2
un'azienda si prodiga a risparmiare acqua, un'altra non salvaguarda neppure i dipendenti...

Bisognerebbe avere più informazione suoi prodotti finali per un consumo più consapevole...
Il_Baffo14 Novembre 2011, 17:38 #3

Non mi quadra...

Ma l'acqua non evapora semplicamente finendo nel normale ciclo vapore->nuvole->pioggia?

Oppure con l'utilizzo che ne fanno la scompongono in idrogeno e ossigeno?
firo14 Novembre 2011, 17:46 #4
Data la tipologia del processo immagino che il problema sia la contaminazione dell'acqua utilizzata.
Se riescono a reciclare quella che hanno già utilizzato vuol dire che hanno anche risolto un probabile problema di inquinamento...due piccioni con una fava
Bhibu14 Novembre 2011, 17:59 #5
Originariamente inviato da: Il_Baffo
Ma l'acqua non evapora semplicamente finendo nel normale ciclo vapore->nuvole->pioggia?

Oppure con l'utilizzo che ne fanno la scompongono in idrogeno e ossigeno?


ma sei XXX o mangi i sassi?
Mith8914 Novembre 2011, 18:00 #6
ma a cosa serve tutta quell'acqua nel processo produttivo?
supersalam14 Novembre 2011, 18:04 #7
Originariamente inviato da: Mith89
ma a cosa serve tutta quell'acqua nel processo produttivo?


Pulire, tagliare, raffreddare, raccogliere polveri, produrre energia con il vapore...
tasso7914 Novembre 2011, 18:32 #8
L'espressione "consumo" d'acqua è improprio.
Portocala14 Novembre 2011, 18:37 #9
Ma usano quella del mare o quella pulita di qualche fiume?
zarkov7414 Novembre 2011, 18:49 #10
Magari si potesse usare quella del mare così com'è. Il problema, nel mondo dei semiconduttori, è il grado elevato di purezza di tutte le sostanze usate durante il processo, acqua compresa, che quindi deve essere demineralizzata e deionizzata. A questo punto entra a far parte del processo. Quindi, escludendo i processi di raffreddamento, dove l'acqua non entra in contatto diretto con i wafer, c'è il problema dell'acqua usata nei processi chimici di etching, di risciacquo, ecc ecc. Acidi e sostanze chimiche di vario tipo contaminano l'acqua che non può più essere smaltita nella rete 'normale'. Bisogna trattarla prima di smaltirla nell'ambiente, oppure riciclarla nel processo dopo averla 'pulita'...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^