A Wimbledon arriva Fred, assistente digitale gestito da IBM Watson

A Wimbledon arriva Fred, assistente digitale gestito da IBM Watson

L'intelligenza artificiale aiuterà gli spettatori ad orientarsi tra gli incontri, fornendo previsioni sui match più entusiasmanti grazie ad un'analisi incrociata di vari elementi, oltre a stilare un elenco dei momenti salienti

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:41 nel canale Scienza e tecnologia
IBM
 

Il supercomputer Watson di IBM è stato utilizzato in svariate occasioni dimostrando capacità che sembrano essere sconfinate: al di là dell'evento che gli ha consentito di apparire sotto i riflettori dell'opinione pubblica più ampia, ovvero la vincita al quiz televisivo americano Jeopardy, Watson ha mostrato la possibilità di disegnare ritratti, elaborare trattamenti medici, compilare la dichiarazione delle tasse, prevedere l'evoluzione del tempo e gestire un chatbot pensato per i bambini.

L'ultima impresa di Watson si consumerà nel corso della prossima settimana, quando IBM metterà i suoi servigi a disposizione del celebre torneo di tennis che ogni anno si tiene nella cornice di Wimbledon, nel Regno Unito. Non è la prima volta che IBM - sponsor del torneo dal 1990 - utilizza Watson nel contesto di Wimbledon: lo scorso anno il supercomputer era stato utilizzato per analizzare i volti in mezzo al pubblico, così da testare se l'intelligenza artificale fosse in grado di determinare verso quale giocatore si esprimesse il supporto solamente sulla base delle espressioni facciali.

Coloro i quali parteciperanno all'evento quest'anno avranno la possibilità di usare un'app mobile per accedere ad un assistente digitale di nome Fred, che sarà pilotato proprio da Watson. Fred sarà in grado di aiutare il pubblico a muoversi tra i vari campi, ad individuare i punti di ristoro e a conoscere quali match si stiano giocando in qualunque momento.

Ma, ovviamente, non è finita qui: la vera potenza dell'intelligenza artificiale sarà sfruttata per fornire al pubblico una previsione su quale potrebbe essere il match più avvincente della giornata sulla base di una metrica chiamata "competitive margin" che mette a confronto il rapporto tra errori forzati e non forzati dei due tennisti che si confrontano in un match. La tecnologia andrà inoltre ad indicare quali strategie e tattiche potrebbe usare un giocatore in un determinato match e quale dei due partecipanti è più probabile che vinca l'incontro.

Watson si occuperà inoltre di stilare la rassegna dei momenti salienti della giornata. Per fare ciò prenderà in considerazione, per ogni incontro, l'importanza di un punto guadagnato sul risultato complessivo di gara, la partecipazione e le reazioni del pubblico, la propagazione social di un determinato episodio e le reazioni emotive dei giocatori concentrandosi sulle espressioni del loro volto. Incrociando queste informazioni Watson andrà a determinare che cosa può essere incluso negli highlight, compiendo il lavoro in circa mezz'ora: praticamente la metà del tempo richiesto ad un essere umano per fare la stessa cosa.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^