ARM pensa al SoC per interconnettere protesi e cervello

ARM pensa al SoC per interconnettere protesi e cervello

Un progetto di ricerca mira ad utilizzare i core Cortex-M10 come base di sviluppo per un chip impiantabile nel cervello e capace di interfacciarsi con appendici protesiche allo scopo di offrire feedback sensoriale all'utente

di Andrea Bai pubblicata il , alle 18:31 nel canale Scienza e tecnologia
ARM
 

L'ambizione di interconnettere nel profondo uomo e macchina non è una visione che solo Elon Musk sta coltivando: anche la britannica ARM ha annunciato nel corso della giornata di mercoledì un'attività di ricerca e collaborazione con il Sensorimotor Neural Engineering dell'Università di Washington che avrà lo scopo di sviluppare una linea di SoC impiantabili direttamente nel cervello umano così da poter essere utilizzati come interfaccia tra il nostro sistema nervoso e la prossima generazione di protesi.

Lo scopo? Riuscire a sgretolare una delle sfide più importanti che si staglia oggi sullo sviluppo delle appendici protesiche e cioè la mancanza di un feedback sensoriale per l'utente. Se da varie parti si assiste allo sviluppo di protesi "smart", con limitate funzionalità di consapevolezza contestuale, la capacità di trasmettere informazioni sensoriali all'utente è ancora inadeguata. ARM utilizzerà l'attuale tecnologia Cortex-M10, che rappresenta il SoC più piccolo realizzato dalla compagnia. Peter Ferguson, responsabile delle tecnologie healthcare per ARM, ha dichiarato: "Ci sono alcuni dispositivi prototipi ma la sfida è il consumo energetico e il calore generato. E' necessario qualcosa di molto piccolo e con un consumo estremamente basso".

Si tratterebbe quindi di chip "intermediari" o, come li chiama ARM "bi-directional brain-computer interfaces" con lo scopo di decodificare i segnali emessi dal cervello e tradurli in un linguaggio digitale comprensibile alle macchine e viceversa. L'ambizione è molto elevata: il progetto di ricerca, secondo ARM, potrebbe permettere di risolvere problemi di salute anche piuttosto impattanti per la qualità della vita, come accade nel caso di malattie neurogenerative quali il morbo di Parkinson o di Alzheimer o agevolare il recupero dopo episodi di ictus o danni alla spina dorsale.

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
-=W1S3=-19 Maggio 2017, 20:36 #1
Mai nome fu più azzeccato... CORTEX!
marchigiano19 Maggio 2017, 20:52 #2
be questa sarebbe una gran cosa
chichino8419 Maggio 2017, 21:37 #3
Purtroppo per le malattie neurodegenerative è più complicato ma nel campo del recupero psicomotorio in seguito a lesioni cerebrali circoscritte è senz'altro questa la strada, ci sono già diversi trial preclinici molto incoraggianti
demon7719 Maggio 2017, 22:54 #4
Non c'è nulla di più spettacolare che vedere la fantascienza trasformarsi in scienza.
Oenimora20 Maggio 2017, 00:31 #5
Mi fa venire in mente anche questo:
http://waitbutwhy.com/2017/04/neuralink.html
Avatar020 Maggio 2017, 02:39 #6
Originariamente inviato da: Oenimora
Mi fa venire in mente anche questo:
http://waitbutwhy.com/2017/04/neuralink.html


bel pezzo, grazie per il link.
Roran20 Maggio 2017, 15:21 #7
automail 2.0

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^