Batterie litio-ione con anodi di silicio grazie alle gabbiette di grafene

Batterie litio-ione con anodi di silicio grazie alle gabbiette di grafene

Dalla Stanford University arriva un metodo per ricoprire le particelle di silicio con un guscio di grafene che permette di mantenere le prestazioni degli anodi per le batterie litio-ione

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:01 nel canale Scienza e tecnologia
 

Un gruppo di scienziati della Stanford University e del Dipartimento dell'Energia dello SLAC National Accelerator Laboratory statunitense, ha sviluppato un metodo che rende possibile la realizzazione di batterie litio-ione con anodi di silicio. Questo tipo di anodo è in grado di conservare una quantità di energia per carica 10 volte superiore rispetto agli anodi esistenti in commercio, e consentire di conseguenza la realizzazione di batterie ad alte prestazioni più piccole e più leggere.

Durante la carica le particelle di silicio si gonfiano tre volte tanto rispetto alla loro dimensione originale fino a quando non si incrinano e si frantumano. Le particelle reagiscono inoltre con l'elettrolita della batteria e formano una pellicola che compromette le loro prestazioni. Per mitigare questo genere di problema i ricercatori hanno avvolto ciascuna particella di silicio in una sorta di "gabbietta" di grafene.

La gabbietta è di dimensioni sufficientemente ampie da consentire alle particelle di silicio di espandersi durante la carica, ma abbastanza piccole da mantenere insieme tutti i pezzi quando le particelle tendono a infrangersi, così che possano continuare ad operare al massimo delle loro prestazioni. Le gabbiette possono inoltre interrompere le reazioni chimiche distruttive con l'elettrolita.

"Questo nuovo metodo ci permette di usare particelle di silicio molto più grandi, da uno a tre micron di diametro, che sono economiche e ampiamente disponibili. Di fatto le particelle che abbiamo usato sono molto simile allo scarto creato dalla levigatura dei lingotti di silicio usati per la realizzazione di chip. Le particelle di queste dimensioni non hanno mai mostrato un buon comportamento negli anodi delle batterie prima d'ora, quindi questo è un risultato molto entusiasmante, e pensiamo possa offrire una soluzione pratica" ha spiegato Yi Cui, professore associato presso Stanford e che ha coordinato la ricerca.

Per realizzare le gabbiette di grafene della giusta dimensione, i ricercatori hanno ricoperto le particelle di silicio con nickel e quindi fatto crescere strati di grafene sul nickel che agisce da catalizzatore per promuovere la crescita del grafene. Come ultimo passo hanno rimosso il nickel tramite un bagno acido, lasciando lo spazio sufficiente nella gabbia di grafene perché la particella di silicio possa espandersi. Il prossimo passo della ricerca è riuscire a ottimizzare il processo e realizzare particelle di silicio "ingabbiate" in sufficienti quantità da poter costruire batterie di test per verificare una loro possibile commercializzazione.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Korn09 Febbraio 2016, 17:24 #1
due chimere insieme: batterie a lunga durata e grafene
Muppolo109 Febbraio 2016, 18:15 #2
Hey un momento... mancano i nanotubi di carbonio nell'articolo
;-)
smartiz09 Febbraio 2016, 18:30 #3
Se mi avessero dato un dollaro per ogni notizia come questa che ho letto negli ultimi 15 anni, ora sarei milionario.
Mah...
fankilo11 Febbraio 2016, 22:06 #4
Scusate un secondo:
nell' articolo si parla di un metodo per prolungare la vita delle particelle di litio.
Cosa c' entra il fatto che si ha una quantità di energia per carica 10 volte superiore?

Confused

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^