Batterie trasparenti, presto una realtà?

Batterie trasparenti, presto una realtà?

Due ricercatori della Stanford University realizzano una batteria trasparente che può essere utilizzata all'interno dei comuni dispositivi elettronici

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:03 nel canale Scienza e tecnologia
 

Due ricercatori della Stanford University hanno pubblicato i risultati di un progetto di ricerca volto ad esplorare le possibilità di realizzare batterie trasparenti che possano essere utilizzate nei comuni dispositivi elettronici ed aprire così la strada a cellulari, tablet, lettori di ebook completamente trasparenti.

Yi Cui, professore associato di scienze ed ingegneria dei materiali e di scienza fotonica per lo SLAC National Accelerator Laboratory, e il dottorando Yuan Yang, hanno pubblicato nell'ultima edizione di Proceedings of the National Academy of Sciences il documento "Batterie trasparenti agli ioni di litio", dove hanno spiegato quale procedimento hanno utilizzato per realizzare le batterie trasparenti.

Partendo dal presupposto che i fondamentali elementi attivi di una batteria non possono essere resi trasparenti o sostituiti con alternative trasparenti, Yang e Cui hanno approcciato il problema da una differente direzione: rendere i componenti così piccoli da non essere percepibili ad occhio nudo. Yang spiega: "Se qualcosa è più piccolo di 50 micron (65-80 micron è lo spessore del capello umano) il nostro occhio non lo avverte, come fosse trasparente, perché il massimo potere risolutivo dell'occhio umano è compreso indicativamente tra i 50 ed i 100 micron".

I due ricercatori hanno quindi ideato una struttura reticolare destinata agli elettrodi della batteria, dove ciascuna delle linee che costituisce il reticolo ha una larghezza approssimativamente di 35 micron. La luce filtra attraverso lo spazio tra le linee, le quali essendo così sottili fanno apparire l'intera struttura come fosse trasparente. Per costruire quanto progettato i ricercatori si sono comunque dovuti affidare ad un elemento trasparente per costruire l'intelaiatura del reticolo, ed hanno scelto il polidimetilsilossano (PDMS), un polimero trasparente che viene già comunemente utilizzato nell'ambito della ricerca e nel mondo medico.

"Il PDMS è abbastanza economico e già usato in applicazioni come la chirurgia plastica e la produzione lenti a contatto. Non è però un materiale conduttore e dobbiamo pertanto depositare elementi metallici su di esso" ha spiegato Yang. Il PDMS è stato versato in uno stampo a reticolo per dar luogo al reticolo, il quale è stato esposto a vapori metallici per creare uno strato conduttore.

A questo punto i ricercatori hanno versato sulla struttura una soluzione contenente nanoparticelle di elettrodi attivi. Yang ha sviluppato una speciale sostanza trasparente che venga interposta tra gli elettrodi, modificando un esistente gel elettrolita in maniera tale che possa agire sia da elettrolita sia da separatore. Questo è un passaggio fondamentale nella ricerca portata avanti da Cui e da Yang, in quanto tutti i separatori utilizzati nelle batterie convenzionali non sono trasparenti.

Andando a collocare uno strato di elettrolita tra due elettrodi i ricercatori hanno creato una batteria funzionante. A questo punto è possibile sovrapporre più livelli, in maniera tale da creare batterie di diversa capacità e potenza. Più le linee dei reticoli sono fatte corrispondere accuratamente, maggiore sarà la trasparenza del dispositivo. I test condotti da Yang e Cui hanno dimostrato una trasparenza del 62% alla luce visibile e del 60% con tre celle complete impilate l'una sull'altra. La struttura si è inoltre dimostrata essere molto flessibile.

Secondo le informazioni disponibili, il processo di realizzazione di questa batteria sarebbe più economico di quanto ci si potrebbe aspettare. Commenta Cui: "Il costo è simile a quello delle normali batterie, in special modo se si impiegano metalli a basso costo come collettori di corrente. Non vi sono ragioni per le quali non possa essere prodotta in maniera economica".

Vi è comunque una limitazione, rappresentata dalla minore densità di energia rispetto alle comuni batterie al litio. I ricercatori affermano infatti che la batteria flessibile ha mostrato una densità di energia comparabile a quella delle batterie al nickel-cadmio.

Yang e Cui sono comunque ottimisti sul fatto che il progresso nella scienza dei materiali permetterà di trovare soluzioni in grado di migliorare la densità di energia di queste batterie. Il processo di produzione può essere adattato alle economie di scala e vi sono potenziali per le applicazioni commerciali. Cui ha inoltre dichiarato di aver avviato la procedura per richiedere il brevetto per la batteria trasparente.

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Lord Snow28 Luglio 2011, 17:49 #1
Spero e immagino che toglieranno i fondi a ricercatori che ricercano cose cosi' stupide -.-
sbudellaman28 Luglio 2011, 18:38 #2
Ma il fatto che sia trasparente quali vantaggi porta ?
Stevejedi28 Luglio 2011, 19:02 #3
Originariamente inviato da: Lord Snow
Spero e immagino che toglieranno i fondi a ricercatori che ricercano cose cosi' stupide -.-


Spero che non lascino mai a te il compito di decidere a chi destinare i fondi per le ricerche...
birmarco28 Luglio 2011, 19:31 #4
Originariamente inviato da: sbudellaman
Ma il fatto che sia trasparente quali vantaggi porta ?


Ipotizzando un display trasparente (già esistenti ma da migliorare) per un dispositivo mobile (ad es tablet) trasparente la batteria, che è il componente più grosso, ridurrebbe la parte non trasparente al minimo. Va beh... magari di un tablet trasparente te ne fai quanto uno non trasparente peròin usi simili potrebbe essere utile

Originariamente inviato da: Stevejedi
Spero che non lascino mai a te il compito di decidere a chi destinare i fondi per le ricerche...


Lo spero anche io!
Pier220428 Luglio 2011, 19:48 #5
Originariamente inviato da: birmarco
Ipotizzando un display trasparente (già esistenti ma da migliorare) per un dispositivo mobile (ad es tablet) trasparente la batteria, che è il componente più grosso, ridurrebbe la parte non trasparente al minimo. Va beh... magari di un tablet trasparente te ne fai quanto uno non trasparente peròin usi simili potrebbe essere utile


Ottimo modo per esaltare le ditate...
StePunk8128 Luglio 2011, 19:52 #6
se ne sentiva il bisogno
desmy28 Luglio 2011, 19:55 #7
beh trovo stupende queste ricerche e mi rammarico che nn si facciamo in italia patria di fermi volta e leonardo, dove tutti i fondi vanno in ricerche insulse sui comportamenti sociali e degli animali e in quelle mediche mentre il campo tecnologico deve mantenersi con qualke fondo dato dalle piccole aziende
Kino8728 Luglio 2011, 20:21 #8
uhm, si potrebbe includere la batteria nel vetro di un dispositivo immagino... specie su un tablet si avrebbe una bella superficie e su qualsiasi dispositivo sarebbe pur sempre una periferica d'accumulazione secondaria da affiancare ad una batteria tradizionale (con densità e capacità maggiori), no?
II ARROWS28 Luglio 2011, 20:29 #9
- La vedi la batteria?
- No
- Perché è trasparente!
- No, perché c'è il coperchio.




[Prima che qualcuno dimostri la sua assenza del senso dell'umorismo, la prima cosa che ho pensato leggendo il titolo dell'articolo è stato sui dispositivi completamente trasparenti.]

Comunque è una cazzata, il problema delle batterie è la carica, e poi non hanno fatto nulla! Si sono limitati a mettere un involucro trasparente attorno a minibatterie (che appunto mantengono poca energia).
marchigiano28 Luglio 2011, 21:42 #10
in effetti io il premio lo darei a chi trova una applicazione utile per questo tipo di batteria

a meno che non finisca in qualche gingillo cinese tipo quadro con display lcd tutto trasparente inclusa la batteria... roba da bancarella insomma

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^