Anche Microsoft aderisce al consorzio Hybrid Memory Cube

Anche Microsoft aderisce al consorzio Hybrid Memory Cube

Il consorzio coordinato da Samsung e Micron accoglie l'ingresso di Microsoft. Una prima bozza delle specifiche per lo standard Hybrid Memory Cube è prevista per la fine dell'anno

di Andrea Bai pubblicata il , alle 11:01 nel canale Scienza e tecnologia
SamsungMicrosoft
 

Il consorzio Hybrid Memory Cube, guidato da Micron Technology e Samsung Electronics, ha annunciato nella giornata odierna di aver accolto l'ingresso di Microsoft Corporation. Il consorzio è una collaborazione di OEM, enabler ed integrator che collaborano per sviluppare ed implementare uno standard di interfaccia aperto per la tecnologia Hybrid Memory Cube.

Micron e Samsung, le due realtà che inizialmente hanno gettato le basi alla formazione del consorzio, stanno lavorando a stretto contatto con Altera, IBM, Open-Silicon, Xilinx e da ora Microsoft per accelerare l'adozione della tecnologia HMC. Il consorzio ha intenzione di realizzare una bozza delle specifiche dello standard entro la fine dell'anno. La partecipazione al consorzio è aperta a qualunque compagnia interessata a partecipare allo sviluppo dello standard.

La tecnologia HMC promette, almeno sulla carta, un notevole passo avanti rispetto alle attuali architetture di memoria in termini di prestazioni, efficienza ed assemblaggio. L'apertura del consorzio a nuovi sviluppatori è sintomo dell'impegno a rendere Hybrid Memory Cube un nuovo standard nelle tecnologie di memoria ad elevate prestazioni.

KD Hallman, General Manager Strategic Software/Silicon Architectures per Microsoft, commenta: "La tecnologia HMC rappresenta un passo avanti nella direzione di incrementare le prestazioni e la larghezza di banda della memoria, riducendo l'energia e la latenza necessaria per trasferire i dati tra la memoria ed i core del processore. Coltivare questa soluzione per sistemi futuri porterà a nuove esperienze digitali".

Una delle sfide principali dell'industria, che rappresenta inoltre la motivazione chiave alla formazione del consorzio HMCC, è rappresentato dal fatto che la larghezza di banda necessaria per le soluzioni HPC e per gli apparati di rete di prossima generazione è ben oltre il livello offerto dalle tradizionali architetture di memoria. Sono necessarie soluzioni tecnologiche in grado di incrementare considerevolmente la densità di memoria e la larghezza di banda, riuscendo però al contempo a ridurre il consumo energetico.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
II ARROWS12 Maggio 2012, 11:40 #1
Cosa c'entra la notizia di Foxconn?
uncletoma12 Maggio 2012, 13:33 #2
Olamadonna, avere scritto due volte questa notizia: http://www.businessmagazine.it/news...voro_42082.html
II ARROWS12 Maggio 2012, 16:07 #3
A quest'ora, immagino per il fatto che nel fine settimana l'ultima notizia debba per forza contenere qualcosa apple... -_-'
Stevejedi12 Maggio 2012, 16:19 #4
Mi sa che ci vuole lunedì per il ritocco dell'articolo...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^